HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Papers

Seleziona per argomento:

AmbienteEnergia & MercatoRinnovabiliFossiliNucleareEfficienza & RisparmioMobilità sostenibileRiciclo e RifiutiSostenibilitàGli stakeholder dell'energia

"EU-ETS: andamento del meccanismo alla luce della pubblicazione dei dati emissivi per il 2013"

Autore: Emanuele Vendramin - RIE, gme

IN SINTESI: La Commissione europea ha recentemente reso pubblici i dati di compliance emissiva per gli impianti regolati dall’Emissions TradingTrading
Attività di acquisto e/o di vendita di prodotti (materie prime o commodities) sui mercati internazionali.
Scheme
. In base alle disposizioni del Pacchetto Clima EnergiaEnergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
le installazioni europee che impiegano dei processi industriali ad alta intensità carbonica o che sono dotate di impianti di combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
con potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
calorifera superiore a 20 MW devono pubblicare entro il 2 aprile di ogni anno sul registro europeo delle emissioni (EUTL) l’ammontare di gas serra rilasciato in atmosferaatmosfera
Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
nell’anno precedente e contestualmente consegnare un pari quantitativo di permessi corrispondenti. Nel 2013 le emissioni prodotte dagli oltre 12.000 impianti compresi nel registro europeo delle emissioni sono risultate inferiori del 3% rispetto a quanto rilevato nel 2012. Grazie al contributo degli ultimi anni l’Unione è riuscita a rompere lo stretto legame tra crescita economica e aumento delle emissioni di gas serra, ridottesi del 19% tra il 1990 e il 2012 a fronte di una crescita del PIL di oltre il 44%, potendo così vantare il superamento sia dell'obiettivo di riduzione emissiva nel periodo 2008-2012, regolato dagli impegni sottoscritti con il Protocollo di KyotoProtocollo di Kyoto
È un accordo internazionale sull'ambiente siglato nel 1997 da oltre 160 paesi per la riduzione delle emissioni climalteranti. Entrato in vigore a febbraio 2005, prevede entro il 2012 la riduzione complessiva delle emissioni di gas serra del 5,2% rispetto ai livelli del 1990 (considerato come anno di riferimento). Per i Pesi in via di sviluppo non sono stati previsti obiettivi di riduzione. Il protocollo di Kyoto ha introdotto dei meccanismi (i cosiddetti "meccanismi flessibili") per l'adempimento degli obiettivi di ciascun Paese, favorendo la cooperazione internazionale. Essi sono il Clean developmenti Mechanism, il Joint Implementation e l'Emission Trading.
 per un ammontare pari a circa 4,2 miliardi di tonnellate, sia dell’obiettivo tendenziale per il periodo 2013-2020, regolato dagli impegni unilaterali del Pacchetto Clima-Energia per ulteriori 1,3 miliardi di tonnellate...

Leggi il documento


"Piano di Settore Bioenergie: Le filiere bioenergetiche e l’agricoltura italiana"

Autore: V. Pignatelli - ENEA, Itabia, MPAAF

IN SINTESI: la multifunzionalità dell'agriturismo, le agroenergie, le fattorie didattiche, ecc e la green economy costituiscono una valida opportunità di integrazione al reddito che può corroborare le produzioni storicamente legate all’alimentare; infatti, numerosi agricoltori stanno dimostrando una straordinaria capacità di adattamento puntando sulla diversificazione delle produzioni, con attività di supporto e secondarie, che oggi rappresentano il 15% del fatturato complessivo. Di conseguenza, lo sviluppo della bioenergia, in chiave di filiere integrate al contesto aziendale e al territorio, potrà divenire un valido strumento per fronteggiare la situazione con ricadute positive in termini economici ed ambientali. A tal fine occorre definire dei percorsi sostenibili, considerando in un’ottica di sistema le tante componenti e le complesse interazioni fra il sistema agricolo nazionale, la produzione e i consumi di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
, l’ambiente e il territorio del nostro Paese.

Leggi il documento


"Trasmettere Energia: Sistemi di Trasmissione"

Autore: Terna

IN SINTESI: Trasmettere energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
vuol dire trasferirla dai centri di produzione alle zone di consumo. Perché ciò avvenga occorrono linee e stazioni di trasformazione: gli elementi che costituiscono la Rete di TrasmissioneTrasmissione
Attività di trasporto dell'elettricità sulla rete a partire dai centri di produzione sino ai centri di utilizzo. Il maggiore proprietario della rete di trasmissione nazionale dell'energia elettrica ad alta tensione è Terna.
Nazionale. A concludere la filiera del sistema elettrico è la fase della distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
, cioè la consegna di elettricità in media e bassa tensionebassa tensione
Tensione inferiore a 1000 V in corrente alternata ed inferiore a 1500 V in corrente continua.
agli utenti finali.

Leggi il documento


"La geotermia: la situazione del contesto italiano"

Autore. P. Pastorino - La Termoelettrica

IN SINTESI: Recentemente la Direzione Generale per l’Energia NucleareEnergia Nucleare
Energia derivante dalle trasformazioni che coinvolgono i nuclei atomici (fissione o fusione). Attualmente la produzione di energia elettrica con il nucleare si basa sulla fissione, dal momento che i processi di fusione nucleare sono ancora in fase di studio e ricerca. Il combustibile impiegato è l'uraniouranio
Elemento metallico radioattivo che si trova sottoforma di ossidi o sali nelle rocce, nel suolo, nell'aria e nell'acqua. L'uranio, così come si trova in natura, è costituito da tre isotopi: l'uranio 238 (per il 99.9 %), l'uranio 235 (l'uranio fissile impiegato come combustibile nelle centrali nucleari) e l'uranio 234, in piccolissime tracce.
 235, contenuto in piccola concentrazione nell'uranio naturale. Nelle centrali di questo tipo l'enorme quantitativo di energia che si libera dalle reazioni nucleari viene ceduto a un fluido che a sua volta la cede all'acqua che poi percorre un ciclo di potenza uguale a quello delle centrali a vapore convenzionali.
, le Energie RinnovabiliEnergie Rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
e l’Efficienza EnergeticaEfficienza Energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
del Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato un Piano di Azione per le Energie Rinnovabili in Italia al 2020, in riferimento alla Direttiva Europea 28/2009 che fissa obiettivi nazionali obbligatori e stabilisce un quadro comune per la promozione dell’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
. In merito all’energia termicaenergia termica
Calore.
da fonte rinnovabile al geotermico è stato assegnato un obiettivo modesto, di poco superiore al 2%, contro il 9% atteso della biomassabiomassa
In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende " la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani ". Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
e il 2,2% dal solare.

In realtà questa forma energetica potrebbe essere maggiormente sfruttata soprattutto in Italia.

Leggi il documento


"La cogenerazione aiuta l’efficienza energetica"

Autore: M. Bianchi, Università di Bologna - Tekneco

IN SINTESI: Articolo - L’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
rappresenta uno strada obbligata da percorrere per il futuro: la riduzione dei consumi consente infatti di alleggerire le bollette di famiglie e imprese e comporta degli importanti benefici per l’ambiente. Una delle tecnologie che può meglio assicurare questo risultato è la cogenerazionecogenerazione
Processo di produzione congiunta di energia elettrica e calore utile, in cascata, che può essere impiegato per scopi industriali (calore di processo) o per il teleriscaldamento. La cogenerazione comporta un sensibile risparmio di energia primaria rispetto alla produzione separata di elettricità a calore.
ad alto rendimentorendimento
In termini generali il rendimento è il rapporto tra "quanto ottenuto" in un processo e "quanto speso" per fare avvenire lo stesso processo. In termodinamica rappresenta la capacità di un sistema di convertire l'input di calore in lavoro utile. Il rendimento è un numero puro (cioè non ha unità di misura) ed è sempre compreso tra 0 e 1. A seconda dei termini che vengono messi a confronto è possibile ottenere diverse tipologie di rendimento utili a definire la bontà di un processo o di una macchina (per esempio rendimento elettrico, rendimento termico, ecc..) ma il ragionamento alla base è sempre lo stesso.
.

Leggi il documento


"Condizioni generali per le centrali elettriche a carbone devono essere migliorate affinché la svolta energetica sia un successo"

Autore: Wolfgang Cieslik, Steag GmbH

IN SINTESI: questa nota stampa delucida la situazione generale in Europa sull'utilizzo del carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
fossile
per la generazione elettrica, mette infatti in evidenza come il cosumo di carbon fossile e le importazioni in Europa si sono sviluppate in direzioni diverse nel primo trimestre del 2014. Per quanto riguarda l'Italia, la produzione di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
da impianti eolici è salito rapidamente da 9 TWh nel 2010 a oltre 14 TWh nel 2013. Mentre la produzione di energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
da fotovoltaico è passata da 1,9 TWh nel 2010 a più di 11 volte nel 2013 (22 TWh). L'inverno mite non ha contribuito all'aumento della domanda di carbon fossile. Tuttavia, il clean-dark-spead che avrebbe favorito la generazione dal carbone ha registrato comunque una riduzione a causa del calo dei prezzi del gas ed un po' all'aumento dei pressi della CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

. Si attende comunque che per tutto il 2014 la tendenza al consumo di carbon fossile in tutta Europa sia al ribasso, il che significa un calo delle importazioni, soprattutto se le condizioni meteorologiche continueranno a favorire la generazione dalle energie rinnovabilienergie rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
. (Inglese)

Leggi il documento


"Analisi dei trend dei principali inquinanti atmosferici in Italia (2003 – 2012)"

Autore: ISPRA

IN SINTESI: L’obiettivo di questo studio è stato quello di verificare l’eventuale esistenza di un trend temporale statisticamente significativo nelle serie di dati dei principali inquinanti atmosferici (materiale particolatoparticolato
Insieme delle sostanze sospese in aria, composto da tutte quelle particelle solide e liquide che si disperdono in atmosfera a causa di fattori naturali (pollini, erosione di rocce, polvere cosmica, ecc..) e di fattori antropici (traffico urbano, emissioni da riscaldamento domestico, fumo di tabacco, centrali termoelettriche, ecc..).
, ossidi di azotoazoto
Elemento chimico costituente il 78% dell'aria in volume. L'uso commerciale più diffuso dell'azoto è nella produzione di ammoniaca, sostanza costituente dei fertilizzanti. L'azoto liquido è impiegato anche come refrigerante per il trasporto di alimenti.
, benzene, monossido di carboniocarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
e ozono
in Italia, nel periodo dal 2003 al 2012. Per l’analisi statistica è stato utilizzato il test di Kendall corretto per la stagionalità. Lo studio offre, per la prima volta in Italia con questa estensione, una visione d’insieme delle tendenze in atto. Nel periodo analizzato la concentrazione in aria di inquinanti primari, (CO, C6H6) la cui fonte di emissioneemissione
Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell'atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull'ambiente.
pr
incipale sono le emissioni dei veicoli alimentati da motori a combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
 
interna, ha subito una notevole riduzione. i risultati dell’analisi statistica dei trend sono coerenti con le stime di riduzione delle emissioni. si rileva anche una larga prevalenza di casi in cui le concentrazioni di PM10 ed NO2 diminuiscono; tuttavia non mancano le eccezioni in particolare per l’NO2 le cui cause andrebbero indagate localmente. la mancata riduzione delle concentrazioni dell’ozono è spiegabile, almeno in parte, con la sua natura di inquinante secondario per il quale manca una relazione di proporzionalità diretta con la riduzione delle emissioni dei precursori.

Leggi il documento


"Il peso dell'Overcapacity e della transizione alla low carbon energy sugli scenari di sviluppo delle interconnessioni italiane"

Autore: M. Gallanti - RSE, I-COM

IN SINTESI: In un sistema verticalmente integrato lo sviluppo della rete e del parco di generazione era parte di un unico processo svolto dall’utilityutility
Azienda che si occupa della forniutura di beni o servizi di pubblica utilità come ad esempio energia elettrica, gas e acqua.
, con l’obiettivo di garantire l’adeguatezza e la sicurezza del sistema elettrico al minimo costo. In un sistema liberalizzato lo sviluppo della rete elettricarete elettrica
Insieme delle linee elettriche, delle stazioni elettriche e delle cabine elettriche adibite alle operazioni di trasmissione e distribuzione dell'elettricità. La rete elettrica può essere ad alta tensione (da 40 a 380 kV), a media tensione (da 1 a 30 kV) o bassa tensione (380 V).
e quello generazione sono due processi «paralleli», svolti da soggetti diversi, ognuno dei quali persegue il proprio obiettivo di business. Le interconnessioni nate per garantire il mutuo soccorso tra sistemi elettrici sostanzialmente autosufficienti cosi le politiche energetiche europee, espresse attraverso le Direttive sull’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
 che si sono susseguite dagli anni 90, mettono al centro un unico mercato europeo dell’energia contribuendo alla sicurezza degli approvvigionamenti.

Leggi il documento


"Perchè il fotovoltaico e le rinnovabili sono una storia di successo per l'Italia"

Autore: Agostino Re Rebaudengo - AssoRinnovabili - Giugno 2014

IN SINTESI: "Perchè il fotovoltaico e le Rinnovabili sono una storia di successo per l'Italia" - Audizione in merito all'esame del Disegno di Legge N.1541, Conversione in Legge del Decreto Legge 24 Giugno 2014, N.91 - X Commissione Permanente Senato (Industria, Commercio, Turismo - XIII Commissione Permanente Senato (Territorio, Ambiente, Beni Ambientali).

Leggi il documento


"Energy Sustainability Index 2013"

Autore: World Energy Council (WEC) - 2013

IN SINTESI: l’indice riporta una classifica delle politiche energetiche di molti stati. Questi sono valutati in base al World Energy Trilemma, tre aspetti fondamentali per andare verso la sostenibilità energetica: sicurezza energetica, equità energetica e mitigazione degli impatti ambientali. I Paesi sviluppati con quote elevate di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
proveniente da fonti di energiafonti di energia
Sorgenti di energia o sostanze dalle quali può essere prodotta energia utile direttamente o dopo trasformazione. Le fonti di energia possono essere classificate in diversi modi a seconda del contesto di riferimento: risorse esauribili (principalmente petrolio, gas naturale, carbone, legna); risorse rinnovabili (tutte quelle derivanti direttamente o indirettamente dall'energia solare, dal calore endogeno terrestre e dalle maree); risorse primarie (utilizzabili direttamente come si trovano in natura: petrolio, carbone, gas naturale, legna); risorse secondarie (in cui l'energia deriva dalla trasformazione dell'energia primaria in altra forma di energia, ad esempio idroelettrico, energia elettronucleare eccetera); risorse commerciali ( ovvero soggette a transazioni commerciali e quindi facilmente quantificabili, derivanti da quattro tipi principali di fonti: carbone, petrolio, gas naturale, elettricità primaria); risorse non commerciali (non soggette a transazioni commerciali: ad esempio residui di coltivazioni, legna di sottobosco eccetera nei Paesi in via di sviluppo; sebbene assenti dal commercio internazionale in alcuni Paesi rivestono grande importanza); risorse tradizionali (derivanti da prodotti vegetali o animali: legna, carbone di legna, torba, sterco essiccato).
a basse emissioni di carboniocarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
e sostenuti dai programmi d’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
ben consolidati, risultano superare la maggior parte delle altre nazioni in tutte le tre dimensioni del trilemma energetico. (Inglese)

Leggi il documento


"World Happiness Report 2013"

Autore: Sustainable Development Solutions Network ( SDSN ) - ONU - 2013

IN SINTESI: Un importante punto di riferimento sullo stato della felicità a livello planetario. Questo rapporto prende in esame le tendenze nel corso del tempo e propone delle classifiche in merito al livello di soddisfazione dei cittadini di ciascuno Stato. I dati suggeriscono che quando le persone vivono più a lungo, sono più produttive e guadagnano di più, sono anche cittadini migliori. Per questo motivo, il benessere dovrebbe essere perseguito non solo per sé stesso, ma per gli effetti che produce sulla società. (Inglese)

Leggi il documento


"A chi ha, sarà dato - La distribuzione locale gas, il delta Vir/Rab e la concorrenza"

Autore: IBL-Istituto Bruno Leoni

IN SINTESI: Si legge su questa Policy Paper che "la proposta dell'Autorità per l'EnergiaEnergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
di introdurre - qualora la gestione di una rete di distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
locale gas fosse affidata a un newcomer in esito a una procedura competitiva - una nuova componente tariffaria a copertura del relativo delta Vir/Rab appare coerente con gli obiettivi che l'Aeegsi è tenuta a perseguire. Tali obiettivi sono la promozione della concorrenza, il contenimento dei costi e la creazione di un ambiente normativo certo e stabile. La distribuzione locale gas, pur essendo stata aperta formalmente alla concorrenza per il mercato sin dal decreto Letta (2000), di fatto arriva oggi, per la prima volta, a misurarsi col mercato. Questo richiede non solo l'indizione di gare disegnate in modo pro-concorrenziale, trasparenti e aperte, ma anche l'eliminazione, per quanto possibile, delle esistenti barriere all'ingresso"
.

Leggi il documento


"Renewables 2014 - Global Status Report"

Autore: REN21

IN SINTESI: Rapporto che fa il punto sulla situazione relativa alle installazioni mondiali di impianti a fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
. In generale, i dati mostrano un forte sviluppo, con una potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
installata che ha superato nel 2012 i 1.470 GWe, con un aumento di circa l’8,5% rispetto al 2011. (Inglese)

Leggi il documento


"The production of electricity and coal: the anomaly of the Italian case"

Autore: Rinaldo Sorgenti, Assocarboni Vicepresident

IN SINTESI: Una panoramica sul caso Italia a proposito della generazione elettrica dall'utilizzo del carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
(inglese)

Leggi il documento


"Prospects for domestic EU coal production and imports into the EU - How to reduce geopolitical risk through diversification"

Autore: Erich Schmitz, Managing Director Verein

IN SINTESI: La presentazione illustra che con le attuali regole e regimi di mercato gli impianti termoelettici a combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
di fonti fossili sono comunque necessari in quanto il prezzo dell'elettricità prodotto dalle rinnovabili è al di sopra del costo della produzione che va a scapito degli utenti finali. [Inglese]

Leggi il documento


"Power plant improvement programme at STEAG - using clean coal technologies to improve efficiency and ensure flexibility as a means to balance intermittent renewables"

Autore: Hans Wolk van Koeller, STEAG GmbH

IN SINTESI: la presentazione illustra il contributo apportato per la sicurezza e continuita energetica, dal rimpiazzamento del nuclearenucleare
Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
alla diversificazione delle risorse, la stabilizzazione del sistema attraverso un sistema di bilanciamentobilanciamento
Servizio svolto dal gestore della rete elettrica al fine di mantenere l'equilibrio tra l'energia immessa e quella prelevata.
efficiente dovuto al'intermitenza delle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
, il contenimento degli investimenti con bassi costi valiabili ed maggior flessibilità, la riduzioni delle emissioni atmosferiche con l'uso combinato di impianti efficienti e tecnologie innovative. [Inglese]

Leggi il documento


"The role of coal in the present and the future European power mix"

Autore: Stef Vergote - DG ENERGY - UE

IN SINTESI: La presentazione illustra l'importanza del fuel mix (mix energetico) quale strategia energetica, gli obiettivi da raggoingere dopo il 2020 ed entro il 2030, il miglior efficientamento della combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
dei combustibili fossili, l'applicazione delle nuove tecnlogie quale CCS, Carbon Capture and Storage (Cattura e sequesto del CarbonioCarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
) [Inglese]

Leggi il documento


"Strategia Europea per la Sicurezza Energetica"

Autore: Parlamento e Consiglio Europeo

IN SINTESI: La strategia descritta in questa comunicazione si basa su una serie di punti di forza e sulle lezioni apprese dal applicazione delle politiche attuali, nonché dall'efficacia delle risposte dell'Unione Europea della precedenti crisi di approvvigionamentoapprovvigionamento
Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
energetico
: l'Europa ha compiuto progressi significativi verso il completamento del mercato interno unico dell'energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
con maggiori interconnessioni; ha raggiunto dei record a nivello mondiale in termini di intensità energetica e ha un mix energetico più equilibrato rispetto al resto dei paesi e continenti del mondo. (Inglese)

Leggi il documento


"Monitoraggio sui progressi delle tecnologie per l'energia pulita 2014"

Autore: IEA - Agenzia Internazionale per l'EnergiaEnergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)

IN SINTESI: Un monitoraggio sui progressi delle tecnologie  per le energie pulite che fornisce  delle raccomandazioni specifiche ai governi su come scalare l'implementazione di queste tecnologie chiave verso un sicuro, pulito e competitivo futuro energetico (Inglese).

Leggi il documento


"Il Gas Naturale Italiano: Panoramica del Mercato"

Autore: M. Verda, ISPI - Istituto per gli Studi di Politica Internazionale - Milano

IN SINTESI: La presentazione illustra una panoramica di dati sulla produzione, consumo, prezzi ed il mercato del Gas NaturaleGas Naturale
Idrocarburo che ha un'origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un'alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S).
.
(Inlgese)

Leggi il documento


 

Pagina 5 di 40: [Prec] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 [Succ] [10>>] [20>>]

Energia: Cogliere le opportunità della 4°rivoluzione industriale e della rivoluzione della mobilità22/11/2017
Energia: Cogliere le opportunità della 4°rivoluzione industriale e della rivoluzione della mobilità

Milano, novembre 2017 – La nuova SEN fissa, in linea con quelli che sono gli obiettivi al 2030 una serie di target da raggiungere, ambiziosi ma...

Leggi tutto

Energia: Il mercato delle microgrid in continua evoluzione, grazie anche a tecnologie italiane22/11/2017
Energia: Il mercato delle microgrid in continua evoluzione, grazie anche a tecnologie italiane

Marco Pigni (Membro gruppo Sistemi di Accumulo, microgrid e GD - ANIE Energia) nel corso dell'intervista ci ha offerto la propria visione sulle...

Leggi tuttoArchivio

Energia: La forza del brand e modalita' di fidelizzazione del cliente09/10/2017
Energia: La forza del brand e modalita' di fidelizzazione del cliente

Il digital ha radicalmente rivoluzionato il modo di operare all’interno delle aziende; quali sono state  le principali ripercussioni interne alla...

Leggi tuttoArchivio

Energia: L'impianto di depurazione che produce energia e calore da celle a combustibile

Un innovativo sistema a celle a combustibile permette all’impianto di depurazione di Collegno della SMAT, la Società Metropolitana Acque di...

Guarda

Tilos, Grecia. L'isola energeticamente Green

EURONEWS - Futuris

Un'isola completamente autosufficiente dal punto di vista energetico grazie alle fonti rinnovabili. Il suo parco eolico e i...

GuardaVideo per argomento

Quanto ne sai su
I nostri convegni?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

"Energia dal deserto - I grandi progetti per le rinnovabili nel Mediterraneo""Energia dal deserto - I grandi progetti per le rinnovabili nel Mediterraneo"

"L'opera propone uno scenario comune in grado di valorizzare i vantaggi competitivi dei Paesi della sponda Sud del Mediterraneo e quelli dei paesi...

Leggi tuttoLetture per argomento

02/04/2018 - Milano - mcTER - Contabilizzazione calore

Il primo evento sulla contabilizzazione del calore

I condomini e gli edifici polifunzionali serviti da un impianto termico centralizzato o da una rete di teleriscaldamento devono essere dotati di contabilizzazione e termoregolazione del calore per poter misurare l'effettivo consumo di calore e/o...

Leggi tuttoEventi per settore
Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti