HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Eolico: La necessita' di recuperare il terreno perduto

Simone Togni, Presidente ANEV, nel corso dell'intervista ci spiega come mai il settore eolico dopo anni di sviluppo stia osservando un periodo di rallentamento negli investimenti. Vengono inoltre delineati scenari futuri del settore.

Nel 2016 in Europa sono stati installati nuovi impianti eolici per ben 12.500 MW di capacità aggiuntiva, mentre in Italia le nuove installazioni hanno comportato un incremento pari a 282 MW di capacità aggiuntiva. Dopo anni di costante crescita nel nostro paese, come spiega questo rallentamento?

L’eolico in Italia ha visto un periodo di transizione negli ultimi due anni che gli hanno fatto perdere terreno. Oggi dobbiamo recuperare la strada persa con un serio piano di sviluppo che consenta finalmente al Paese di sfruttare le significative potenzialità ancora disponibili. Oggi l’industria Italiana dell’eolico ha dimostrato solidità e capacità di trasformarsi dando risultati significativi in termini di efficienza e riduzione dei costi. In questo percorso di trasformazione è stato fondamentale il ruolo dell’ANEV che ha garantito un percorso di crescita sana e robusta, che ha supportato le aziende serie e i progetti più meritevoli tanto che le ultime Aste hanno visto esprimere dei valori degli incentivi di aggiudicazione addirittura al di sotto dei valori europei. Di questo la politica deve fare tesoro per spingere su una tecnologia come quella eolica che oggi è competitiva a livello europeo e può garantire all’Italia occupazione, industria e sviluppo nei prossimi decenni.

 eolico1

 

Ultimamente ANEV ha stretto importanti collaborazioni, come testimoniato dall’alleanza stretta da poco con ISES. A quali esigenze vuole rispondere questa strategia?

L’ANEV ha da sempre ottimi rapporti di collaborazione con le altre associazione del settore rinnovabili.

In particolare ANEV e ISES Italia con il loro protocollo, hanno puntato a potenziare l’assistenza ai rispettivi associati nelle loro attività nell’ambito dello sviluppo, realizzazione e gestione di progetti di investimento in tutte le tecnologie rinnovabili e di efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
. La collaborazione dal punto di vista tecnico/scientifico è finalizzata alla partecipazione reciproca degli associati ai Gruppi di lavoro tematici di ognuna delle due Associazioni, alla predisposizione di documenti comuni e alla definizione di posizioni condivise.

In generale l’obiettivo è mettere a fattor comune l’esperienza, i contenuti tecnico  - scientifici, la conoscenza in ambito normativo e legislativo che le due Associazioni hanno raggiunto negli anni in materia di Rinnovabili, rappresenta un valore aggiunto per gli associati e pone in essere le basi per futurefuture
Contratto a termine standardizzato, stipulato all'interno di un mercato regolamentato, in cui chi lo sottoscrive si prende l'obbligo di acquistare o vendere un determinato bene ad una data e prezzo prefissati.
sinergie.

 

In termini di sostenibilità, intesa come punto d’incontro di quella energetica, sociale ed economica, che ruolo riveste l’eolico? Ne sono riconosciuti i reali benefici?

In Italia nel 2016 l’eolico con i soli 282,5 MW installati ha generato un flusso di investimenti pari a oltre 350 milioni di euro solo per le nuove installazioni. A fronte del potenziale della fonte eolica, si potrebbe fare molto di più.

Inoltre il settore inoltre eolico è giunto a oltre 9.300 MW di potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
 
installata sul territorio nazionale in grado di produrre energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
pari a 14,6 TWh di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
pulita
, che corrispondono a circa il 6% dei consumi totali di energia elettrica e che permettono di risparmiare 21 milioni di barili di petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
e di coprire il fabbisogno di 15 milioni di persone circa. Tali benefici sono sotto gli occhi di tutti, ma è necessario che la politica faccia qualcosa di più perché questa fonte venga valorizzata e moltiplichi i benefici che già porta.

 

ANEV promuove la conoscenza e lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
. Le FER come possono contribuire attivamente alla crescita del settore della mobilità sostenibile?

La mobilità sostenibile e in particolare quella elettrica deve riuscire a coniugare gli aspetti ambientali con la fruibilità da parte degli utenti, per fare questo è necessario sviluppare le infrastrutture e legare il settore all’utilizzo dell’energia rinnovabili, proprio per questi motivi l’ANEV è attiva nella ricerca, grazie all’adesione ai progetti "Mobilità IdrogenoIdrogeno
Primo elemento della tavola periodica, presente sulla Terra in forma combinata, soprattutto nell'acqua e nei composti organici. Esso è costituito da 3 isotopi: prozio (cioè l'idrogeno propriamente detto) per più del 99.9 %, il deuterio e il trizio. La forma molecolare dell'idrogeno (H2) dà origine ad un gas inodore, incolore, altamente infiammabile e molto più leggero dell'aria (ecco perché lo si trova in bassissime concentrazioni in atmosfera).
Italia
" (MH2IT), Forum QualeMobilità, come rappresentate FREE ,ed al protocollo con EMCtvGuidare elettrico si può e si deve, come dimostrano gli ingenti investimenti dei maggiori costruttori mondiali di automobili e il grande impulso che avrà nei prossimi mesi l’ampliamento della rete di colonnine di ricarica su tutto il territorio nazionale; solo l’utilizzo crescente di energia 100% proveniente da fonti rinnovabili però garantirà il pieno rispetto degli obiettivi di salvaguardia dell’ambiente che la motorizzazione elettrica ha nel proprio DNA. In coerenza con ciò, lo sviluppo della mobilità elettrica non può prescindere dalla utilizzazione della fonte elettrica rinnovabile per alimentare i vettori elettrici.

 

Quanto crede che incida la comunicazione e la sensibilizzazione sulle scelte energetiche in tema di mobilità per il cittadino?

Sensibilizzare diffondendo dati e notizie scientificamente comprovate è tra gli scopi dell’Associazione ed è importante così come per il settore delle rinnovabili e dell’eolico, anche per il settore della mobilità. In tal senso l’Associazione tende a stimolare una corretta informazione sia attraverso convegni e corsi di formazione, che attraverso il Premio giornalistico ANEV, che si pone come obiettivo quello di premiare i giornalisti che meglio hanno saputo comunicare i temi legati all’eolico. È necessario quindi, che temi come quelli dell’energia e della mobilità, seppur molto tecnici, vegano resi fruibili a tutti, perché ne possano cogliere a fondo l’importanza per la salvaguardia del nostro Pianeta terra, vittima dei cambiamenti climatici e del surriscaldamentosurriscaldamento
Raggiungimento di temperature critiche.
globale.

 

FER, mobilità elettrica ed energy storageenergy storage
Immagazzinamento dell'energia (o stoccaggio dell'energia), consiste in una serie di tecniche e processi che permettono di concentrare su supporti diversi, differenti forme di energia per essere utilizzate successivamente. Un dispositivo che accumula energia è chiamato talvolta accumulatore. Tutte le forme di energia sono energie potenziali oppure energie cinetiche. I sistemi di stoccaggio in uso commerciale oggi possono essere classificabili in meccanici, elettrici, chimici, biologici, termici e nucleari. Lo stoccaggio di energia, come processo naturale, non è un tecnica o processo di recentissima scoperta. Finora, lo stoccaggio da impianti idroelettrici con pompaggio dell’acqua era sembrata l’unica via percorribile per l’immagazzinamento di grandi quantità di energia, ma gli sviluppi recenti nelle tecnologie degli accumulatori hanno aperto la strada a soluzioni come le batterie ad accumulo che consentono l’integrazione efficiente della energia da fonti rinnovabili generata intermittentemente.

: sono tecnologie la cui integrazione è ormai riconosciuta, tuttavia non è una soluzione che influenza incisivamente le politiche odierne. Ritiene che la programmazione energetica tenga poco conto degli esperimenti attuali? 

Tecnologie come le reti attive e gli accumuli sono state ampiamente sperimentate da Terna e rappresentano un passaggio necessario per rendere il sistema energetico attuale, basato sulla produzione di energia da fonte rinnovabile, sempre più efficiente e funzionale, anche per evitare sprechi di energia sulla rete. Qualche progresso è stato fatto e negli scenari futuri queste tecnologie saranno ben integrate e largamente diffuse.

Data: 22/03/2017

Aggiungi il tuo Commento

Ti potrebbe interessare anche...

The Political Economy of Clean Energy TransitionsThe Political Economy of Clean Energy Transitions

“L’economia politica delle transizioni energetiche pulite"
Esplora l’era di sperimentazione politica senza precedenti seguita alla COP21, forza trainante per una transizione verso un’energia pulita. Un compendio di...

Scopri tutte le letture consigliate

Rinnovabili: La Toscana tra l'eccellenza geotermica e l'obiettivo 100% rinnovabili19/09/2017
Rinnovabili: La Toscana tra l'eccellenza geotermica e l'obiettivo 100% rinnovabili

La Toscana è la regione italiana che conta il maggior numero di impianti geotermici nel proprio territorio; sono ben 34 e la vera sfida posta...

Leggi tutto

Rinnovabili: Enel costruirà in Brasile i due più grandi parchi solari del Sud America19/09/2017
Rinnovabili: Enel costruirà in Brasile i due più grandi parchi solari del Sud America

Enel, attraverso la controllata per le rinnovabili Enel Green Power Brasil Participações Ltda. ("EGPB"), ha avviato la produzione di 546 MW di...

Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo15/06/2017
Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo

Nella vostra filiera produttiva, partendo da monte per arrivare a valle, quali sono le soluzioni di sostenibilità ed efficienza energetica più...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Orizzontenergia in due parole?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti