HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Indagine statistica Assoclima: in ripresa la climatizzazione italiana

Milano, 16 marzo 2016 – “Il 2015 può essere considerato il primo anno realmente positivo per il settore dei componenti per impianti di climatizzazione dall’inizio della crisi del 2008. Sono diversi i fattori che hanno influito: un’estate particolarmente lunga e calda, la ripresa dell’edilizia e una serie di misure incentivanti.E’ questo il commento introduttivo di Alessandro Riello, presidente di Assoclima Costruttori Sistemi di Climatizzazione, in occasione dell’incontro del 16 marzo dedicato alla presentazione dei risultati dell’indagine statistica 2015. Un’indagine alla quale hanno partecipato 43 aziende e che ha mostrato un valore del mercato Italia 2015 di poco superiore al miliardo di Euro, in crescita del +11,8% rispetto all’anno precedente, e una quota di produzione nazionale superiore a 646 milioni di Euro composta per quasi il 90% da tre categorie di prodotti: chiller, unità terminali e unità di trattamento aria.

Nel corso dell’incontro sono stati commentati dai responsabili commerciali e marketing di alcune delle principali aziende del settore i dati di produzione, importazione, esportazione e mercato Italia di climatizzatori split e multisplit, sistemi VRF, condizionatori packaged, roof top, unità di trattamento aria, chiller con condensazione ad aria e ad acqua, unità terminali. Tra le prime considerazioni, quella di Marco Dall’Ombra, presidente della commissione marketing di Assoclima: “Alla luce delle acquisizioni, sia recenti che annunciate, di aziende italiane protagoniste in questi segmenti di mercato da parte di gruppi multinazionali, si può affermare che la fase di globalizzazione del mercato italiano del clima si è sostanzialmente conclusa."

Fattore comune per tutte le tipologie di prodotti ad espansione diretta è il segno positivo rispetto al 2014, anche se il mercato nel 2015 ha visto comportamenti differenti nel corso dell’anno in relazione ai settori applicativi. Il mercato residenziale si è confermato ancora una volta maggiormente influenzato dagli andamenti climatici più che dalle condizioni macroeconomiche del Paese. Infatti, dopo un primo semestre in forte contrazione per i sistemi split e multisplit residenziali, abbastanza prevedibile data la brutta stagione estiva del 2014, dalla metà di giugno si è verificata una netta inversione di tendenza che ha portato a incrementi del +8% a quantità e del +5% a valore per i monosplit e del +5% a quantità e del +2% a valore per i multisplit. I benefici effetti dell’estate molto calda del 2015 in termini di domanda di mercato hanno sì inciso sul sell-in, ma soprattutto sul sell-out, svuotando i magazzini di grossisti e rivenditori, e stanno proseguendo anche nel 2016.

I sistemi commerciali e VRF hanno invece registrato un andamento positivo in tutti i mesi del 2015 con una confortante crescita del +20% a quantità e del +14% a valore, in parte aiutata a inizio anno anche da alcune vendite per EXPO, che evidenzia una ripresa degli investimenti da parte dell'utenza sia pubblica che privata.

Nel 2015 segno positivo anche per il settore delle macchine idroniche. I gruppi frigoriferi condensati ad aria si confermano il prodotto che raggiunge i maggiori tassi di crescita (+32% a valore per le unità reversibili monoblocco fino a 17 kWkW
Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
e +58% a valore per le unità reversibili monoblocco fino a 50 kW). Le motivazioni degli ottimi risultati sono da ricercare nella ripartenza del mercato dell’edilizia, sia nelle nuove realizzazioni che nelle ristrutturazioni, ed è la tipologia “a pompa di calorepompa di calore
Macchina in grado di trasferire calore da un corpo a temperatura più bassa ad un corpo a temperatura più alta, utilizzando energia elettrica. Le pompe di calore funzionano grazie a diversi principi fisici, ma sono classificate in base alla loro applicazione (trasmissione di calore, fonte di calore, dispersore di calore o macchina refrigeratrice).
” a trainare il settore.

Dai dati della rilevazione appare chiarissimo l’effetto della nuova tariffa elettrica D1 nel residenziale, così come quello della stabilizzazione degli incentivi fiscali del 50% e 65% per l’utilizzo della tecnologia a pompa di calore. Le nuove normative Ecodesign e l’etichettatura energetica chiariscono in maniera netta l’effetto presente e futuro della rivoluzione che sta per compiersi nel segmento del riscaldamento con un passaggio epocale verso l’utilizzo di pompe di calore e/o sistemi ibridi.

 

Continua la crescita delle pompe di calore anche nella gamma da 51 a 100 kW (incremento del 28% a valore fino a raggiungere il  64% del mercato) e, in maniera ancor più netta, nella gamma da  100 a 200 kW (+42% a valore  fino a raggiungere il  55% del mercato). Altro dato interessante, l’affermarsi della tecnologia inverterinverter
Dispositivi atti a modificare la velocità  di un motore elettrico modulandone la frequenza di alimentazione in base al carico richiesto, ovvero adattando il funzionamento del motore alle necessità  del momento evitando, quindi, sovradimensionamenti e sprechi.
nel mercato delle unità con potenze superiori a 50 kW, con incrementi superiori al 75%, così come continua inarrestabile la crescita delle unità polivalenti  (+38%).

Meno eclatanti gli incrementi per il settore dei gruppi frigoriferi condensati ad acqua, con andamenti altalenanti in funzione delle potenze.

Per quanto riguarda i ventilconvettori, il 2015 mostra finalmente una produzione nazionale in  crescita (+8% a quantità e +7% a valore).  Nonostante questo atteso risultato positivo  la produzione del 2015  è ancora sotto del 50% rispetto ai picchi di volume registrati nel 2007, prima dell’inizio della crisi.

Note ancora più positive giungono  dal mercato Italia la cui crescita si avvicina al 20% rispetto all’anno precedente.

Nonostante le tensioni politiche ed economiche su molti nostri mercati di sbocco le esportazioni sono cresciute del 6% a valore.

In sintesi, i segnali di ripresa registrati nel 2015 lasciano ben sperare anche per i risultati del 2016.

 

 

 

ASSOCLIMA – Costruttori Sistemi di Climatizzazione -  è l’associazione federata ad Anima che in ambito Confindustria rappresenta le aziende costruttrici di sistemi per la climatizzazione estiva e invernale di edifici e di processi industriali. Il comparto rappresentato da ASSOCLIMA occupa più di 7.000 addetti per un fatturato di oltre 1.400 milioni di euro e una quota export/fatturato del 64%. La produzione merceologica si articola in diversi gruppi di specializzazione, comprendenti: pompe di calore - gruppi refrigeratori d’acqua - motocondensanti - ventilconvettori - condizionatori autonomi - unità di trattamento aria - ventilatori - aerotermi - scambiatori di calore - torri di raffreddamento - componenti per la distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
e la diffusione dell’aria - impianti per il disinquinamento atmosferico - filtri d’aria.”
  

 

ANIMA - Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia ed Affine – Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia ed Affine – è l'organizzazione industriale di categoria che, in seno a Confindustria, rappresenta le aziende della meccanica varia e affine, un settore che occupa 210.000 addetti per un fatturato di 44 miliardi di euro e una quota export/fatturato del 59% (dati riferiti al pre-consuntivo 2015). I macrosettori rappresentati da ANIMA sono: macchine ed impianti per la produzione di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
e per l’industria chimica e petrolifera - montaggio impianti industriali; logistica e movimentazione delle merci; tecnologie ed attrezzature per prodotti alimentari e acqua; tecnologie e prodotti per l’industria; impianti, macchine prodotti per l’edilizia; macchine e impianti per la sicurezza dell’uomo e dell’ambiente; costruzioni metalliche in genere
.

Data: 16/03/2016

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Manuale del Risparmio Energetico""Manuale del Risparmio Energetico"

Consigli pratici e soluzioni tecniche su come risparmiare denaro nella tua casa
"Un prontuario adatto per chiunque voglia mettere in pratica un intelligente risparmio energetico tra le mura domestiche. L’intento è...

Scopri tutte le letture consigliate

Climatizzazione: Quanto consuma un condizionatore?22/06/2017
Climatizzazione: Quanto consuma un condizionatore?

L’afa che in questi giorni ha sottolineato l’arrivo ufficiale dell’estate ha forse costretto anche i più parsimoniosi ad accendere il...

Leggi tutto

Efficienza energetica: L'incidenza del format di vendita sul risparmio energetico 14/06/2017
Efficienza energetica: L'incidenza del format di vendita sul risparmio energetico

Massimo Lucentini, Direttore Generale - Gruppo Todis, durante l'ultima edizione del convegno "Retail&Food Energy 2017" (organizzato da IKN) ha...

Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica: L'incidenza del format di vendita sul risparmio energetico 15/06/2017
Efficienza energetica: L'incidenza del format di vendita sul risparmio energetico

Dott. Lucentini, da un anno è Direttore Generale del Gruppo Todis, un gruppo in forte espansione con oltre 200 punti vendita. Com’è stato questo...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Pompe di calore?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti