HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

La Commissione Ambiente della Camera boccia l'operazione Cieli Bui

La Commissione Ambiente della Camera ha perso un'occasione per impedire all'Italia di inquinare il doppio dei tedeschi e il triplo dei britannici. Inoltre, i mancati risparmi, quasi un miliardo di euro all'anno a regime, previsti grazie all'azione di riconversione eco-compatibile dell'illuminazione pubblica si rifletteranno in una spesa aggiuntiva di almeno 20 miliardi di euro nella vita utile degli impianti di illuminazione.

Evidentemente la bocciatura è stata dettata più da paure elettorali proprie e di qualche sindaco preoccupato, senza motivo oggettivo, della 'sicurezza', che dall'essersi documentati sul fenomeno dell'inquinamento luminoso e dello spreco energetico connesso. Proviamo a chiedere ai membri della Commissione cosa sia un riduttore di flusso, quanto consumi all'anno l'Italia in illuminazione pubblica, cosa sia l'intensità luminosa. Vedremo in quanti sapranno rispondere! In ogni caso il Parlamento può essere più intelligente di una delle sue commissioni.

Fortuna che i Sindaci più informati e lungimiranti potranno comunque attuare l'operazione cieli bui nell'ambito del loro Comune, ottenendo gli stessi risultati e vantaggi economici ed ecologici che sarebbero risultati da un'imposizione dall'alto. Chi seguirà questa strada potrà girare i risparmi verso altre spese sociali, la mensa scolastica, lo scuolabus, o magari assumendo qualche agente della polizia locale, questo sì che farebbe aumentare la sicurezza. Così come la sicurezza aumenterebbe sulle strade italiane se venissero eliminati tutti quei fenomeni di abbagliamento e distrazione dovuti,  ad esempio, a proiettori mal orientati.

L'Italia sta perdendo l'occasione di combattere l'inquinamento luminoso come richiesto a livello internazionale dalla Starlight Initiative dell'UNESCO, con l'appoggio, tra gli altri del UN-World Tourism Organization.

Peccato per gli italiani.

Cieli chiari a tutti.

Fonte: CieloBuio.org

Data: 30/10/2012

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006""La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006"

Quanta rilevanza possono assumere i danni ambientali oggi? Per dare una risposta a tale domanda, occorre partire dal presupposto che l’uomo e le risorse naturali fanno parte di un sistema complesso, nel quale sono...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta31/07/2018
Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta

Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta: l’ambiziosa iniziativa del Jane Goodall Institute Italia, che dopo varie tappe lungo lo...

Leggi tutto

Ambiente: Floating Island sarà la prima città galleggiante del mondo 28/07/2018
Ambiente: Floating Island sarà la prima città galleggiante del mondo

Floating Island la prima città galleggiante del mondo sorgerà in Polinesia Energia eolica e solare alimenteranno l'isola che sarà in grado di...Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
L’impronta ecologica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti