HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Assocarta - Valorizzare l’efficienza energetica per rafforzare la competitività dell’industria manifatturiera energivora

Con una produzione di 8,5 milioni di tonnellate realizzate nel 2012 da 160 impianti e 20.000 addetti diretti, l’industria cartaria italiana è un settore Energy Intensive che consuma all’anno 2,4 miliardi di m3 di Gas NaturaleGas Naturale
Idrocarburo che ha un'origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un'alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S).
e 6,5 miliardi di kWhkWh
Unità di misura dell'energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un'ora.
di cui oltre il 50% autoprodotto in cogenerazionecogenerazione
Processo di produzione congiunta di energia elettrica e calore utile, in cascata, che può essere impiegato per scopi industriali (calore di processo) o per il teleriscaldamento. La cogenerazione comporta un sensibile risparmio di energia primaria rispetto alla produzione separata di elettricità a calore.
.

Paolo Culicchi, Presidente Assocarta fotografa così la situazione “energetica” delle cartiere italiane nel suo intervento alla Quinta Conferenza Nazionale per l’Efficienza EnergeticaEfficienza Energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
“La ripresa vuole efficienza”
organizzata da Amici della TerraAmici della Terra
Associazione ambientalista presente in Italia dal 1978 che costituisce la rappresentanza italiana di Friends of the Earth International.Gli Amici della Terra promuovono azioni di educazione al rispetto verso l'ambiente, sostenendo iniziative sul territorio affinchè i governi e le istituzioni sovranazionali adottino politiche di sviluppo sostenibile.
con la partecipazione, tra gli altri, di Assocarta, Confindustria Ceramica e Assoelettrica.

Al centro del dibattito l’importanza di valorizzare l’efficienza energetica per rafforzare la competitività dell’industria manifatturiera energivora, spina dorsale del nostro sistema economico.

Condizione determinante per risalire la china è che la politica del Paese intervenga dando una maggiore spinta a favore dell’industria manifatturiera e sulla risoluzione di alcuni nodi cruciali, tra cui la riduzione dei costi energetici e il riconoscimento dell’efficienza energetica.

"Da sempre” spiega Paolo Culicchi “nelle cartiere italiane esiste un legame diretto tra costo dell’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
– che può superare anche il 30% dei costi complessivi – ed efficienza energetica poiché per vendere prodotti cartari competitivi sul mercato europeo e mondiale si è lavorato costantemente sull’efficienza energetica tanto che le cartiere hanno iniziato ad utilizzare la cogenerazione ben prima che si sviluppasse il dibattito sull’efficienza”.

"Tuttavia” sottolinea Culicchi "la cogenerazione corre il rischio di venire gravata da nuovi oneri (oneri A) e sarebbe inaccettabile che per riparare agli errori fatti con le rinnovabili si chieda di pagare il conto proprio alla cogenerazione e all’industria manifatturiera a cui non è certo imputabile la crescita degli oneri A3”.

Il tema dell’efficienza nel settore cartario italiano può essere declinato in tre linee direttrici: migliorare l’efficienza con interventi nel processo produttivo (interventi molto complessi spesso ritagliati sul singolo stabilimento), fare investimenti in nuovi impianti di cogenerazione o potenziare quelli esistenti, recuperare l’energia dagli scarti di produzione.

Quest’ultima opportunità di recupero energeticorecupero energetico
Utilizzo dell'energia sviluppata durante un processo fisico o chimico (per esempio calore liberato da una combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
, energia di pressione, ecc.) per la produzione di altre forme utili di energia (elettricità, vapore, ecc...)
dagli scarti in Italia è pari solo al 28% a fronte di una media europea del 50%. “Se per la produzione di circa 313.000 tonnellate di residui cartari annui ipotizzassimo un contenuto medio di energia di 2.500 chilocalorie per chilogrammo” spiega Massimo Medugno, DG di Assocarta “otterremmo l’equivalente di 78.000 TEP, ovvero lo 0,05% del fabbisogno annuo nazionale”.

Una migliore gestione degli scarti del processo produttivo incentiverebbe anche il riciclaggio sul territorio ovvero il ricicloriciclo
Operazione grazie alla quale è possibile recuperare un materiale avviandolo a trattamenti specifici per poterlo riutilizzare.
di prossimità
” conclude Medugno “occasione di sviluppo per il territorio e di efficienza sotto il profilo industriale e sociale”.

Fonte: Assocarta

Data: 02/12/2013

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Storie di ordinaria energia" "Storie di ordinaria energia"

"Quattro lampadine?" sbottò Caterina. "Noi ci siamo comprati un frigorifero americano, gruosso gruosso che ancora stiamo pagando a rate. Tiene due porte che le potrebbe aprire il Papa al prossimo Giubileo. Di classe...

Scopri tutte le letture consigliate

Riciclo: Uno slancio ai processi per raggiungere gli obiettivi europei dei veicoli fuori uso15/11/2017
Riciclo: Uno slancio ai processi per raggiungere gli obiettivi europei dei veicoli fuori uso

“In Italia si demoliscono ogni anno 1 milione di veicoli; l’85% dei materiali provenienti dal trattamento viene avviato a reimpiego e riciclo....

Leggi tutto

Riciclo: Arriva anche per i cocktail, al Vesper ad Amsterdam09/11/2017
Riciclo: Arriva anche per i cocktail, al Vesper ad Amsterdam

Che lo spreco alimentare sia una piaga che miete circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo all’anno vi sarà capitato di sentirlo. Meno...

Leggi tuttoArchivio

Certificati bianchi: Le nuove linee guida tra obiettivi e criticita'23/06/2017
Certificati bianchi: Le nuove linee guida tra obiettivi e criticita'

Qual è il contributo dei certificati bianchi per il raggiungimento degli obiettivi nazionali con l’introduzione delle nuove linee guida?

In...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Certificati bianchi?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti