HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Si accende la Grande Stufa: cogenerazione e teleriscaldamento solo con biomassa legnosa vergine

A Villa Guardia, in provincia di Como, sarà solo la legna a riscaldare e dare energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
alla città e ai suoi abitanti.

Dopo un anno di collaudi è stata inaugurata “La Grande Stufa”, centrale di co-generazione e rete di teleriscaldamentoteleriscaldamento
Sistema che consente di distribuire calore presso le utenze, a partire da una centrale di produzione (per esempio centrale di cogonerazione, termovalorizzatore, ecc...). Il calore viene trasportato sotto forma di acqua calda o vapore all'interno di condotti interrati e può servire per riscaldare gli ambienti oppure per produrre acqua calda sanitaria. Nelle abitazioni servite dal teleriscaldamento la caldaia viene sostituita da uno scambiatore di calore, consentendo una diminuzione delle emissioni e un risparmio di combustibile.
a biomassabiomassa
In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende " la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani ". Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
vergine
.

Una centrale dai grandi numeri: 6 MW di potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
, 20 km di tubi di teleriscaldamento, 250.000 quintali di legna bruciata, 30 aziende agricole coinvolte, 1 milione e 700.000 metri cubi di metanometano
Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
risparmiati, 27.000 kWkW
Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
elettrica e 70.000 di calore.

La centrale, che combina contemporaneamente produzione di energia elettrica e teleriscaldamento, funziona esclusivamente a “cippato”, ovvero legno ridotto a scaglie di piccole dimensioni proveniente da pulizia dei boschi, potature e coltivazioni ad hoc.
Unico requisito richiesto per il legname è la sua provenienza. La biomassa vergine deve essere “a chilometri zero”.

Le imprese agricole e forestali che forniscono il materiale (dalle 20.000 alle 40.000 tonnellate l’anno per un costo che si aggira tra i 700 e i 900.000 euro) devono, infatti, essere situate in un raggio inferiore ai 30 chilometri dalla centrale. Insomma, la Grande Stufa, che si avvale anche del sostegno della Coldiretti, dà una mano all’ambiente e l’altra alle imprese agricole locali.

“È una vera e propria realtà che segue una politica ambientale ambiziosa – dice il presidente della centrale, Ciro De Battisti. Sfruttandolo come biomassa, infatti, questo legname di scarto trova un utilizzo ecologico. Il cippato resterebbe altrimenti inutilizzato. Inoltre le coltivazioni dedicate consentono, attraverso il taglio degli alberi e le piantumazioni, di dare origine al rinnovo del bosco”.

La biomassa legnosa vergine, oltretutto, abbatte le emissioni nocive causate dalla combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
. La Grande Stufa è divisa in tre stanze principali una delle quali ospita la sala di controllo dotata di cinque computer per il monitoraggio di tutto l’impianto, utenze comprese.

La centrale termoelettricacentrale termoelettrica
È un impianto di produzione di energia elettrica che utilizza il calore sviluppato dalla combustione per produrre vapore ad alta temperatura in grado di mettere in movimento speciali turbine. La turbina mette in rotazione un albero a sua volta collegato a un generatore elettrico capace di trasformare l'energia rotazionale in energia elettrica.
I combustibili possono essere solidi (carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
, legno, torba, ...), liquidi (petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
, gasolio...) o gassosi (metano, biogas, ...).
Principalmente le centrali termiche utilizzano i combustibili fossili (carbone, petrolio, gas naturale) che hanno elevato potere calorifico e si trovano ancora in grande quantità, anche se sono destinati all'esaurimento.
All'attuale tasso di consumo, le stime di durata delle scorte vanno da 40-60 anni per il petrolio, a 200 anni per il carbon fossile.
Il problema principale legato all'utilizzo dei combustibili fossili è quello dei sottoprodotti della combustione che sono estremamente nocivi per l'ambiente: il metano (gas naturale) è quello che ha i più bassi valori di emissioni inquinanti, tanto che è previsto il suo graduale impiego in sostituzione del carbone e del petrolio.
Per piccole potenze e per impianti di cogenerazione (teleriscaldamento) si utilizzano combustibili naturali non fossili (biomassa, biogas ...) poco inquinanti ma con basso potere calorifico.
di Villa Guardia
è il primo esempio in Italia, dicono i responsabili del progetto, di azienda energetica che coinvolge nel capitale sociale le aziende agricole locali e le cooperative fornitrici della materia prima.

La Grande Stufa S.r.l., che controlla e gestisce la centrale, oltre a garantire la fornitura del calore stipulerà i contratti con gli utenti e si occuperà di estendere la rete qualora fosse necessario. Tra gli impegni presi anche la promozione di iniziative ambientali e di educazione civica allo sviluppo sostenibilesviluppo sostenibile
Lo sviluppo sostenibile è quel tipo di sviluppo che garantisce i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere il futuro delle generazioni a venire. I tre obiettivi dello sviluppo sostenibile sono: prosperità economica, benessere sociale e limitato impatto ambientale. La prima definizione, risalente al 1987, è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland, poi ripresa successivamente dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo dell'ONU.
.

Fonte: Terna

Data: 04/10/2012

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Zero Rifiuti in Casa""Zero Rifiuti in Casa"

100 astuzie per alleggerirsi la vita e risparmiare
Libro che nasce dall’esperienza personale dell'autrice e propone un modello semplice ed efficace per contribuire alla salvaguardia dell'ambiente e vivere felici e...

Scopri tutte le letture consigliate

Gli obblighi d'installazione dei sistemi di termoregolazione e le opportunita' di efficientamento energetico degli edifici18/10/2017
Gli obblighi d'installazione dei sistemi di termoregolazione e le opportunita' di efficientamento energetico degli edifici

Federico Musazzi, Segretario - Assotermica, ci fornisce un resoconto generale relativo agli obblighi dei sistemi di termoregolazione a cui i...

Leggi tutto

Ambiente: Spreco alimentare. Rapporto di Waste Watcher16/10/2017
Ambiente: Spreco alimentare. Rapporto di Waste Watcher

L'Osservatorio nazionale Waste Watcher, di Last Minute Market/Swg, fotografa lo spreco alimentare nel nostro Paese che si consuma per il 75%...

Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica:  E' tutta una questione di cambiamento comportamentale?09/10/2017
Efficienza energetica: E' tutta una questione di cambiamento comportamentale?

“Storie di ordinaria energia” è una raccolta di racconti basati sul rapporto conflittuale dell’uomo moderno con l’energia ed il risparmio...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Generazione termica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti