HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Papers

Seleziona per argomento:

AmbienteEnergia & MercatoRinnovabiliFossiliNucleareEfficienza & RisparmioMobilità sostenibileRiciclo e RifiutiSostenibilitàGli stakeholder dell'energia
Seleziona per tag:

"Valutazione della sostenibilità degli impianti termici e cogenerativi secondo l'approccio Eureka"

"Valutazione della sostenibilità degli impianti termici e cogenerativi secondo l'approccio Eureka"

Autore: Marta Palma, Arturo Lorenzoni - Facoltà Ingegneria Energetica - Universita degli Studi di Padova

IN SINTESI: Qualunque intervento dell’uomo o scelta energetica comporta degli effetti sull’ambiente circostante, inteso come natura, tessuto sociale, contesto culturale e sistema paese. L’equilibrio tra le variabili che definiscono gli interventi antropici è una condizione imprescindibile per garantire uno sviluppo sostenibile. Quest’ultimo è una forma di sviluppo economico che ricerca un equilibrato rapporto tra gli ecosistemi naturali e le attività umane, ponendo particolare attenzione alla tutale ambientale, del patrimonio culturale e al soddisfacimento dei bisogni dell’uomo, quali la qualità della vita presente e futura.
All’interno di questo contesto si colloca il progetto Eureka, un’iniziativa promossa da Orizzontenergia, sotto la guida dell’Ing. Ruscito, con la collaborazione di Repower ai fini di promuovere una cultura condivisa della sostenibilità tramite un sistema di valutazione di singoli investimenti energetici.
Il progetto prende vita come strumento digitale, costituito da una simulazione, che permette di valutare la sostenibilità ambientale, socio-istituzionale, economica e globale delle diverse scelte energetiche. L’intento divulgativo si concretizza rendendo gli utenti consapevoli della complessità del tema ‘sostenibilità’ e delle variabili che intervengono nella sua determinazione.
L’obiettivo di questo lavoro è la creazione di due modelli, uno relativo impianti termici l’altro riguardante impianti cogenerativi, che possano costituire lo scheletro per l’estensione dello strumento digitale, già esistente per impianti elettrici.
Il desiderio è di permettere all’ipotetico utenteutente
Soggetto che consuma elettricità o gas.
di sviluppare delle simulazioni al fine di prendere delle decisioni ponderate, o per lo meno essere a conoscenza delle diverse possibilità esistenti, relativamente il soddisfacimento delle proprie esigenze elettriche e termiche. Non si vuole ignorare la caratteristica divulgativa e informativa dell’intero progetto: accanto all’aspetto interattivo, che prevede la partecipazione dell’utente nell’esprimere delle valutazioni circa i diversi impatti, si affiancano delle sezioni costitute da informazioni, indicazioni e suggerimenti.
Il lavoro si suddivide in tre capitoli, nei quali si tratta la sostenibilità relativamente impianti elettrici, termici e cogenerativi secondo l’approccio Eureka.

Nel primo capitolo è presentata la metodologia Eureka per la valutazione della sostenibilità d’impianti di generazione elettrica. In particolare sono analizzati i processi di calcolo che intervengono nella determinazione dell’indice di sostenibilità relativo le tre sezioni considerate:

  • ambientale;
  • socio-istituzionale;
  • economico.

Il secondo capitolo presenta il lavoro svolto ai fini della definizione di un modello in grado di determinare la sostenibilità d’impianti termici. Sono analizzate le variabili che concorrono alla definizione degli indici di sostenibilità per quattro tecnologie:

  • caldaiacaldaia
    Dispositivo in cui l'energia chimica posseduta da un combustibile viene trasformata in calore attraverso un processo di combustione. Il calore ottenuto generalmente assolve compiti di riscaldamento oppure viene impiegato per produrre vapore (in questo caso si parla di generatore di vapore).
    a gas a condensazione;
  • caldaia a biomassabiomassa
    In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende " la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani ". Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
    ;
  • pompa di calorepompa di calore
    Macchina in grado di trasferire calore da un corpo a temperatura più bassa ad un corpo a temperatura più alta, utilizzando energia elettrica. Le pompe di calore funzionano grazie a diversi principi fisici, ma sono classificate in base alla loro applicazione (trasmissione di calore, fonte di calore, dispersore di calore o macchina refrigeratrice).
    ;
  • solare termico.

Si è prestata particolare attenzione alla presentazione dei quesiti e delle informazioni proposti all’utente, nell’ottica di esporre il modello in una versione già improntata all’implementazione dello strumento di simulazione digitale.

Il terzo capitolo propone il modello ideato per l’analisi della sostenibilità d’impianti cogenerativi. Le tecnologie analizzate cercano di racchiudere il desiderio di esporre delle opzioni di scelta che possano rappresentare soluzioni sia altamente diffuse e consolidate sia innovative. Si propone quindi il modello per cinque tecnologie:

  • motore a combustionecombustione
    Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
    interna;
  • microturbina;
  • impianto combinato cogenerativo;
  • ciclo Rankine a fluido organicoorganico
    Aggettivo applicato a qualunque sostanza abbia origine animale o vegetale.
    abbinato a caldaia a biomassa;
  • ciclo Rankine a fluido organico abbinato a impianto solare termico.

Anche in questo caso, si sono voluti evidenziare i quesiti e le informazioni posti all’ipotetico utente, al
fine di presentare il modello come base per l’estensione dello strumento di simulazione digitale.

Leggi il documento


"La domotica per l’autonomia e l’accessibilità e l'accessibilità"

"La domotica per l’autonomia e l’accessibilità e l'accessibilità"

Autore: Prof. Fulvio Corno - Politecnico di Torino

IN SINTESI: Introduzione alla DomoticaLa domotica è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio di tecnologie e di soluzioni architetturali atte a migliorare la qualità della vita in un ambiente domestico. L’obiettivo di un impianto domotico è quello di rendere più “intelligente” l’ambiente nel quale è installato al fine di aumentarne la sicurezza, centralizzare il controllo dell’abitazione, semplificare lo svolgimento delle più comuni operazioni anche ad individui che possiedano delle disabilità, e attuare politiche di eficientamento  e risparmio energeticorisparmio energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
.

Leggi il documento


"Sostenibilità dei sistemi produttivi. Strumenti e tecnologie verso la green economy"

Autore:  Laura Cutaia, Roberto Morabito - ENEA

IN SINTESI: Il tema della green economy come strumento di uscita dalla crisi economica mondiale e, insieme alla governance, anche come strumento di lotta alla povertà, è al centro della Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo SostenibileSviluppo Sostenibile
Lo sviluppo sostenibile è quel tipo di sviluppo che garantisce i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere il futuro delle generazioni a venire. I tre obiettivi dello sviluppo sostenibile sono: prosperità economica, benessere sociale e limitato impatto ambientale. La prima definizione, risalente al 1987, è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland, poi ripresa successivamente dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo dell'ONU.
denominata “Rio+20” (Rio de Janeiro, giugno 2012). La brossura, "Sostenibilità dei sistemi produttivi. Strumenti e tecnologie verso la green economy", offre una panoramica su tecnologie, politiche, strategie, normative e strumenti legislativi, necessari sul percorso della sostenibilità; non è ovviamente onnicomprensivo di tutti gli strumenti da utilizzare per indirizzare l’economia verso la green economy e la sostenibilità, ma è uno dei primi tentativi, se non il primo, di descrizione sistematica, seppur non esaustiva, della “tool box” da utilizzare per un approccio integrato, l’unico che può essere considerato adeguato per la sostenibilità dei sistemi produttivi. 

Leggi il documento


"L'Ambiente è una questione di impegno"

Autore: G.B. Zorzoli - Il Pianeta Terra

IN SINTESI: Riflessioni dell'autore sull'Enciclica "Laudato sì" ribadendo che "Occorre affrontare lo sviluppo in modo nuovo, monito di particolare attualità" e che "Non si tratta di mettere in seconda linea gli oviettivi più concreti e immediati, [...] ma di inquadrarli sempre e dovunque nel contesto dei costi per sè e per i propri figli che ciascuno dovrà sopportare, se non si cambia direzione di marcia".

Leggi il documento


"Energia e Cambiamenti Climatici Rapporto IEA 2015"

Autore: IEA - Agenzia Internazionale per l'EnergiaEnergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)

IN SINTESI: Questo rapporto speciale, fa parte della serie dei rapporti della World Energy Outlook, che valuta l'effetto dei recenti sviluppi sull'energie a basse emissioni di carboniocarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
ed ai contributi finora proposti a carattere nazionale di ogni singolo paese
. Si rileva che, nonostante gli impegni mondiali per il rallentamento delle emissioni legate all'energia, queste continuano ad aumentare. Per compensare ciò i governi dovranno aumentare gli sforzi rivedendo regolarmente i loro impegni, definendo obiettivi più realistici e realizzabili a lungo termine nonchè monitorare i loro progressi  La relazione propone inoltre l'adozione di cinque misure per poter raggiungere, a breve termine, un picco al ribasso  delle emissioni legate all'energia a livello mondiale, mantenendo i loro potenziali sforzi a carattere nazionali. (Inglese)

Leggi il documento


"Il contributo della Green Economy per la ripresa dell'Italia"

Autore: Edo Ronchiex-Ministro dell'Ambiente, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo SostenibileSviluppo Sostenibile
Lo sviluppo sostenibile è quel tipo di sviluppo che garantisce i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere il futuro delle generazioni a venire. I tre obiettivi dello sviluppo sostenibile sono: prosperità economica, benessere sociale e limitato impatto ambientale. La prima definizione, risalente al 1987, è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland, poi ripresa successivamente dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo dell'ONU.

IN SINTESI: Presentazione durante il Meeting di Primavera in preparazione degli Stati Generali della Green Economy 2015. Temi affrontati: Conferenza di Parigi: cambiamento climatico e Green Economy; Trend nel mondo per la Green Economy; Strumenti economici: fondi Europei e fiscaità ecologica; Green Economy.

Leggi il documento


"Cos'è la Rete Natura 2000?"

Autore: Piemonte Parchi - 2015

IN SINTESI: L'agile manualetto descrive questo sistema ecologico diffuso su tutto il territorio dell'Unione Europea. Cinquantadue pagine descrivono questo importante strumento della politica europea - istituito per garantire il mantenimento degli habitathabitat
Termine generico indicante l'ambiente naturale che permette la nascita e lo sviluppo di esseri viventi, animali o vegetali.
naturali e delle specie di flora e fauna minacciati o rari - soffermandosi sui successi, i limiti, gli esempi, i ruoli delle regioni e delle aree naturali protette.

Leggi il documento


"La Ricetta Italiana, gli obbiettivi al 2020"

Autore: R. Filippini, T. Franci, R. Scialdoni e M. Tommasi - Amici della TerraAmici della Terra
Associazione ambientalista presente in Italia dal 1978 che costituisce la rappresentanza italiana di Friends of the Earth International.Gli Amici della Terra promuovono azioni di educazione al rispetto verso l'ambiente, sostenendo iniziative sul territorio affinchè i governi e le istituzioni sovranazionali adottino politiche di sviluppo sostenibile.

IN SINTESI: Il rapporto ipotizza che un obiettivo significativo al 2020 per l’Italia potrebbe essere quello di ridurre l’intensità energetica del 15% rispetto al 2010 e del 25% nel 2030. Ad esso andrebbero associati obiettivi settoriali (definiti attraverso specifici indicatori) di miglioramento dell’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
nei diversi settori di consumo finale dell’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
.

Leggi il documento


"Dichiarazioni di impatto ambientale turbine eoliche Siemens"

Autore: Siemens

IN SINTESI: La Divisione Wind Power and Renewables di Siemens ha presentato quattro nuovi documenti riguardanti la valutazione di impatto ambientaleimpatto ambientale
L'insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l'avvio di una determinata attività ha sull'ambiente naturale circostante.
delle proprie turbine eoliche
 (Environmental Product Declarations, EPD), ciascuna delle quali rappresenta una delle quattro piattaforme di prodotti che fanno parte del portfolio della divisione. I dati inseriti si basano sul ciclo di vita - Life Cycle Assessments (LCAs) - di quattro progetti eolici definiti: due impianti eolici offshore con 80 turbine eoliche e due progetti eolici onshore con 20 turbine eoliche. I nuovi documenti offrono preziosi parametri chiave sulle prestazioni ambientali dei prodotti Siemens. (Inglese)

Leggi il documento


"Rapporto OISE 2014 Innovazione e sostenibilità nel settore edilizio"

Autore: OISE, Legambiente,  Fillea Cgil, Feneal Uil, Filca Cisl

IN SINTESI: Per assicurare un futuro sostenibile all’Italia siamo convinti che sia necessario, e possibile, affrontare la crisi economica e sociale insieme a quella ecologica, riqualificando il nostro sviluppo nella direzione di una green economy.
Riteniamo che anche in Italia vi siano le condizioni sia per affrontare le grandi sfide poste da una grave crisi economica e finanziaria, sia per realizzare le misure impegnative necessarie per affrontare la crisi climatica, cogliendo il vento che spira, in diverse parti del mondo, a favore dell’innovazione, della differenziazione, della conversione ecologica dell’economia, per aprire la strada ad uno sviluppo durevole e sostenibile. Tenendo ben presente che, così come avviene nelle istituzioni europee per le scelte importanti che non possono cambiare ad ogni legislatura, sugli obiettivi di fondo che hanno una valenza integrata, economica ed ecologica, è necessario costruire un’ampia convergenza, capace di andare oltre gli schieramenti politici e di attivare il contributo di cittadini, istituzioni e imprese.

Leggi il documento


"Biocarburanti: prevenzione del rilascio, comportamento ambientale, bonifica e monitoraggio"

Autore: ISPRA

IN SINTESI: L’introduzione e l’uso di qualsiasi nuovo carburante possono presentare degli impatti sull’ambiente e i biocarburanti non fanno eccezione. A causa delle diverse proprietà dei biocarburanti, questi combustibili mostrano differenze note o ragionevolmente attese nel comportamento ambientale rispetto ai combustibili tradizionali. Le differenze nelle proprietà del biocarburante e quindi nel comportamento ambientale, possono essere valutate utilizzando un approccio che partendo da nuove strategie per la sua caratterizzazione, passa per la valutazione del rischio sanitario ed ambientale delle varie componenti (compresi gli additivi) presenti nelle miscele e i suoi prodotti di degradazione a breve e lungo termine ed arriva all'applicazione di misure per la riduzione del rischio.

Leggi il documento


"I vantaggi dell’efficienza energetica Fare di più, riducendo i costi e le emissioni"

Autore: ABB

IN SINTESI: Le tecnologie che vengono utilizzate nell’intera catena del valore: dall’estrazione delle materie prime alla loro trasformazione in elettricità, gas naturalegas naturale
Idrocarburo che ha un'origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un'alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S).
liquefatto
e prodotti raffinati del petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
... fino all’uso efficiente di queste risorse nell’industria, nei trasporti e negli edifici. per trarre il massimo valore da ogni unità energetica consumata.

Leggi il documento


"Rapporto annuale sul monitoraggio della generazione distribuita"

Autore: AEEG

IN SINTESI: Rapporto n.427/2014/I/Eel - Pubblicato dall'Autorità  per l'energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
sulla base degli ultimi dati disponibili, aggiornati al 2012. Dai numerosi dati e grafici riportati si conferma il trend di forte crescita delle mini- centrali per  numero di impianti, per potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
installata e per produzione lorda. Particolarmente evidente è il notevole sviluppo degli impianti di piccola taglia, per lo più fotovoltaici: infatti, oltre il 99% degli impianti monitorati per un totale di 482mila, è di piccolissime dimensioni con una capacità di generazione non superiore a 1 MW. Nell'insieme, le 'micro-centrali' hanno una capacità produttiva di 15.105 MW,   rappresentano il 35,6%  della  produzione  totale  (20,3 TWh)  e  utilizzano  quasi  esclusivamente  fonti  rinnovabili (98%), prevalentemente solare (70%) ma anche biomasse, biogasbiogas
Miscela di gas prodotti in seguito ad un processo di digestione anaerobica di materiale organico di origine vegetale e animale. Alcuni batteri provvedono a decomporre il materiale organico, in ambiente privo di ossigeno, producendo una miscela gassosa formata da metano (50÷70%), anidride carbonica (35÷40%) e tracce di altri gas. Le materie prime utilizzabili sono residui agricoli, zootecnici dell'industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui.
e bioliquidi. Da notare che circa il 40% dell'energia prodotta da generazione distribuita viene autoconsumata mentre il rimanente viene immesso in rete o, in piccolissima parte, utilizzato per servizi ausiliari della produzione. 
Il Rapporto è stato realizzato adottando per la prima volta la definizione europea di "generazione distribuita" che comprende tutti gli "impianti di generazione connessi al sistema di distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
", senza limiti di  potenza; nei precedenti rapporti, invece, la generazione distribuita era definita come l'insieme degli impianti di produzione aventi potenza inferiore a 10 MVA. In questo scenario assumono particolare rilevanza gli interventi di regolazione per  promuovere l'integrazione della generazione distribuita nel sistema elettrico e garantire la sicurezza, innovando le modalità di gestione delle reti e degli impianti e promuovendo lo sviluppo delle infrastrutture di rete, tra cui le smart grids.

Executive Summary

Dati relativi alla Generazione Distribuita (GD) e alla piccola generazione (PG) nell'anno 2012 in Italia

Leggi il documento


"EU-ETS: andamento del meccanismo alla luce della pubblicazione dei dati emissivi per il 2013"

Autore: Emanuele Vendramin - RIE, gme

IN SINTESI: La Commissione europea ha recentemente reso pubblici i dati di compliance emissiva per gli impianti regolati dall’Emissions TradingTrading
Attività di acquisto e/o di vendita di prodotti (materie prime o commodities) sui mercati internazionali.
Scheme
. In base alle disposizioni del Pacchetto Clima EnergiaEnergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
le installazioni europee che impiegano dei processi industriali ad alta intensità carbonica o che sono dotate di impianti di combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
con potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
calorifera superiore a 20 MW devono pubblicare entro il 2 aprile di ogni anno sul registro europeo delle emissioni (EUTL) l’ammontare di gas serra rilasciato in atmosferaatmosfera
Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
nell’anno precedente e contestualmente consegnare un pari quantitativo di permessi corrispondenti. Nel 2013 le emissioni prodotte dagli oltre 12.000 impianti compresi nel registro europeo delle emissioni sono risultate inferiori del 3% rispetto a quanto rilevato nel 2012. Grazie al contributo degli ultimi anni l’Unione è riuscita a rompere lo stretto legame tra crescita economica e aumento delle emissioni di gas serra, ridottesi del 19% tra il 1990 e il 2012 a fronte di una crescita del PIL di oltre il 44%, potendo così vantare il superamento sia dell'obiettivo di riduzione emissiva nel periodo 2008-2012, regolato dagli impegni sottoscritti con il Protocollo di KyotoProtocollo di Kyoto
È un accordo internazionale sull'ambiente siglato nel 1997 da oltre 160 paesi per la riduzione delle emissioni climalteranti. Entrato in vigore a febbraio 2005, prevede entro il 2012 la riduzione complessiva delle emissioni di gas serra del 5,2% rispetto ai livelli del 1990 (considerato come anno di riferimento). Per i Pesi in via di sviluppo non sono stati previsti obiettivi di riduzione. Il protocollo di Kyoto ha introdotto dei meccanismi (i cosiddetti "meccanismi flessibili") per l'adempimento degli obiettivi di ciascun Paese, favorendo la cooperazione internazionale. Essi sono il Clean developmenti Mechanism, il Joint Implementation e l'Emission Trading.
 per un ammontare pari a circa 4,2 miliardi di tonnellate, sia dell’obiettivo tendenziale per il periodo 2013-2020, regolato dagli impegni unilaterali del Pacchetto Clima-Energia per ulteriori 1,3 miliardi di tonnellate...

Leggi il documento


"Piano di Settore Bioenergie: Le filiere bioenergetiche e l’agricoltura italiana"

Autore: V. Pignatelli - ENEA, Itabia, MPAAF

IN SINTESI: la multifunzionalità dell'agriturismo, le agroenergie, le fattorie didattiche, ecc e la green economy costituiscono una valida opportunità di integrazione al reddito che può corroborare le produzioni storicamente legate all’alimentare; infatti, numerosi agricoltori stanno dimostrando una straordinaria capacità di adattamento puntando sulla diversificazione delle produzioni, con attività di supporto e secondarie, che oggi rappresentano il 15% del fatturato complessivo. Di conseguenza, lo sviluppo della bioenergia, in chiave di filiere integrate al contesto aziendale e al territorio, potrà divenire un valido strumento per fronteggiare la situazione con ricadute positive in termini economici ed ambientali. A tal fine occorre definire dei percorsi sostenibili, considerando in un’ottica di sistema le tante componenti e le complesse interazioni fra il sistema agricolo nazionale, la produzione e i consumi di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
, l’ambiente e il territorio del nostro Paese.

Leggi il documento


"Energy Sustainability Index 2013"

Autore: World Energy Council (WEC) - 2013

IN SINTESI: l’indice riporta una classifica delle politiche energetiche di molti stati. Questi sono valutati in base al World Energy Trilemma, tre aspetti fondamentali per andare verso la sostenibilità energetica: sicurezza energetica, equità energetica e mitigazione degli impatti ambientali. I Paesi sviluppati con quote elevate di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
proveniente da fonti di energiafonti di energia
Sorgenti di energia o sostanze dalle quali può essere prodotta energia utile direttamente o dopo trasformazione. Le fonti di energia possono essere classificate in diversi modi a seconda del contesto di riferimento: risorse esauribili (principalmente petrolio, gas naturale, carbone, legna); risorse rinnovabili (tutte quelle derivanti direttamente o indirettamente dall'energia solare, dal calore endogeno terrestre e dalle maree); risorse primarie (utilizzabili direttamente come si trovano in natura: petrolio, carbone, gas naturale, legna); risorse secondarie (in cui l'energia deriva dalla trasformazione dell'energia primaria in altra forma di energia, ad esempio idroelettrico, energia elettronucleare eccetera); risorse commerciali ( ovvero soggette a transazioni commerciali e quindi facilmente quantificabili, derivanti da quattro tipi principali di fonti: carbone, petrolio, gas naturale, elettricità primaria); risorse non commerciali (non soggette a transazioni commerciali: ad esempio residui di coltivazioni, legna di sottobosco eccetera nei Paesi in via di sviluppo; sebbene assenti dal commercio internazionale in alcuni Paesi rivestono grande importanza); risorse tradizionali (derivanti da prodotti vegetali o animali: legna, carbone di legna, torba, sterco essiccato).
a basse emissioni di carboniocarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
e sostenuti dai programmi d’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
ben consolidati, risultano superare la maggior parte delle altre nazioni in tutte le tre dimensioni del trilemma energetico. (Inglese)

Leggi il documento


"World Happiness Report 2013"

Autore: Sustainable Development Solutions Network ( SDSN ) - ONU - 2013

IN SINTESI: Un importante punto di riferimento sullo stato della felicità a livello planetario. Questo rapporto prende in esame le tendenze nel corso del tempo e propone delle classifiche in merito al livello di soddisfazione dei cittadini di ciascuno Stato. I dati suggeriscono che quando le persone vivono più a lungo, sono più produttive e guadagnano di più, sono anche cittadini migliori. Per questo motivo, il benessere dovrebbe essere perseguito non solo per sé stesso, ma per gli effetti che produce sulla società. (Inglese)

Leggi il documento


"Prospects for domestic EU coal production and imports into the EU - How to reduce geopolitical risk through diversification"

Autore: Erich Schmitz, Managing Director Verein

IN SINTESI: La presentazione illustra che con le attuali regole e regimi di mercato gli impianti termoelettici a combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
di fonti fossili sono comunque necessari in quanto il prezzo dell'elettricità prodotto dalle rinnovabili è al di sopra del costo della produzione che va a scapito degli utenti finali. [Inglese]

Leggi il documento


"Power plant improvement programme at STEAG - using clean coal technologies to improve efficiency and ensure flexibility as a means to balance intermittent renewables"

Autore: Hans Wolk van Koeller, STEAG GmbH

IN SINTESI: la presentazione illustra il contributo apportato per la sicurezza e continuita energetica, dal rimpiazzamento del nuclearenucleare
Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
alla diversificazione delle risorse, la stabilizzazione del sistema attraverso un sistema di bilanciamentobilanciamento
Servizio svolto dal gestore della rete elettrica al fine di mantenere l'equilibrio tra l'energia immessa e quella prelevata.
efficiente dovuto al'intermitenza delle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
, il contenimento degli investimenti con bassi costi valiabili ed maggior flessibilità, la riduzioni delle emissioni atmosferiche con l'uso combinato di impianti efficienti e tecnologie innovative. [Inglese]

Leggi il documento


"The role of coal in the present and the future European power mix"

Autore: Stef Vergote - DG ENERGY - UE

IN SINTESI: La presentazione illustra l'importanza del fuel mix (mix energetico) quale strategia energetica, gli obiettivi da raggoingere dopo il 2020 ed entro il 2030, il miglior efficientamento della combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
dei combustibili fossili, l'applicazione delle nuove tecnlogie quale CCS, Carbon Capture and Storage (Cattura e sequesto del CarbonioCarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
) [Inglese]

Leggi il documento


 

Pagina 1 di 12: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 [Succ] [10>>]

Energia: Cogliere le opportunità della 4°rivoluzione industriale e della rivoluzione della mobilità22/11/2017
Energia: Cogliere le opportunità della 4°rivoluzione industriale e della rivoluzione della mobilità

Milano, novembre 2017 – La nuova SEN fissa, in linea con quelli che sono gli obiettivi al 2030 una serie di target da raggiungere, ambiziosi ma...

Leggi tutto

Energia: Il mercato delle microgrid in continua evoluzione, grazie anche a tecnologie italiane22/11/2017
Energia: Il mercato delle microgrid in continua evoluzione, grazie anche a tecnologie italiane

Marco Pigni (Membro gruppo Sistemi di Accumulo, microgrid e GD - ANIE Energia) nel corso dell'intervista ci ha offerto la propria visione sulle...

Leggi tuttoArchivio

Energia: La forza del brand e modalita' di fidelizzazione del cliente09/10/2017
Energia: La forza del brand e modalita' di fidelizzazione del cliente

Il digital ha radicalmente rivoluzionato il modo di operare all’interno delle aziende; quali sono state  le principali ripercussioni interne alla...

Leggi tuttoArchivio

Energia: L'impianto di depurazione che produce energia e calore da celle a combustibile

Un innovativo sistema a celle a combustibile permette all’impianto di depurazione di Collegno della SMAT, la Società Metropolitana Acque di...

Guarda

Tilos, Grecia. L'isola energeticamente Green

EURONEWS - Futuris

Un'isola completamente autosufficiente dal punto di vista energetico grazie alle fonti rinnovabili. Il suo parco eolico e i...

GuardaVideo per argomento

Quanto ne sai su
Mappe Tematiche?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

"La verde pelle di Gaia""La verde pelle di Gaia"

Dialogo tra un biologo e un druido nel bosco
"Immaginate un sorprendente incontro fra due studiosi della natura divisi da duemila anni di progressi...

Leggi tuttoLetture per argomento

02/04/2018 - Milano - mcTER - Contabilizzazione calore

Il primo evento sulla contabilizzazione del calore

I condomini e gli edifici polifunzionali serviti da un impianto termico centralizzato o da una rete di teleriscaldamento devono essere dotati di contabilizzazione e termoregolazione del calore per poter misurare l'effettivo consumo di calore e/o...

Leggi tuttoEventi per settore
Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti