HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

"Bioenergie: Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta"

Autore: M. Bianchi - Universita di Bologna

IN SINTESI: Presentazione dello studio comparativo tra i diversi sistemi di accumulo oggi commercialmente disponibili o in fase di sviluppo, con particolare riferimento ai sistemi elettrochimici e a quelli di accumulo ad idrogenoidrogeno
Primo elemento della tavola periodica, presente sulla Terra in forma combinata, soprattutto nell'acqua e nei composti organici. Esso è costituito da 3 isotopi: prozio (cioè l'idrogeno propriamente detto) per più del 99.9 %, il deuterio e il trizio. La forma molecolare dell'idrogeno (H2) dà origine ad un gas inodore, incolore, altamente infiammabile e molto più leggero dell'aria (ecco perché lo si trova in bassissime concentrazioni in atmosfera).
. Progettazione di un prototipo di sistema integrato di generazione ed accumulo che preveda la presenza di una batteria elettrochimica, di un sistema ad idrogeno e di un microgeneratore a fonte rinnovabile. Messa a punto di una metodologia di controllo dell’intero sistema ottimizzata nell’ottica di una massimizzazione dell’energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
 prodotta da fonte nonprogrammabile
, in risposta ai carichi elettrici richiesti.

 

Data: 26/09/2013

Leggi il documento

Ti potrebbe interessare anche...

"Le energie rinnovabili nella climatizzazione""Le energie rinnovabili nella climatizzazione"

L'uso dell'energia nella nostra società è un bisogno ineluttabile e che non si può ragionevolmente pensare di poter ridurre. Quello che si può fare è, però, sostituire l'energia fossile (gas, gasolio, carbone)...

Scopri tutte le letture consigliate

Energia: La transizione energetica dell'Italia tra fonti fossili e "costi nascosti" delle rinnovabili18/04/2018
Energia: La transizione energetica dell'Italia tra fonti fossili e "costi nascosti" delle rinnovabili

Alessandro Clerici (Presidente Onorario WEC e FAST) ci espone le proprie riflessioni in merito alla tematica della transizione energetica, che...

Leggi tutto

Eolico: La fase di stallo italiana in attesa dell'impulso delle nuove procedure d'asta18/04/2018
Eolico: La fase di stallo italiana in attesa dell'impulso delle nuove procedure d'asta

Simone Togni (Presidente ANEV - Associazione Nazionale Energia del Vento) ha discusso con noi della situazione attuale del comparto eolico nel...

Leggi tuttoArchivio

Rinnovabili: Le FER nel 2017 e sviluppi normativi e di mercato attesi per il 201821/02/2018
Rinnovabili: Le FER nel 2017 e sviluppi normativi e di mercato attesi per il 2018

Il quadro delle fonti rinnovabili in Italia nell’anno appena concluso rivela come nel 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Rinnovabili?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti