HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Unipeg, dove la carne incontra l'efficienza energetica

Rendere la produzione di carne più efficiente, e meno impattante sull’ambiente è possibile, ed in molti modi.
A dimostrarcelo, gli sforzi che da alcuni anni, hanno portato la filiera della carne ad essere la più virtuosa del settore alimentare, sia in termini di riduzione degli sprechi, che di produzione di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
. Sì, perché con gli scarti di macellazione e i liquamiliquami
Materiale derivante dalla putrefazione di sostanze organiche e inorganiche, che, in taluni casi, può costituire una risorsa energetica (per esempio i rifiuti di origine zootecnica).
di scarto degli allevamenti si possono produrre calore ed elettricità
.

Un esempio particolarmente significativo, tutto Made in Italy, è quello di Unipeg - cooperativa operante in tutti i processi della filiera della carne, con 800 soci allevatori e una potenzialità di oltre 400.000 posti stalla, il 30% della produzione nazionale - che nel 2010 ha avviato il progetto Green Energy”, teso a valorizzare gli scarti di lavorazione, riducendo sia i costi per l’azienda che il proprio impatto sull’ambiente.

Impianto biogas PegognagaAttraverso questa iniziativa, Unipeg ha realizzato presso il proprio stabilimento di Pegognaga (MN) due impianti in cui i sottoprodotti della lavorazione diventano un’importante risorsa per la produzione di energia termicaenergia termica
Calore.
ed elettrica: uno a biogasbiogas
Miscela di gas prodotti in seguito ad un processo di digestione anaerobica di materiale organico di origine vegetale e animale. Alcuni batteri provvedono a decomporre il materiale organico, in ambiente privo di ossigeno, producendo una miscela gassosa formata da metano (50÷70%), anidride carbonica (35÷40%) e tracce di altri gas. Le materie prime utilizzabili sono residui agricoli, zootecnici dell'industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui.
e uno di cogenerazionecogenerazione
Processo di produzione congiunta di energia elettrica e calore utile, in cascata, che può essere impiegato per scopi industriali (calore di processo) o per il teleriscaldamento. La cogenerazione comporta un sensibile risparmio di energia primaria rispetto alla produzione separata di elettricità a calore.
. Ma anche un impianto di colatura del grasso animale (sia bovino che suino) proveniente dai siti produttivi di Pegognaga e Reggio Emilia, con cui si produce olio destinato da una parte all’impianto di cogenerazione, dall’altra alla vendita sul mercato agro-alimentare.

Un investimento importante, quello di Unipeg per Green Energy, che è ammontato a 16 milioni di euro in totale e che vede tempi di ammortamento simili per entrambi gli impianti: 15 anni per l’impianto a biogas e 12 anni per quello di cogenerazione. Ma attenzione, perché anche gli immediati benefici sono notevoli.

 

Energia e gas UNIPEGQuesti due impianti, infatti, non solo coprono l’intero fabbisogno elettrico annuo degli stabilimenti di Pegognaga e di Reggio Emilia (26 GWh, lo stesso di 9.000 famiglie), ma generano anche un surplus del 43% rispetto al fabbisogno degli stabilimenti stessi.

Per quanto riguarda il calore, invece, i due impianti ne soddisfano il 37% della produzione, con un risparmio complessivo annuo in termini di emissioni di CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

di ben 3.000 tonnellate. Le stesse, per intenderci, di 860 abitazioni italiane da 100 m2 in classe energetica E.

 

Emissioni CO2 evitate UNIPEGI due digestori anaerobici dell’impianto a biogas, inoltre, permettono l’auto-smaltimento di circa 90 tonnellate al giorno di scarti organici provenienti dai due stabilimenti Unipeg.
Le matrici usate nei digestori sono formate dal contenuto stomacale dei bovini (46%), dai fanghi di depurazione biologica (38%), dai fanghi dell’impianto di colatura (6,5%) e dai sottoprodotti dell’industria agro-alimentare (3,5%). I batteri metaniferi creano il metanometano
Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
in circa 35 giorni.

Degno di nota è anche l’impegno dell’azienda nel porre attenzione al suo consumo idrico, altro aspetto molto delicato in ambito zootecnico.

«Siamo forti consumatori di acqua, circa 4 metri cubi a capo (su 250 mila animali) – ha dichiarato Leonardo Benatti, responsabile Area Energia Ambiente Unipeg - Ma di quattro metri cubi che preleviamo, ne riconsegniamo “purificati” circa 3,7 grazie ai due depuratori che trattano le acque degli stabilimenti. I due impianti hanno facoltà di scaricare nei corsi idrici superficiali. Escono quindi acque che possono andare tranquillamente nei fiumi». 

Sostenibilità UNIPEG

Produzione di energia, valorizzazione dei rifiuti, riduzione dell’impronta idrica ed ecologica: la tutela dell’ambiente e lo sviluppo delle energie da fonti rinnovabili sono ormai una vera priorità, anche e soprattutto in tempi di crisi economica. Tant'é, che anche in rete, l’impegno della filiera delle carni in questo senso non sta passando inosservata.

Su Facebook e Twitter, ad esempio, è possibile imbattersi nella communityCarni sostenibili”, «una vera e propria banca dati che raccoglie le buone pratiche di consumatori e produttori di carne», come la definisce il quotidiano La Stampa. Perché «la produzione e il consumo di carne possono essere sostenibili, anche per l’ambiente».


Mario Pandolfi

Per saperne di più scarica il Report "Unipeg per l'ambiente"

 

 

 

Data: 21/05/2014

Aggiungi il tuo Commento

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Il nuovo edificio green: Soluzioni per il benessere abitativo e l'efficienza energetica""Il nuovo edificio green: Soluzioni per il benessere abitativo e l'efficienza energetica"

L'edilizia si sta muovendo rapidamente nella direzione della sostenibilità ambientale, con soluzioni che guardano al futuro. Quali sono i materiali più adatti, tra quelli già disponibili da tempo in commercio, e...

Scopri tutte le letture consigliate

Rinnovabili: In Cina verrà costruita la prima metropoli alimentata solo da rinnovabili27/07/2017
Rinnovabili: In Cina verrà costruita la prima metropoli alimentata solo da rinnovabili

La Cina negli ultimi mesi sta facendo parlare molto di sè per i progetti avvenieristici dalla profonda impronta green, come ad esempio la Liuzhou...

Leggi tutto

Smart home: Ecco come saranno le case del futuro25/07/2017
Smart home: Ecco come saranno le case del futuro

Quali saranno le caratteristiche delle case in cui abiteremo nei prossimi decenni? La risposta va cercata nelle più recenti ricerche svolte...

Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo15/06/2017
Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo

Nella vostra filiera produttiva, partendo da monte per arrivare a valle, quali sono le soluzioni di sostenibilità ed efficienza energetica più...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Automazione avanzata e controllo dei processi continui?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti