HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Energia: Marsiglia (FederPetroli Italia) ad H2Oil "Ridisegnare politica energetica italiana"

"Gli idrocarburiidrocarburi
Composti chimici formati da carbonio e idrogeno che costituiscono il petrolio e il gas naturale. Esistono diverse classificazioni degli idrocarburi a seconda dei legami chimici presenti nelle molecole.
non possono essere sostituiti da energie alternative
, che per definizione non possono essere sostitutive del petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
, e allo stesso tempo quando si parla di gas si dimentica che è un idrocarburo". E' uno dei passaggi dell'intervista che Michele Marsiglia, Presidente di FederPetroli Italia, ha concesso ad H2Oil parlando di petrolio, idrocarburi ma non solo, passando per l'Union Energy fino all'attuale situazione del mercato energetico italiano e mondiale.

"In più di un'occasione - ha proseguito Marsiglia - la Commissione Europea, parlando di Union Energy, ha detto che è necessario ridurre la dipendenza da fonti fossili ampliando al contempo il mercato del gasmercato del gas
Il mercato relativo al settore del gas strutturato secondo 5 fasi fondamentali: approvvigionamento, trasporto, stoccaggio, distribuzione e vendita.
dei 28 Stati membri, come se questo non lo fosse: una contraddizione, questa, che in più di un'occasione abbiamo fatto notare, anche in Audizione al Senato. Come FederPetroli Italia stiamo investendo molto, soprattutto in termini di infrastrutture, per la realizzazione di un hub italiano nel cuore del Mediterraneo per il GNL, il gas liquido più pulito e con una maggiore compatibilità ambientale, necessario in quei piccoli Comuni italiani che non sono raggiunti dalla rete del metanometano
Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
. Tra l'altro, troppo spesso si dimentica che nel nostro Paese l'indotto petrolifero non è bloccato, bensì ci sono pozzi che, pur essendo già stati trivellati, attendono le autorizzazioni per essere aperti. Il greggiogreggio
Petrolio estratto che non ha ancora subito un processo di raffinazione.
non può essere sostituito da altre fonti energetiche ed è ancora lungi dall'esaurirsi, a differenza di quanto si è detto negli anni: molte previsioni si sono rivelate errate e le nuove tecniche estrattive, come ad esempio quelle utilizzate negli Usa, come fracking e shale oil, ridisegnano gli scenari di mercato".

Sulla politica energetica italiana, Marsiglia ha le idee molto chiare: "E' necessario velocizzare i processi autorizzativi, ci sono aziende straniere che se non hanno certezza regolamentare e di business non investono nel nostro Paese. La politica energetica va creata: un grande operatore come Eni dovrebbe dettare le linee guida da seguire, ma così non è. Il gruppo guidato da Descalzi a mio giudizio sta investendo troppo fuori dal nostro Paese, come in Egitto e Ghana, ma non dimentichiamo che anche il gas estratto a Zohr deve essere venduto. L'Italia ha invece bisogno dell'indotto proveniente dalla raffinazioneraffinazione
Insieme di processi fisico-chimici che consentono di trasformare il petrolio in combustibili con caratteristiche appropriate agli utilizzi finali. La prima fase del procedimento di raffinazione del petrolio greggio è la separazione delle componenti di diverso peso molecolare: quelle più pesanti (che hanno un punto di ebollizione maggiore e che sono destinate alla produzione di oli lubrificanti, cere, ...) rimangono nella parte bassa della colonna di frazionamento, mentre quelle più leggere (tra cui benzina, GPL, jet fuel, ...) risalgono verso l'alto e possono essere facilmente asportate. Successivamente si procede con altri processi (crackingcracking
Processo chimico utilizzato nell'industria di trasformazione petrolifera per convertire le frazioni pesanti del petrolio in frazioni più leggere. Esso consiste nel rompere (dall'inglese crack)  le grosse molecole complesse di idrocarburi ad alta temperatura in presenza di opportuni catalizzatori.
, visbreaking, reforming, ...), con trattamenti di purificazione più o meno complessi e aggiunta di additivi.
.
Inoltre trovo incredibile che, a seguito di quanto accaduto al Centro Oli di Viggiano, in Basilicata, l'indagine abbia bloccato la produzione, con danni per i fornitori e soprattutto per i dipendenti, con 240 persone in cassa integrazione".

Il Presidente di FederPetroli non risparmia poi una stoccata allo Sblocca Italia: "Lo Sblocca Italia - ha detto Marsiglia - per paradosso ha bloccato tutto l'indotto energetico italiano, così come le infrastrutture. Di fatto, si è voluto togliere potere ai territori per portare le decisioni in materia energetica a Roma, ma è stata una strategia fallimentare: devono essere Regioni, Province e Comuni a decidere. Il referendum dello scorso aprile ha dimostrato che la situazione attualmente è in fase di stallo per quanto riguarda le piattaforme offshore".

Nonostante le criticità seguite alla crisi economica mondiale, Marsiglia mostra una cauto ottimismo: "Dalla seconda metà del 2015 abbiamo assistito a una ripresa complessiva del settore, che va dall'estrazione alla raffinazione. C'è una nuova voglia di investire, nonostante molti costi siano stati ridimensionati, ma la situazione, soprattutto a livello mondiale, è positiva". Sulle prossime sfide che attendono FederPetroli, Marsiglia sottolinea che "la priorità in questo momento è ripristinare gli investimenti nel GNL e nelle infrastrutture nei mari italiani. Serve un prodotto liquido per i Comuni italiani che non hanno una rete di metanizzazione. Siamo stati contattati da più parti, soprattutto da Calabria e dal Sud Italia. Credo che questa sia la strada da seguire in questo momento", ha concluso Marsiglia. H2OIL

www.h2oil.it

Data: 14/07/2016

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Energy management""Energy management"

"L'efficienza energetica è attraente e ostica, facile e difficile, invocata, troppo spesso mitizzata. Promette molto ma non sempre mantiene, e resta circonfusa di aloni di indecidibilità: un macchinario è concreto,...

Scopri tutte le letture consigliate

Politica energetica: L'Unione Petrolifera mette la mobilità al centro della SEN 201713/09/2017
Politica energetica: L'Unione Petrolifera mette la mobilità al centro della SEN 2017

Nella giornata di ieri sono terminati i lavori di consultazione della Strategia Energetica Nazionale, documento presentato dal Ministero dello...

Leggi tutto

Ambiente: 6 ragioni per cui l’industria dell’auto deve immediatamente cambiare strada13/09/2017
Ambiente: 6 ragioni per cui l’industria dell’auto deve immediatamente cambiare strada

Basato su quanto contenuto nel Report Greenpeace “Perché l’automobile non ha futuro”. Oggi in Germania ha preso il via il Motor Show di...

Leggi tuttoArchivio

Clima: Emissioni di Co2 prodotte dall'uomo, non sono la vera causa del riscaldamento globale19/04/2017
Clima: Emissioni di Co2 prodotte dall'uomo, non sono la vera causa del riscaldamento globale

Ernesto Pedrocchi, Professore Emerito di "Energetica" presso la Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano, nell'articolo seguente delinea la...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Fonti per generazione elettrica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti