HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Energie rinnovabili, l’Ue frena sui biocarburanti di prima generazione

La Commissione europea ha recentemente pubblicato una proposta volta a modificare gli obiettivi della direttiva del 2009 sulle energie rinnovabilienergie rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
, che prevede una quota pari al 10% di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
rinnovabile nel settore dei trasporti entro il 2020, e la direttiva del 2009 sulla qualità dei carburanticarburanti
Sostanze solide, liquide o gassose, di origine naturale o derivanti da processi industriali, contenenti carbonio e idrogeno, che, se bruciate, sviluppano calore in base al loro "contenuto energetico" (potere calorifico).
, che impone l'obiettivo del 6% di riduzione delle emissioni di gas a effetto serraeffetto serra
Fenomeno fisico per cui alcuni gas contenuti nell'atmosfera (anidride carbonica, vapore acqueo, metano, ecc..) intrappolano il calore proveniente dal sole facendo in modo che la temperatura media sulla Terra permetta la vita delle varie specie. Il meccanismo è simile a quello che avviene in una serra, da cui il nome. Tuttavia l'aumento e, dunque, la situazione di squilibrio della concentrazione di tali gas è causa di un eccessivo riscaldamento della superficie del pianeta con conseguenze anche pesanti sugli ecosistemi, su scala globale.
sui carburanti impiegati nel settore dei trasporti nel 2020.

Secondo le previsioni contenute nelle direttive, infatti, la produzione di biocarburanti nell’Ue avrebbe dovuto assumere un volume significativo. Tuttavia, entrambe le direttive impongono criteri di sostenibilità che i biocarburanti devono soddisfare per essere contabilizzati ai fini del raggiungimento degli obiettivi, definendo i requisiti necessari anche per l’ottenimento degli incentivi previsti.

I criteri attualmente in vigore sulla sostenibilità dei biocarburanti impediscono, infatti, la conversione diretta di foreste, zone umide e zone ad alto valore di biodiversità verso la produzione di biocarburanti e prescrivono che i biocarburanti emettano almeno il 35% in meno di gas a effetto serra rispetto ai combustibili fossili che sostituiscono. Questo requisito aumenterà al 50% nel 2017.

L’evoluzione del dibattito sulla sostenibilità dei biocarburanti in ambito europeo ha portato la Commissione europea ad assumere un atteggiamento più prudente. Vi è il rischio, infatti, che parte della domanda supplementare di biocarburanti sia soddisfatta con un aumento della quota dei terreni dedicati all'agricoltura a livello mondiale, il che comporterebbe un aumento indiretto delle emissioni dovuto alla conversione dei suoli. In base a ciò, la Commissione ha deciso di riesaminare l'impatto del cambiamento indiretto della destinazione dei terreni sulle emissioni di gas a effetto serra e di proporre un intervento normativo per ridurlo al minimo.

Durante una conferenza stampa congiunta, infatti, il Commissario europeo per l’Energia Günther Oettinger e il Commissario europeo per il Clima Connie Hedegaard hanno illustrato gli elementi ispiratori di una proposta che mira a limitare, a livello mondiale, la conversione dei terreni alla produzione di biocarburanti e ad aumentare gli effetti positivi dei biocarburanti usati nell'Unione sul clima. Günther Oettinger, Commissario per l'Energia, ha dichiarato: "La proposta offrirà nuovi incentivi ai biocarburanti che danno i migliori risultati. In futuro i biocarburanti emetteranno molti meno gas serra e ridurranno la fattura per l'importazione di carburanti".

Sull’argomento si è espressa anche Connie Hedegaard: “Se vogliamo che ci aiutino a contrastare i cambiamenti climatici, i biocarburanti che usiamo devono essere autenticamente sostenibili. Dobbiamo quindi investire in biocarburanti che determinino un'effettiva riduzione delle emissioni e non facciano concorrenza alla produzione alimentare. Non escludiamo ovviamente i biocarburanti di prima generazione, ma inviamo un segnale chiaro: in futuro l'aumento nell'impiego dei biocarburanti deve basarsi su biocarburanti avanzati, perché qualsiasi alternativa risulterà insostenibile."

Nello specifico, la proposta della Commissione riguarda l’introduzione di modifiche alla normativa vigente sui biocarburanti (Direttiva 2009/28/CE, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
e Direttiva 98/70/CE, relativa alla qualità della benzina e del combustibile diesel), prevedendo in particolare di: aumentare al 60% la soglia minima di riduzione dei gas a effetto serra per i nuovi impianti al fine di migliorare l'efficienza dei processi di produzione dei biocarburanti e scoraggiare ulteriori investimenti in impianti che danno scarsi risultati nella riduzione delle emissioni; includere i fattori del cambiamento indiretto della destinazione dei terreni nelle dichiarazioni dei fornitori di carburanti e degli Stati membri sulle riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra dei biocarburanti e bioliquidi.

Si punta anche a: limitare il livello di consumo attuale, ossia al 5% fino al 2020, la quantità di biocarburanti e bioliquidi derivatiderivati
Prodotti finanziari il cui valore deriva dall'andamento del valore di una determinata attività (definita "sottostante del prodotto derivato"). I derivati vengono utilizzati principalmente con finalità di copertura dal rischio oppure con finalità di speculazione (intesa nel senso di esposizione ad un rischio per ricavare profitto).
da colture alimentari che possono essere contabilizzati ai fini dell'obiettivo Ue del 10% di energia rinnovabile nel settore dei trasporti entro il 2020, mantenendo gli obiettivi generali di energia rinnovabile e di riduzione dell'intensità di CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

; offrire incentivi di mercato per i biocarburanti che non hanno impatto, o hanno un impatto basso, in termini di emissioni derivanti dal cambiamento indiretto della destinazione dei terreni, in particolare per i biocarburanti di seconda e terza generazione derivati da materie prime che non implicano una domanda supplementare di terreni, come ad esempio le alghe, la paglia e vari tipi di rifiuti, perché contribuiranno di più all'obiettivo del 10% di energia rinnovabile nei trasporti fissato dalla direttiva sulle energie rinnovabili.

Con queste nuove misure, la Commissione intende promuovere i biocarburanti che aiutano a conseguire sostanziali riduzioni delle emissioni senza entrare in concorrenza diretta con il settore alimentare e che sono al tempo stesso più sostenibili. A partire dal 2020, quindi, solo i biocarburanti che comportano sostanziali riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra e non sono prodotti da colture destinate all'alimentazione umana o animale saranno qualificati per ricevere un sostegno finanziario.

Il testo ufficiale della proposta pubblicato dalla Commissione Europea [COM(2012) 595 final, in inglese] e lo studio di impatto che accompagna la proposta [SWD(2012) 343 final, in inglese] sono scaricabili: COM(2012) 595l.pdf - SWD(2012) 343.pdf

Fonte: Coldiretti - 07/11/2012

Data: 09/11/2012

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Green Mobility""Green Mobility"

Come cambiare la città e la vita
Il settore dei trasporti, all’intersezione tra innovazione tecnologica, politiche nazionali ed europee, logiche di mercato e stili di vita, ha una parte fondamentale in tutte le...

Scopri tutte le letture consigliate

Mobilita' elettrica: Flotta triplicata in Italia e oltre 500.000 utenti in Europa, alla scoperta di eCooltra21/09/2018
Mobilita' elettrica: Flotta triplicata in Italia e oltre 500.000 utenti in Europa, alla scoperta di eCooltra

Enrico Pascarella (City manager - eCooltra Italia) ha risposto alle nostre domande volte ad inquadrare il servizio di scooter sharing di eCooltra,...

Leggi tutto

Mobilità elettrica: 124.000 auto elettriche Volkswagen potrebbero essere ritirate dal mercato08/08/2018
Mobilità elettrica: 124.000 auto elettriche Volkswagen potrebbero essere ritirate dal mercato

Volkswagen potrebbe dover ritirare dal mercato 124.000 auto elettriche ed ibride Il cadmio, metallo pesante, è stato rinvenuto all'interno di un...Leggi tuttoArchivio

Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza25/05/2018
Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza

La puntata di Report del 19 Marzo scorso ha trattato il tema dell’auto elettrica, e dopo i circa quaranta minuti di trasmissione l’utente medio...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Tecnologie di cattura e sequestro della CO2?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti