HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Controllo sui costi della nuova bolletta

Dal 1° Gennaio del 2016 la direttiva comunitaria UE 27/2012 ha introdotto sostanziali novità per il sistema di calcolo e di addebito dei consumi elettrici.

La rivoluzione in atto verrà implementata definitivamente entro il 2018, ovvero quando tutte le bollette degli utenti avranno il medesimo standard di calcolo e addebito della bolletta.

La nuova direttiva comporta la sostituzione del vecchio sistema basato sulla tariffa a prezzi progressivi: ad oggi infatti le nostre bollette venivano calcolate in base al costo unitario per kilowattora che cresceva in modo proporzionale all'aumento dei consumi, ed i costi di rete venivano stabiliti in base ai consumi. Nella nuova bolletta invece i costi di rete saranno i medesimi per tutti gli utenti, mentre la sostanziale novità è data dall'avvio della raccolta e della messa a disposizione per tutti i clienti dei dati relativi alla potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
massima prelevata, che permetterà di avere dati tangibili per creare il profilo personale del consumatore e di conseguenza consentirà una migliore efficienza dei consumi.

L'obiettivo principale della direttiva comunitaria è di consentire una più efficiente distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
dei costi dell'elettricità che ad oggi sovraccarica su coloro che consumano più energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
, anche i costi di coloro che invece ne consumano meno. 

A riguardo si sono espresse anche le associazioni dei consumatori, che pur apprezzando gli sforzi per garantire una migliore efficienza dei consumi hanno puntato il dito contro il sistema di tariffazione, il quale comporterà una bolletta più salata per 82 utenti su 100, ovvero coloro che consumano meno di 2700 kilowattora e che saranno costretti a pagare in più rispetto al 2015 una percentuale compresa tra il 10% e il 35%. 

Per cogliere sostanziali opportunità di risparmio col nuovo sistema di calcolo e di addebito dei consumi elettrici, i consigli per gli utenti sono:

  • Personalizzare la potenza, ovvero la portata massima di energia consumabile, in funzione degli apparecchi installati in casa e dei comportamenti d’uso dell’energia, tarando l’utenza in funzione dei consumi reali.
  • Aderire ad un gruppo d'acquisto, ovvero ad un insieme di privati che si riuniscono per ottenere tariffe più vantaggiose supportati molto spesso da associazioni di consumatori.
  • E' utile, in base alla messa a disposizione dei dati relativi alla propria utenza, adottare tecnologie domestiche che trasferiscono i consumi da fonti energetiche non rinnovabili, come gas e gplgpl
    Miscela di idrocarburi gassosi, principalmente butano e propano derivanti dalla raffinazione di petrolio e gas naturale. Il GPL si presenta in forma gassosa a temperatura e pressione ambiente, mentre si presenta in forma liquida a temperatura ambiente se sottoposto a lievi pressioni. Questo è il motivo per cui il trasporto e lo stoccaggio del GPL sono agevoli, sia in forma gassosa attraverso reti urbane, sia in bombole o su carri cisterna. È caratterizzato da una grande versatilità d'uso, ma è normalmente più costoso del metano. È utilizzato per scopi di riscaldamento laddove non esiste una rete di metano capillare ed anche per scopi di autotrazione.
    , all'elettricità (ad esempio piani cottura a induzione, pompe di calore, pannelli solaripannelli solari
    Pannelli in grado di assorbire calore dal sole per riscaldare un fluido. Essi sono costituiti da un insieme di tubi affiancati (fasci tubieri) all'interno dei quali altri tubi (assorbitori) trasferiscono il calore assorbito ad un fluido termovettore (per esempio acqua nel caso di riscaldamento di acqua sanitaria). Esternamente il pannello è costituito da un telaio che sorregge dei vetri che hanno sia il compito di proteggere il fascio tubiero da sporcamento e da eventi meteorologici, sia il compito di far passare le radiazioni del sole facendo però in modo che esse, una volta assorbite e rimesse dai tubi, restino comunque all'interno del pannello (è come se il calore venisse intrappolato all'interno del pannello).
    termoidraulici).

 

Orizzontenergia.it

Data: 19/01/2016

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Annuario di Diritto dell'energia 2018""Annuario di Diritto dell'energia 2018"

La Disciplina della Gestione dei Rifiuti, tra Ambiente e Mercato - L’edizione 2018 dell’Annuario raccoglie gli atti dell’ottava Conferenza annuale di diritto dell’energia, dedicata al tema della  disciplina della...

Scopri tutte le letture consigliate

Energia e mercato: Come scegliere il miglior fornitore d'energia11/12/2018
Energia e mercato: Come scegliere il miglior fornitore d'energia

MERCATO LIBERO: come scegliere il miglior fornitore di energia Mercato libero, di cosa si tratta?

Il mercato libero è il risultato di un...

Leggi tutto

Efficienza energetica: Al via la X conferenza nazionale organizzata da Amici della Terra26/11/2018
Efficienza energetica: Al via la X conferenza nazionale organizzata da Amici della Terra

Al via la X Conferenza Nazionale sull'efficienza energetica degli Amici della Terra Prenderà avvio domani l'appuntamento fisso che Amici della...Leggi tuttoArchivio

Energia: Capitale umano e macchine intelligenti, integrazione o marginalizzazione?04/12/2018
Energia: Capitale umano e macchine intelligenti, integrazione o marginalizzazione?

In che settori si sta manifestando maggiormente il passaggio “dagli elettroni ai bit”, per citare lo slogan del  convegno, organizzato anche da...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Energy Storage - Sistemi d'accumulo energetico?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti