HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Efficienza energetica: La guida completa delle detrazioni fiscali

Vediamo quali sono tutte le detrazioni fiscali Ires e Irpef legate ai lavori di riqualificazione energetica e tutte le istruzioni per richiederle. Se vuoi avere uno stile di vita con minor impatto ambientaleimpatto ambientale
L'insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l'avvio di una determinata attività ha sull'ambiente naturale circostante.
e riuscire anche a risparmiare sulle bollette di luce e gas, il modo migliore è quello di ottimizzare l’impiego delle risorse energeticherisorse energetiche
Stima dei volumi totali di fonti energetiche, sia scoperte che non ancora scoperte. Tale quantità comprende anche le riserve.
ed effettuare dei
lavori di riqualificazione energetica nella tua abitazione. Per venirti incontro, il Governo ha previsto delle detrazioni fiscali per l’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
. Abbiamo quindi chiesto agli esperti del comparatore online SuperMoney di farci un riassunto della loro guida su tutte le detrazioni per l'efficienza energetica e spiegarci in che cosa consistono, chi può richiederle e quali procedure deve seguire per farlo.

Quali sono le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica?

L’ultima Legge di Stabilità ha confermato, anche per quest’anno, i cosiddetti Ecobonus, ovvero le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica di cui parlavamo. Nella fattispecie, è prevista per i contribuenti privati una detrazione dall’Irpef, mentre per le società una detrazione dall’Ires. Per entrambi, bisogna dimostrare che i lavori abbiamo migliorato il livello di efficienza energetica dell’edificio.

Gli Ecobonus prevedono:

  • una detrazione fiscale del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica e di adeguamento antisismico degli edifici;
  • una detrazione del 50% per i lavori di ristrutturazione;
  • una detrazione del 50% su una spesa massima di 10.000€ per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ecobonus: chi può accedervi?

Le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica possono essere richieste solo da chi fa parte di una di queste categorie:

  • persone fisichecontribuenti che conseguono reddito d’impresaassociazioni tra professionistisoci di cooperative ed enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale, ma solo a condizione che siano soggetti al pagamento dell'Ires;
  • titolari di un diritto reale sull’immobile;
  • istituti autonomi per le case popolari.

Quali interventi sono contemplati dalle detrazioni fiscali?

Come dicevamo, per accedere agli Ecobonus, dovrai dimostrare che i lavori effettuati sono serviti a migliorare l’efficienza energetica della tua abitazione. In ogni caso, ci sono una serie di parametri che devi rispettare per poter accedere alle detrazioni fiscali. Prima di tutto, devono essersi svolti tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016. Ma soprattutto, devono essere serviti per una o più di queste finalità:

  • aumento del grado di isolamento termico di pareti, soffitti, porte e finestre (massimo 60.000€);
  • acquisto e installazione di pannelli solaripannelli solari
    Pannelli in grado di assorbire calore dal sole per riscaldare un fluido. Essi sono costituiti da un insieme di tubi affiancati (fasci tubieri) all'interno dei quali altri tubi (assorbitori) trasferiscono il calore assorbito ad un fluido termovettore (per esempio acqua nel caso di riscaldamento di acqua sanitaria). Esternamente il pannello è costituito da un telaio che sorregge dei vetri che hanno sia il compito di proteggere il fascio tubiero da sporcamento e da eventi meteorologici, sia il compito di far passare le radiazioni del sole facendo però in modo che esse, una volta assorbite e rimesse dai tubi, restino comunque all'interno del pannello (è come se il calore venisse intrappolato all'interno del pannello).
    (massimo 60.000€);
  • sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento con un dispositivo a minor impatto ambientale (massimo 30.000€);
  • acquisto e installazione di schermature solari;
  • acquisto e installazione di impianti di riscaldamento a biomasse;
  • acquisto e installazione di “dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e climatizzazione nelle unità abitative”;
  • interventi su parti comuni del condominio.

Complessivamente, le detrazioni per lavori di riqualificazione energetica su un edificio già esistente possono essere calcolate su un importo massimo di 100.000€.

Come richiedere le detrazioni fiscali?

Per fare richiesta e accedere alle detrazioni fiscali per l’efficienza energetica, dovrai presentare tutte le fatture e le ricevute dei pagamenti che hai effettuato per coprire le spese dei lavori. Dovrai inoltre richiedere la relazione di un tecnico abilitato, che deve certificare che la tua abitazione ha tutti i requisiti richiesti per accedere all’Ecobonus. Infine, serve un attestato di certificazione energeticacertificazione energetica
Documento che attesta i consumi energetici di un edificio, riportandone la quantità di energia, oltre ad informazioni dettagliate sull'involucro edilizio e sugli impianti installati . Introdotta con la finanziaria 2007, la certificazione energetica viene redatta da tecnici specializzati grazie a cui è possibile classificare gli edifici, un po' come si fa con l'etichettatura energetica degli elettrodomestici. Questo certificato incide sul valore dell'immobile.
che ne provi il miglioramento conseguente agli interventi realizzati.

Questi documenti, insieme alla richiesta di accesso alle detrazioni fiscali, vanno inviati entro 90 giorni dal termine dei lavori, attraverso il sito dell’Enea (l’Agenzia Nazionale Efficienza Energetica), dove potrai trovare anche informazioni utili e moduli. Una volta completata la procedura, ti verrà rilasciata una ricevuta con il tuo Codice CRIP(Codice Personale Identificativo), come prova dell’avvenuto invio della richiesta.

 

 

Notizie correlate

Data: 29/06/2016

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Le sostenibili carte dell'Italia""Le sostenibili carte dell'Italia"

Cos’è la sostenibilità? Riguarda l’ambiente o anche molto altro? È una questione solamente etica che fa appello al senso di responsabilità, individuale e collettivo, o è pure un affare economico? Si tratta di una...

Scopri tutte le letture consigliate

Energia e mercato: Come scegliere il miglior fornitore d'energia11/12/2018
Energia e mercato: Come scegliere il miglior fornitore d'energia

MERCATO LIBERO: come scegliere il miglior fornitore di energia Mercato libero, di cosa si tratta?

Il mercato libero è il risultato di un...

Leggi tutto

Efficienza energetica: Le sfide per la competitività dell'industria tra innovazione e circolarità29/11/2018
Efficienza energetica: Le sfide per la competitività dell'industria tra innovazione e circolarità

L'efficienza energetica tra competitività industriale ed uso razionale delle risorse  Intelligenza artificiale, ICT, demande response sono alcune...Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica: Le acciaierie tra decarbonizzazione e circolarita' delle materie prime04/12/2018
Efficienza energetica: Le acciaierie tra decarbonizzazione e circolarita' delle materie prime

Attualmente la fase di decarbonizzazione in Italia per un settore altamente energivoro come quello delle acciaierie, come viene percepita dagli...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Motori elettrici e inverters?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti