HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

ASCOMAC COGENA PER LA GENERAZIONE DISTRIBUITA E LA DECARBONIZZAZIONE: IL PARLAMENTO MODIFICHI LA NORMATIVA SULLE RETI ENERGETICHE PRIVATE

La recente interrogazione parlamentare dei Capi Gruppo della X Commissione del Senato al Ministro Zanonato, in materia di Sistemi Efficienti di Utenza di cui al D. Lgs. n. 115/2008 e s.m.i., impone una seria ed attenta riflessione, non tanto e non solo sulla puntualità dell’attività regolatoria dell’AEEG, ma e soprattutto, sul ruolo della generazione distribuita di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
, sulle reti energetiche intelligenti e sull’efficienza degli usi finali dell’energia.
 
Il tema in questione non è (solo) il ritardo nella attuazione delle norme da parte delle Autorità e più in generale degli Enti preposti, ma la rimozione da subito, attraverso la liberalizzazione della distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
con regole certe e chiare, di tutti quegli elementi di discriminazione e di limitazione della concorrenza che diversi provvedimenti, succedutisi nel tempo in via disomogenea e non coordinata, contengono. Il caso delle reti elettriche private e dei sistemi efficienti di utenza è emblematico.
 
Peccato che alcuni Operatori del settore se ne accorgano solo ora e con grande (grave) ritardo. Forse distratti da conti energia, tariffe omnicomprensive, sussidi vari etc. etc.
Ma, come diceva il Maestro Manzi “non è mai troppo tardi”. E' il cliente finalecliente finale
La persona fisica o giuridica che acquista energia elettrica esclusivamente per proprio uso (per esempio clienti domestici oppure piccole e medie imprese).
a guardare, ma, e soprattutto a pagare.
 
"Prendersela”, da parte del Legislatore, con l’AEEG può avere certamente un “effetto Immagine”, anche se la prima domanda posta nella interrogazione dal Legislatore al Sig. Ministro dello sviluppo economico non tiene conto del fatto che l’accesso alla rete da parte del SEU (versione 2008, D. Lgs. n. 115/2008)  era regolato legislativamente dal principio della “energia scambiata”  e che due anni dopo tale regime è stato modificato (grazie alle azioni intraprese per eliminare le discriminazioni di accesso alla rete con obbligo di connessione di terzi  contenute nell’art. 33, Legge n. 99/2009 in materia di RIU - reti interne di utenza): per i SEU si è tornati, ristabilendo un principio di diritto, dal regime dello “scambiato”  a quello  del “prelevato” come è equo e corretto che sia (novella legislativa del 2010, D. Lgs. n. 56/2010). Pertanto, gli anni di ritardo, semmai, sono tre e non più cinque. E, in questo quinquennio, di norme se ne sono viste tante, se non troppe, tutte finalizzate a salvaguardare i diritti acquisiti più che a traguardare il futuro di figli e nipoti.
 
In ogni caso, solo e soltanto numeri. L’Autorità Antitrust, adita dalla nostra Federazione, in occasione del recepimento della Direttiva 2009/72/CE, accogliendo le tesi da noi esposte, ha inviato nel 2011 una segnalazione al Governo ed al Parlamento ivi compreso il Presidente della X Commissione del Senato, formulando alcuni rilievi riguardo alle possibili distorsioni della concorrenza derivanti dalla attuale disciplina dei sistemi di distribuzione chiusi:
 
Tenuto conto
del principio di diritto, in base al quale" Solo nel caso di prelievi dalla rete pubblica, gli utenti della rete privata usufruiranno di servizi di trasmissionetrasmissione
Attività di trasporto dell'elettricità sulla rete a partire dai centri di produzione sino ai centri di utilizzo. Il maggiore proprietario della rete di trasmissione nazionale dell'energia elettrica ad alta tensione è Terna.
e distribuzione lungo la rete pubblica
. Tali utenti possono quindi essere soggetti al pagamento di un corrispettivo per tali servizi, nonché di una quota degli oneri generali di sistema, sulla base dei prelievi dalla rete pubblica”
 
Al Governo

1.     “Alla luce dell’evoluzione tecnologica e delle crescente domanda di tecnologie di generazione che riducano l’emissioneemissione
Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell'atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull'ambiente.
di gas inquinanti, l’Autorità ritiene che le scelte di fondo riguardo al modello di organizzazione del sistema elettrico debbano essere prese all’interno della strategia energetica nazionale, che deve disegnare un quadro coerente all’interno del quale il processo concorrenziale possa individuare il mix di tecnologie e soluzioni impiantistiche più adeguato”.

 
Giova ricordare, sul punto, che la SEN - nel documento elaborato dal Governo Monti - o altri provvedimenti governativi in materia di energia, nulla hanno detto né previsto al riguardo. Eppure il tema delle reti energetiche private è strategico per la diffusione della generazione distribuita e del risparmio energeticorisparmio energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
attraverso la cogenerazionecogenerazione
Processo di produzione congiunta di energia elettrica e calore utile, in cascata, che può essere impiegato per scopi industriali (calore di processo) o per il teleriscaldamento. La cogenerazione comporta un sensibile risparmio di energia primaria rispetto alla produzione separata di elettricità a calore.
. Soluzione impiantistica – Impianto/Rete da sempre sostenuta pubblicamente da Ascomac Cogena e motivata in documenti ufficiali.
 
Al Parlamento
2.     “Sulla base di questi rilievi, l’Autorità auspica una revisione della normativa riguardante i sistemi di distribuzione chiusi, volta ad eliminare qualsiasi discriminazione tra RIU ed altre reti elettriche private e a non introdurre ingiustificate limitazioni alla concorrenza tra differenti modalità organizzative delle reti elettriche e tra differenti tecnologie di generazione”.
 
Ad oggi il Parlamento, a seguito del recepimento della direttiva 2009/72/UE con il D.Lgs. n. 93 del 2011, art. 38, comma 5, non ha tenuto conto alcuno della segnalazione Antitrust.
 
Per dovere di cronaca, giova ricordare che il Governo, in occasione del recepimento della Direttiva 2009/72/UE, nel testo presentato al Parlamento non aveva previsto neppure l’attuazione dell’art. 28 sui Sistemi di distribuzione chiusi. Il Parlamento, successivamente, in via formale ha attuato l’art. 28 della Direttiva con l’art. 38, comma 5 del D. Lgs. n. 93.  limitando formalmente e sostanzialmente la concorrenza e introducendo discriminazioni tra reti elettriche,  “salvaguardando i diritti acquisiti”.
 
In conclusione
·        Se è corretto richiedere nei tempi previsti l’attuazione delle leggi, in questo caso all’AEEG
 
·        è altrettanto corretto, anzi doveroso da parte dei Rappresentanti eletti in Parlamento rimuovere limitazioni della concorrenza prodotte dalle stesse leggi da essi stessi approvate o
      In tal senso già dal 2008 Ascomac Cogena, a partire dai SEU, ha formulato una serie di proposte finalizzate a riqualificare i sistemi efficienti di utenza attraverso la presenza contemporanea dell'impianto alimentato da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
e di unità di cogenerazione ad alto rendimentorendimento
In termini generali il rendimento è il rapporto tra "quanto ottenuto" in un processo e "quanto speso" per fare avvenire lo stesso processo. In termodinamica rappresenta la capacità di un sistema di convertire l'input di calore in lavoro utile. Il rendimento è un numero puro (cioè non ha unità di misura) ed è sempre compreso tra 0 e 1. A seconda dei termini che vengono messi a confronto è possibile ottenere diverse tipologie di rendimento utili a definire la bontà di un processo o di una macchina (per esempio rendimento elettrico, rendimento termico, ecc..) ma il ragionamento alla base è sempre lo stesso.
(che rendono programmabili e stabilizzano le fonti non programmabili), la previsione di una rete senza obbligo di connessione a terzi e la previsione di uno o più clienti finali o gruppi di clienti finali (Si pensi, ad esempio, ad una rete privata a servizio dei condomini o degli esercizi localizzati in un centro commerciale, che oggi, pur in presenza di autoproduzione di energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
, la acquistano dalla rete con obbligo di connessione di terzi).
 
·        Gli effetti della discriminazione e conseguente limitazione della concorrenza tra reti energetiche, a danno delle reti private, si traducono di diritto e di fatto nella riduzione delle opportunità di crescita per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile e in cogenerazione ad alto rendimento - che quindi sarebbero limitate ai sistemi di auto-approvvigionamentoapprovvigionamento
Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
e agli impianti che immettono l’energia prodotta nella rete pubblica. Proprio quella immissione in rete, incentivata, che tanti problemi ha causato e sta causando al sistema elettrico nazionalesistema elettrico nazionale
È l'insieme degli impianti di produzione, delle reti di trasmissione e distribuzione, dei servizi ausiliari, dei dispositivi di interconnessione e dispacciamento di energia elettrica situati sul territorio nazionale.
.
In altri termini, si limita lo sviluppo del nuovo paradigma energetico costituito dalla generazione distribuita di energia trasferita e utilizzata in sito da reti energetiche intelligenti, finalizzato alla indipendenza energetica ed alla decarbonizzazione del Paese.
 
L’AEEG è in ritardo di tre anni. Il Parlamento di circa tre. L’Antitrust già da due anni ha segnalato al Governo e al Parlamento la questione.
 
Sommando i ritardi, purtroppo il risultato non cambia: in cronico e puntuale ritardo, anzi a perdere, e non solo tempo, è sempre e comunque l’Italia.
 
Fonte: ASCOMAC Cogena

Data: 15/10/2013

Aggiungi il tuo Commento

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Annuario di diritto dell'energia 2016""Annuario di diritto dell'energia 2016"

Politiche pubbliche e disciplina dell'efficienza energetica
"L'edizione 2016 dell'Annuario raccoglie gli atti della sesta Conferenza annuale di Diritto dell'energia dedicata al tema dell'efficienza energetica. Grazie...

Scopri tutte le letture consigliate

Efficienza energetica: Quanto sono informati gli universitari italiani?22/06/2017
Efficienza energetica: Quanto sono informati gli universitari italiani?

Le misure legate al cambiamento comportamentale assumono un ruolo sempre più centrale per la diffusione dell’efficienza energetica: assieme alle...

Leggi tutto

Energia: Energy storage e rinnovabili saranno i trend energetici dominanti entro il 204021/06/2017
Energia: Energy storage e rinnovabili saranno i trend energetici dominanti entro il 2040

I futuri trend energetico-tecnologici sono stati descritti ed ipotizzati dal Bloomberg New Energy Finance nel proprio "New Energy Outlook 2017",...

Leggi tuttoArchivio

Rinnovabili e strategia energetica per l'Italia19/04/2017
Rinnovabili e strategia energetica per l'Italia

Alessandro Clerici Presidente onorario FAST e WEC Italia, dapprima commenta i dati aggiornati del precedente articolo  pubblicato il 14/12/2016...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Illuminazione pubblica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti