HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

RECUPERO EDILIZIO, RISPARMIO ENERGETICO E ATTESTATO ACE - COSA CAMBIA?

Il comparto della fiscalità sugli immobili prevede significative misure di favore per le spese sul recupero edilizio e quelle sul Risparmio EnergeticoRisparmio Energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
. Viene concessa infatti una detrazione del 36%-50% per le prime e del 55% per le seconde, con riparto dei relativi oneri sostenuti mediante bonifico parlante in dieci anni. Nel corso degli ultimi anni il legislatore è intervenuto più volte stabilendo, tra l’altro, l’assorbimento della detrazione del 55% in quella del 36%-50% con decorrenza dal 1.1.2013, poi prorogato al 1.7.2013.  Il D.L. n. 63 del 04.06.2013 ha modificato nuovamente i termini temporali entro cui cogliere i benefici promuovendo ulteriori agevolazione nel settore edile. Sintetizziamo quindi tutte le principali novità.

Il decreto prevede:

  • la proroga del bonus sul risparmio energetico (più conveniente per importi, aliquote e platea dei beneficiari);
  • la proroga (nella versione già potenziata) della detrazione sul recupero edilizio;
  • la possibilità di detrarre le spese sugli arredi.

Nel dettaglio, la norma novellata dal D.L. 63/2013 prevede per le spese sostenute sul recupero edilizio:

  1. la maggiore detrazione del 50%, che viene prorogata dal 06.06.2013 al 31.12.2013;
  2. un plafond che resta potenziato a euro 96.000 per unità immobiliare.

La proroga, infatti, interviene sull’art. 11, comma 1, D.L. n. 83/2012, che aveva previsto la maggiorazione, per il periodo dal 26.06.2012 al 30.06.2013, al 50% della detrazione, nel limite di 96.000 euro delle spese sostenute.

Per quanto concerne la detrazione sul Risparmio Energetico, il D.L. 63/2013 introduce una maggiore detrazione nella misura del 65% per le spese sostenute dal 06.06.2013 al 31.12.2013 con l’esclusione:

  • delle spese per gli interventi di sostituzione di impianti di riscaldamento con pompe di calore ad alta efficienza ed impianti geotermici a bassa entalpia;
  • delle spese per la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calorepompa di calore
    Macchina in grado di trasferire calore da un corpo a temperatura più bassa ad un corpo a temperatura più alta, utilizzando energia elettrica. Le pompe di calore funzionano grazie a diversi principi fisici, ma sono classificate in base alla loro applicazione (trasmissione di calore, fonte di calore, dispersore di calore o macchina refrigeratrice).
    dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.

Se un contribuente ha avviato i lavori relativi al risparmio energetico in data precedente al 06.06.2013, sostenendo le prime spese con “bonifico parlante”, considerato che la detrazione del 65% fa riferimento alle spese sostenute dal 06.06.2013 al 31.12.2013, in applicazione del criterio di cassa, tale contribuente potrà beneficiare della misura più favorevole a partire proprio dal 06.06.2013. Le spese precedenti al 06.06.2013 godranno, invece, del benefico del 55%.

Non è possibile, invece, cambiare in corsa, puntando dal premio del 36%-50% (recupero edilizio) a quello del 65% (risparmio energetico). Infatti, chi ha iniziato a pagare prima dell’entrata in vigore del D.L. 63/2013 spese su lavori edili di risparmio energetico optando per il beneficio del 36-50%, non può passare, per lo stesso intervento, al bonus del 55-65%. Le due agevolazioni non sono cumulabili tra loro e tale incumulabilità vale anche per i bonifici diversi di uno stesso intervento.

Il potenziamentopotenziamento
Operazioni grazie a cui è possibile aumentare la potenza di un impianto, migliorandone allo stesso tempo il rendimento.
della misura del 65%, inoltre, si applica alle spese sostenute dal 06.06.2013 al 30.06.2014 per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

È anche il caso di sottolineare che non sono stati modificati i massimali degli importi detraibili.

Il decreto in commento promuove l’APE (attestato di prestazione energetica) che ha il compito di sostituire l’ACE (attestato di certificazione energeticacertificazione energetica
Documento che attesta i consumi energetici di un edificio, riportandone la quantità di energia, oltre ad informazioni dettagliate sull'involucro edilizio e sugli impianti installati . Introdotta con la finanziaria 2007, la certificazione energetica viene redatta da tecnici specializzati grazie a cui è possibile classificare gli edifici, un po' come si fa con l'etichettatura energetica degli elettrodomestici. Questo certificato incide sul valore dell'immobile.
). Il nuovo strumento sarà utilizzato a seguito dell’approvazione dello schema da parte del Ministro per lo Sviluppo economico e dovrà essere rilasciato da esperti qualificati e indipendenti, adottando particolari metodologie, allo scopo di attestare la prestazione energetica di un edificio.

L’attestato di prestazione energetica avrà una durata di dieci anni. Chi effettua i lavori avrà cura di rilasciare l’attestato quando si tratta nuove costruzioni o interventi di riqualificazione particolarmente importanti. Il proprietario, invece, dovrà mettere a disposizione l’APE quando si tratta di operazioni di compravendita o di locazione.

Non poteva mancare l’introduzione di un impianto sanzionatorio particolarmente pesante. Sono previste sanzioni amministrative:

  • da 3.000 a 18.000 euro, per i proprietari o i costruttori che non provvedono a procurarsi l’APE per gli edifici nuovi o ristrutturati;
  • da 300 a 1.800 euro, per i proprietari che locano un immobile sprovvisto del certificato;
  • da 500 a 3.000 euro, per i responsabili/proprietari che non pubblicano i parametri energetici negli annunci di offerte di vendita o locazione.

Nicolò Cipriani – Centro Studi CGN

Fonte: Fisco[7]

Data: 24/06/2013

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Storie di ordinaria energia" "Storie di ordinaria energia"

"Quattro lampadine?" sbottò Caterina. "Noi ci siamo comprati un frigorifero americano, gruosso gruosso che ancora stiamo pagando a rate. Tiene due porte che le potrebbe aprire il Papa al prossimo Giubileo. Di classe...

Scopri tutte le letture consigliate

Efficienza energetica: I dati su riqualificazione energetica e risparmio energetico nel nuovo RAEE 201827/06/2018
Efficienza energetica: I dati su riqualificazione energetica e risparmio energetico nel nuovo RAEE 2018

Efficienza energetica: nel 2017 investiti 3,7 mld per riqualificazione energetica  Il 7° Rapporto Annuale sull'Efficienza Energetica dell'Enea...Leggi tutto

Climatizzazione: Mega installazione di 50.000 raffrescatori per i pellegrini diretti a La Mecca21/05/2018
Climatizzazione: Mega installazione di 50.000 raffrescatori per i pellegrini diretti a La Mecca

Una mega installazione di 50.000 raffrescatori per i pellegrini diretti a La Mecca Nella mega tendopoli di Mina, meta di milioni di pellegrini...Leggi tuttoArchivio

Energia: Cosa ci si attende dal meccanismo del capacity market21/03/2018
Energia: Cosa ci si attende dal meccanismo del capacity market

Nel quadro della riforma britannica del mercato elettrico, nel 2013 venne introdotto il mercato della capacità. Per ottenere che gli operatori...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Incentivi alla biomassa?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti