HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Smart Cities: le città italiane che innovano di più nel digitale per il turismo

Sono quattro le città metropolitane – Roma, Bologna, Torino e Firenze – che in Italia si stanno muovendo rapidamente e con strategie migliori nel campo dell’innovazione digitale nel turismo e nella cultura, binomio su cui poggia la stragrande maggioranza delle potenzialità di rilancio economico del nostro Paese.

I dati provengono dal report tematico Smart Culture & Travel, che anticipa lo Smart CitySmart City
Espressione dall'inglese che significa "Città Intelligente" ed indica, in senso lato, un ambiente urbano in grado di agire attivamente per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini, spaziando dal settore prettamente energetico a quello della gestione, smaltimento e riciclo dei rifiuti. La città intelligente riesce a conciliare e soddisfare le esigenze dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni, grazie anche all'impiego diffuso e innovativo delle TIC (Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione), in particolare nei campi della comunicazione, della mobilità, dell'ambiente e dell'efficienza energetica.
Index 
realizzato dalla società di consulenza Between per misurare il livello di “smartness” (nella mobilità, e-government, istruzione, sanità, efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
) delle 117 città capoluogo di provincia italiane e per analizzarne gli elementi di innovazione legati al digitale già fruibile dai cittadini.

Destinazioni smart

Le smartcities, le “città intelligenti”, sono quei centri capaci di sviluppare processi di innovazione utilizzando in maniera diffusa le tecnologie digitali al fine di favorire le imprese, migliorare la qualità di vita dei cittadini e perseguire obiettivi di sostenibilità economica e ambientale.

L’innovazione verso il turismo e la cultura è solo un segmento dell’intero mosaico che forma il processo intrapreso dalle destinazioni per diventare “smart”. In primo luogo, il report ha raccolto dati per misurare il grado di innovazione sull’utilizzo del web e dei social network come canale di promozione, vendita turistica e al fine di segmentare i clienti legando i servizi turistici a community specifiche. In secondo luogo, ha monitorato anche il campo delle app per fornire servizi in mobilità sia ai cittadini che ai turisti.

Dai dati analizzati ne è risultato che la competizione fra le destinazioni si fonda su:
• capacità di intercettare le scelte del visitatore
• capacità di interessarlo attraverso il web all’esperienza che ha vissuto nella città
• capacità di agevolargli il ritorno con facilitazioni alla prenotazione delle strutture ricettive
• una più semplice fruizione dell’offerta turistica e culturale della città.

Altro elemento per raggiungere l’obiettivo di smart city è la valorizzazione del patrimonio culturale ed artistico attraverso il digitale – multimedialità, musei virtuali, realtà aumentata, community culturali sul web, e-commerce – conducendo il processo di innovazione, soprattutto in quest’area tematica, con un coordinamento sistematico fra le istituzioni.

Le città più “smart” d’Italia

Al primo posto nel report tra le città più “smart” d’Italia c’è Roma, grazie a un sistema di portali tematici che permette di informarsi e prenotare alberghi e visite ai monumenti, un sistema di biblioteche all’avanguardia sotto il profilo tecnologico e molti servizi forniti all’utenza via web e applicazioni mobile. Seguono Bologna, Torino e Firenze, anch’esse città metropolitane, ma è curioso constatare come dalla 5° posizione in poi emergono città di medie dimensioni come Rimini, Ferrara, Ravenna, Bolzano e Bergamo.

Chiude la classifica delle migliori dieci Siena, che figura nella categoria delle città piccole, con meno di 80mila abitanti. Tra le città del Sud primeggia Reggio Calabria, che si posiziona all’11° posto, ma sono soltanto 6 le città del Mezzogiorno in prima fascia (oltre a Reggio Calabria, anche Lecce, Cagliari, Olbia, Catania, Napoli e PotenzaPotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
).

Sorprende l’assenza dai vertici della classifica della città di Milano che, benché sia al secondo posto in Italia per livello di “smartness” complessivo, in ambito turismo e cultura si posiziona invece al 49° posto, nonostante l’Expo 2015 sia ormai alle porte.

C’è ancora molto da fare

Secondo il report Smart Culture & Travel, tutti i comuni capoluogo d’Italia sono già dotati di un sito web, ma meno della metà dispone di un portale specifico dedicato al turismo e solo il 17% che sia connesso alla fruizione del patrimonio culturale. Si registra inoltre la scarsa propensione alla digitalizzazione dei servizi: solo il 14% dei comuni offre la possibilità di prenotare le strutture ricettive dai propri siti. E solo 4 consentono l’acquisto online di biglietti per musei, monumenti o attrazioni.

In troppi casi – sottolinea il report – l’informazione ha bisogno di integrazione perché sempre più spesso viene dispersa sui vari siti web territoriali: manca, infatti, un punto d’accesso unico e mancano link chiari tra i portali dei vari enti pubblici (Comune, Provincia, Regione, APT) di una stessa destinazione.

Infine, solo il 30% dei 117 comuni capoluogo di provincia prevede per cittadini e turisti una touristcard che integra e agevola la fruizione dei diversi servizi della città, fornendo ad esempio l’accesso ai punti di interesse, trasporto pubblico e parcheggi, accesso al wi-fi, sconti negli esercizi commerciali.

Per quanto riguarda le applicazioni per mobile, molti comuni si stanno dotando di app ufficiali, ma meno di uno su dieci ne ha progettata una specifica per il turismo ed il patrimonio culturale.

Fonte: FormazioneTurismo.com

        Potrebbe anche interessarti…

News 

News 

News 

Data: 29/04/2014

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Green Mobility""Green Mobility"

Come cambiare la città e la vita
Il settore dei trasporti, all’intersezione tra innovazione tecnologica, politiche nazionali ed europee, logiche di mercato e stili di vita, ha una parte fondamentale in tutte le...

Scopri tutte le letture consigliate

Innovazione: La crescita del mercato IoT italiano passa anche dal networking13/06/2018
Innovazione: La crescita del mercato IoT italiano passa anche dal networking

Elena Baronchelli, General Manager di Tecno e Direttore Generale di ILLUMINOTRONICA, ha discusso con noi della trasformazione a cui stiamo...

Leggi tutto

Mobilità: Continua la crescita del car sharing, boom di iscrizioni 01/06/2018
Mobilità: Continua la crescita del car sharing, boom di iscrizioni

Cresce il car sharing in Italia, in crescita iscrizioni e noleggi Sempre più italiani utilizzano i veicoli di car sharing nel nostro paese; nel...Leggi tuttoArchivio

Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza25/05/2018
Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza

La puntata di Report del 19 Marzo scorso ha trattato il tema dell’auto elettrica, e dopo i circa quaranta minuti di trasmissione l’utente medio...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Biocarburanti?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti