HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Energia: da ottobre elettricità +3,4%, gas +2,4%, ma nel 2015 risparmi per 60 euro

Dopo i ribassi nei primi 9 mesi dell’anno, in aumento le bollette nell’ultimo trimestre, pur confermando risparmi totali nel 2015 per oltre 60 euro.

Dal 1° ottobre per la famiglia-tipo [1] la bolletta dell’elettricità registra un + 3,4%, mentre la bolletta gas un +2,4%. E’ quanto prevede l’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori in tutela per il quarto trimestre 2015.

Per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole [2] (1° gennaio 2015- 31 dicembre 2015) sarà di circa 505 euro, comunque con un calo del -2,2% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° gennaio 2014 - 31 dicembre 2014), corrispondente ad un risparmio di oltre 11 euro. Per il gas la spesa della famiglia tipo per lo stesso periodo sarà di circa 1.123 euro, con una riduzione del -4,2%, corrispondente a un risparmio di circa 50 euro rispetto all’anno scorrevole. Il risparmio complessivo nel 2015 per elettricità e gas sarà di oltre 60 euro per famiglia tipo.

Nel IV trimestre del 2015 il rialzo per l’energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
è sostanzialmente dovuto a due principali elementi. Il primo è l'aumento dei costi complessivi per l’approvvigionamentoapprovvigionamento
Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
della “materia energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
” che risente dei picchi di prezzo registrati sul mercato all’ingrosso nello scorso mese di luglio (+39% rispetto a giugno) a fronte di consumi di elettricità eccezionalmente elevati per il caldo record (graf.1). Il secondo è l’esigenza di adeguare ancora al rialzo gli oneri di sistema, in particolare per sostenere i costi straordinari connessi alla fine del meccanismo di ritiro dei certificati verdicertificati verdi
I certificati verdi, introdotti con il cosiddetto decreto Bersani sulla liberalizzazione del settore elettrico, costituiscono una forma di incentivazione dell'energia prodotta con fonti rinnovabili. Essi vengono assegnati agli impianti rinnovabili entrati in funzione dopo il 1° aprile 1999 che producono energia elettrica, ad esclusione della fonte solare. Dal 2002, produttori e importatori di energia elettrica prodotta da fonti non rinnovabili hanno l'obbligo di immettere ogni anno in rete una certa quota di energia elettrica prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili. L'obbligo può essere soddisfatto anche attraverso l'acquisto di CV da altri soggetti. La quota imposta (cioè la percentuale di energia da rinnovabili rispetto a quella prodotta con fonti tradizionali) è decretata per legge.
nel 2016 (in assenza di una specifica misura legislativa che mitighi l’impatto del meccanismo, come già segnalato dall’Autorità anche nella relazione sulle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
, n. 308 del 2015 [3]) e i costi per gli incentivi all'efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
.

Per il gas si segnala un leggero calo della componente materia prima che riflette le aspettative al ribasso delle quotazioni a termine nei mercati all’ingrosso in Italia e in Europa, rendendo meno evidente quella che sarebbe la normale dinamica dei mercati al rialzo legata all’andamento stagionale dei consumi. Cali che grazie alla Riforma gas dell’Autorità [4] , capace di intercettare subito i segnali di prezzo all’ingrosso nei mercati, vengono immediatamente trasferiti ai consumatori finali, con effetti particolarmente significativi alla vigilia dei più alti consumi autunnali. La riduzione della materia prima è più che compensata principalmente dalla crescita dei costi di trasporto e della componente per la gradualità nell'applicazione della riforma gas.

Graf. 1 Richiesta di energia elettrica (fonte: Terna)

Energia elettrica – Nel dettaglio, l’aumento per l’energia elettrica riflette il rialzo dei costi di approvvigionamento complessivo della “materia energia” (che contribuisce a un +1,8% sulla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo), in gran parte dovuto allo scostamento tra l’andamento effettivo del prezzo sul mercato all’ingrosso dell’energia elettrica nel terzo trimestre rispetto alle stime effettuate a giugno. Per l’elettricità, infatti, i prezzi di riferimento vengono aggiornati anche sulla base dei costi effettivi sostenuti dall’Acquirente Unico per approvvigionarsi sul mercato all’ingrosso nell’anno in corso, ovvero, fino al momento dell’aggiornamento trimestrale, e delle stime dei costi previsti per i mesi successivi. In particolare, nel mese di luglio, il picco eccezionale dei consumi (graf. 1), sostenuto da temperature particolarmente elevate rispetto ai valori medi stagionali, nonché lo scarso apporto della produzione idroelettrica ed eolica per siccità e limitata ventosità che ha reso necessario riattivare numerosi impianti termoelettrici con maggiori costi sul mercato, hanno spinto al rialzo i prezzi all’ingrosso del +39% rispetto al mese di giugno e del +46% rispetto al mese di luglio del 2014. All’aumento per la ‘materia energia’ si somma quello per il fabbisogno degli oneri di sistema (contribuendo in totale per un +1,6% alla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo, arrivando al +3,4% finale). In particolare la componente A3 (incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate) pesa per un +0,8%, determinato da un aumento relativo ai costi connessi al termine del sistema dei certificati verdi, come previsto per legge nel 2015. Per il 2016 si avrebbe infatti una sovrapposizione tra la fine del meccanismo di ritiro dei certificati verdi e l’avvio del nuovo meccanismo amministrato che lo sostituirà. Criticità già evidenziata dall’Autorità in occasione anche dei due precedenti aggiornamenti trimestrali, nonché nelle due ultime relazioni sullo stato dei servizi e per il quale AEEGSI ha già evidenziato la necessità (in occasione del comunicato di aggiornamento delle condizioni di riferimento della tutela per il II trimestre 2015) che si intervenga con misure di ‘spalmatura’ negli anni dei pagamenti. L’aumento della componente UC7, a copertura degli oneri per misure ed interventi di promozione dell'efficienza energetica negli usi finali, pesa per un altro +0,8% circa.

Gas naturaleGas naturale
Idrocarburo che ha un'origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un'alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S).
– Nel dettaglio l’aumento per il gas è il risultato di diversi elementi. Da una parte risulta in leggera diminuzione (-0.6% sulla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo) la componente per l’approvvigionamento della materia prima che riflette le attese al ribasso delle quotazioni all’ingrosso nei mercati a termine in Italia e in Europa, in linea con la tendenza delle altre commodity energetiche, rendendo meno evidente la dinamica stagionale dei prezzi del gas. Questa leggera riduzione viene però annullata da una crescita delle maggiorazioni sui costi di trasporto (componente Qt, +1,3% circa sulla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo), in particolare della componente che si applica solo nel periodo invernale a copertura degli oneri derivanti dalla disponibilità delle infrastrutture di stoccaggiostoccaggio
Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
, dall’aumento della componente GRAD (la cui modulazione quadriennale è stata definita nell’ambito della riforma delle condizioni economiche di tutela a copertura dei costi di transizione dal vecchio al nuovo riferimento di prezzo per la materia prima gas, +1,2%), dal leggero adeguamento della componente CPR (in funzione del conseguimento del gettito a copertura del meccanismo per la rinegoziazione dei contratti di lungo termine, +0,4%) e della componente CCR (a copertura dei costi connessi all’attività di approvvigionamento, maggiori nella stagione invernale, +0,1%). Si arriva così all’aumento del +2,4% finale sulla bolletta del cliente tipo.

L’aggiornamento trimestrale nel dettaglio

Energia elettrica  Nel dettaglio, da ottobre, il prezzo di riferimentoprezzo di riferimento
Il prezzo del gas applicato dalle società di vendita agli utenti che non hanno ancora scelto un contratto diverso da quello in corso prima della liberalizzazione. È composto da una quota fissa e da una quota variabile.
dell’energia elettrica per il cliente tipo sarà di 19,06 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse, così suddiviso [5] :

Servizi di vendita:

  • 7,50 centesimi di euro (39,33% del totale della bolletta) per i costi di approvvigionamento dell’energia;
  • 0,89 centesimi di euro (4,67%) per la commercializzazione al dettaglio.

Servizi di rete:

  • 3,32 centesimi di euro (17,39%) per i servizi di rete (trasmissionetrasmissione
    Attività di trasporto dell'elettricità sulla rete a partire dai centri di produzione sino ai centri di utilizzo. Il maggiore proprietario della rete di trasmissione nazionale dell'energia elettrica ad alta tensione è Terna.
    , distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    e misura).

Oneri generali di sistema:

  • 4,82 centesimi di euro (25,28%) per gli oneri generali di sistema, fissati per legge.

Imposte:

  • 2,54 centesimi di euro (13,33%) per le imposte che comprendono l’IVA e le accise.

Graf. 2 Composizione percentuale della spesa per la fornitura di energia elettrica dell'utente tipo domestico in maggior tutela IV trimestre 2015

Nel IV° trimestre del 2015, gli oneri di sistema risultano così ripartiti:

  • 82,02% per gli incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate (componente A3);
  • 7,03% oneri per la messa in sicurezza del nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    e compensazioni territoriali (componente A2 e MCT), comprensivi dei 135 milioni di euro/anno destinati al Bilancio dello Stato;
  • 4,36% agevolazioni per le imprese manifatturiere a forte consumo di energia elettrica (componente ‘Ae’);
  • 4,13% promozione dell’efficienza energetica (componente UC7);
  • 1,24% regimi tariffari speciali per la società Rete ferroviaria Italiana (componente A4);
  • 0,66% compensazioni per le imprese elettriche minori (componente UC4);  0,41% sostegno alla ricerca di sistema (componente A5);
  • 0,15% bonus elettrico (componente As)

Graf. 3 Oneri generali di sistema IV trimestre 2015

Gas naturale – Nel dettaglio, da ottobre, il prezzo di riferimento del gas per il cliente tipo sarà di 79,59 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse, così suddiviso [6] :

Servizi di vendita:

  • 26,76 centesimi di euro (pari al 33,62% del totale della bolletta) per l’approvvigionamento del gas naturale e per le attività connesse;
  • 2,45 centesimi di euro (3,08%) per la gradualità nell’applicazione della riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela del gas naturale e per il meccanismo di rinegoziazione dei contratti pluriennali di approvvigionamento;
  • 4,92 euro (6,18 %) per la vendita al dettaglio

Servizi di rete:

  • 11,90 centesimi di euro (14,95%) per la distribuzione e la misura;
  • 4,17 centesimi di euro (5,24%) per il trasporto.

Imposte:

  • 29,39 centesimi di euro (36,93%) per le imposte che comprendono le accise (19,21%) l’addizionale regionale (2,55%) e l’IVA (15,17%)

Graf. 4 Composizione percentuale della spesa per la fornitura di gas naturale dell'utente tipo domestico servito in tutela IV trimestre 2015

 

Graf. 5 Variazioni trimestrali dei "prezzi di riferimento" per un consumatore domestico tipo


[1] La famiglia tipo ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWhkWh
Unità di misura dell'energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un'ora.
all’anno e una potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
impegnata di 3 kWkW
Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
; per il gas i consumi sono di 1.400 metri cubi annui.

[2] Per anno scorrevole si intende l’anno composto dal trimestre oggetto dell’aggiornamento e i tre trimestri precedenti, considerando anche il consumo associato ad ogni trimestre.
[3] Relazione, 308/2015/i/efr del 25 giugno 2015 “Il nuovo mix di produzione di energia elettrica: stato di utilizzo e di integrazione degli impianti di produzione alimentati dalle fonti rinnovabili e degli impianti di cogenerazionecogenerazione
Processo di produzione congiunta di energia elettrica e calore utile, in cascata, che può essere impiegato per scopi industriali (calore di processo) o per il teleriscaldamento. La cogenerazione comporta un sensibile risparmio di energia primaria rispetto alla produzione separata di elettricità a calore.
ad alto rendimentorendimento
In termini generali il rendimento è il rapporto tra "quanto ottenuto" in un processo e "quanto speso" per fare avvenire lo stesso processo. In termodinamica rappresenta la capacità di un sistema di convertire l'input di calore in lavoro utile. Il rendimento è un numero puro (cioè non ha unità di misura) ed è sempre compreso tra 0 e 1. A seconda dei termini che vengono messi a confronto è possibile ottenere diverse tipologie di rendimento utili a definire la bontà di un processo o di una macchina (per esempio rendimento elettrico, rendimento termico, ecc..) ma il ragionamento alla base è sempre lo stesso.

[4] La principale innovazione della ‘riforma gas’ all'ingrosso e al dettaglio introdotta dall'Autorità, avviata nel 2012 e conclusasi nel 2014 (la riforma ha riguardato tutte le componenti delle condizioni economiche di tutela, ad eccezione delle sole imposte e accise su cui Aeegsi ha segnalato più volte una loro opportuna riduzione per allinearci ai valori degli altri paesi UE), è il disaccoppiamento diretto dei prezzi del gas da quelli del petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
, utilizzando per il calcolo della materia prima le quotazioni spot nei mercati all’ingrosso nel trimestre dell’aggiornamento e non più i contratti di fornitura di lungo periodo indicizzati ai prodotti petroliferi. La riforma ha introdotto anche meccanismi di gradualità, un’ “assicurazione” dal rischio di rialzo dei prezzi e meccanismi per promuovere la rinegoziazione dei contratti pluriennali

[5] La deliberazione del 30 aprile 2015, 200/2015/R/COM – Bolletta 2.0 – prevede, a partire dal 1° gennaio 2016, una diversa aggregazione delle singole componenti nella fatturazione in bolletta ai clienti finali, ed in particolare le voci che attualmente sono comprese nei Servizi di vendita confluiranno tal quali nella voce Spesa per la materia energia, mentre le voci che attualmente sono comprese nei Servizi di rete confluiranno in due distinte aggregazioni che sono la Spesa per il trasporto e la gestione del contatore (distribuzione, misura, trasporto, perequazione della trasmissione e distribuzione, qualità) e la Spesa per oneri di sistema. La nuova aggregazione sarà disponibile nei prossimi aggiornamenti trimestrali.
[6] La deliberazione del 30 aprile 2015, 200/2015/R/COM – Bolletta 2.0 – prevede, a partire dal 1° gennaio 2016, una diversa aggregazione delle singole componenti nella fatturazione in bolletta ai clienti finali, ed in particolare le voci che attualmente sono comprese nei Servizi di vendita confluiranno tal quali nella voce Spesa per la materia gas naturale, mentre le voci che attualmente sono comprese nei Servizi di rete confluiranno in due distinte aggregazioni che sono la Spesa per il trasporto e la gestione del contatore (distribuzione, misura, trasporto, perequazione della distribuzione e qualità) e la Spesa per oneri di sistema (perequazione della commercializzazione della vendita, morosità per i servizi di ultima istanza e interventi per il risparmio energeticorisparmio energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
e lo sviluppo fonti rinnovabili). La nuova aggregazione sarà disponibile nei prossimi aggiornamenti trimestrali.


Fonte: AEEGSI 

Data: 23/10/2015

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Annuario di Diritto dell'energia 2018""Annuario di Diritto dell'energia 2018"

La Disciplina della Gestione dei Rifiuti, tra Ambiente e Mercato - L’edizione 2018 dell’Annuario raccoglie gli atti dell’ottava Conferenza annuale di diritto dell’energia, dedicata al tema della  disciplina della...

Scopri tutte le letture consigliate

Bollette: In aumento i prezzi di energia elettrica e gas ad Ottobre28/09/2018
Bollette: In aumento i prezzi di energia elettrica e gas ad Ottobre

Bollette: Rialzo dei prezzi di energia elettrica e gas a partire da Ottobre ARERA ha annunciato che ad Ottobre i prezzi di energia elettrica e...Leggi tutto

Energia: Capitale umano e macchine intelligenti, integrazione o marginalizzazione?26/09/2018
Energia: Capitale umano e macchine intelligenti, integrazione o marginalizzazione?

Simone Togni (Presidente ANEV) ha discusso con noi delle trasformazioni che stanno avvenendo nel settore elettrico, a seguito delle sempre più...

Leggi tuttoArchivio

Bollette: E se il futuro del settore energetico si chiamasse  Blockchain?25/05/2018
Bollette: E se il futuro del settore energetico si chiamasse Blockchain?

Il fenomeno delle criptovalute potrebbe aver semplicemente scoperchiato un “vaso di Pandora” chiamato Blockchain. Ormai da qualche mese, grazie...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Fonti per generazione elettrica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti