HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Come ridurre le emissioni di CO2 grazie alla cogenerazione

di Antonio Galdo

Un impianto di cogenerazionecogenerazione
Processo di produzione congiunta di energia elettrica e calore utile, in cascata, che può essere impiegato per scopi industriali (calore di processo) o per il teleriscaldamento. La cogenerazione comporta un sensibile risparmio di energia primaria rispetto alla produzione separata di elettricità a calore.
 producendo allo stesso tempo elettricità e calore permette di abbattere i costi di approvvigionamentoapprovvigionamento
Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
delle materie prime consentendo altresì di abbassare il livello delle emissioni inquinanti e l’impatto ambientaleimpatto ambientale
L'insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l'avvio di una determinata attività ha sull'ambiente naturale circostante.
complessivo della produzione d’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
.

Gli impianti di cogenerazione riescono a convertire il calore grazie ad una serie di elementi che ne permettono il funzionamento: a trasformare parzialmente l’energia termicaenergia termica
Calore.
in energia meccanicaenergia meccanica
Somma dell'energia potenziale e dell'energia cinetica che in un mondo ideale privo di attriti rimarrebbe costante. In realtà in tutti i processi fisici parte dell'energia meccanica viene dissipata dalle forze d'attrito, ma non scompare nel nulla: essa si trasforma nell'energia interna delle molecole che costituiscono i corpi tra cui c'è stato attrito ed è accompagnata da un aumento di temperatura. Facciamo l' esempio di un sasso che cade. Durante il moto dell'oggetto l'energia cinetica e l'energia potenziale assumono valori diversi istante per istante. In particolare, l'energia cinetica aumenta (perché cresce la velocità) e quella potenziale gravitazionale diminuisce (perché l'altezza diminuisce). Nonostante queste grandezze cambino continuamente, la loro somma rimane costante in assenza di attriti. Ma visto che gli attriti esistono, parte del l'energia meccanica viene dispersa e, alla fine, si ritrova sotto forma di calore del sasso e dell'aria che, sebbene in modo impercettibile, si sono portati ad una temperatura maggiore.
ci sono solitamente uno o due generatori, il più delle volte si tratta di motori basati su combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
interna o che funzionano grazie a delle turbine a vapore. Gli altri componenti includono gli scambiatori di calore, altri sistemi supplementari funzionali all’immissione di calore ed infine i sistemi di stoccaggiostoccaggio
Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
.

COME FUNZIONA LA COGENERAZIONE - La cogenerazione in pratica è la generazione di energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
e termica contemporaneamente, il tutto ottenuto grazie ad una fonte primaria di combustibile unica e comune ad entrambe.

Rispetto a quanto accade con un normale impianto di generazione elettrica, la somma totale dell’energia prodotta con un impianto di cogenerazione è più del doppio. I vantaggi sono molteplici: si riducono le emissioni di anidride carbonica anidride carbonica
(CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

)

Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosferaatmosfera
Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).
e le sostanze inquinanti nell’aria e si risparmia sulla produzione totale.

DOVE SI UTILIZZA LA COGENERAZIONE - La cogenerazione conviene a chi consuma simultaneamente energia elettrica e termica, come uffici, complessi condominiali ma anche centri sportivi, piscine e strutture ospedaliere, lavanderie e tintorie industriali, serre e fornaci.

Gli impianti di cogenerazione, che si trovano in commercio consentono di mettere in atto una politica energetica di valore e ricca di vantaggi. Questo tipo di impianti si possono distinguere anche in base al tipo di combustibile che viene utilizzato per produrre energia.

Di fatto non esiste un’unica materia combustibile a consentire il funzionamento degli impianti di cogenerazione che lasciano la libertà di scegliere se utilizzare le biomasse, il carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
, il gas organicoorganico
Aggettivo applicato a qualunque sostanza abbia origine animale o vegetale.
o materiali derivatiderivati
Prodotti finanziari il cui valore deriva dall'andamento del valore di una determinata attività (definita "sottostante del prodotto derivato"). I derivati vengono utilizzati principalmente con finalità di copertura dal rischio oppure con finalità di speculazione (intesa nel senso di esposizione ad un rischio per ricavare profitto).
leggeri e intermedi del petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
.

A prescindere dalla fonte energetica primaria utilizzata, i vantaggi ed i benefici ambientali ed economici degli impianti di cogenerazione restano.

Fonte: www.nonsprecare.it

Data: 14/02/2014

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Sistemi energetici" Vol.2"Sistemi energetici" Vol.2

Complementi
"Questo testo, di carattere prevalentemente didattico, rappresenta una sintesi dei più significativi contenuti culturali del settore scientifico disciplinare delle Macchine e dei Sistemi energetici,...

Scopri tutte le letture consigliate

Energia: Manca poco all'evento leader italiano sulla cogenerazione 28/06/2017
Energia: Manca poco all'evento leader italiano sulla cogenerazione

Mancano pochi giorni alla nuova edizione di mcTER Cogenerazione, evento leader in Italia dedicato alle tematiche della cogenerazione, dell’energia...

Leggi tutto

Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo14/06/2017
Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo

Lorenzo Innocenti, Energy Manager - Granarolo, ci ha esposto le azioni di efficientamento energetico che vengono implementate presso gli...

Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo15/06/2017
Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo

Nella vostra filiera produttiva, partendo da monte per arrivare a valle, quali sono le soluzioni di sostenibilità ed efficienza energetica più...

Leggi tuttoArchivio
Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti