HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

"Il Petroliere" di Antonio Disi

Anche quel pomeriggio fu svegliato dal rumore incessante del trapano del vicino.

I lavori di ristrutturazione dell’appartamento andavano avanti da settimane e Nabil non vedeva l’ora che quello strazio finisse presto. Si era addormentato da poco, di ritorno dall’università. Aveva raccolto le braccia sul tavolino in camera sua a mo’ di cuscino, poggiandoci la testa e chiudendo gli occhi stanchi.

Cinque minuti gli erano bastati anche per sognare. La sua famiglia in Pakistan, il cielo sempre azzurro di Karachi, la fabbrica di motori dove suo fratello lavorava come operaio. Venticinque rupie al giorno per dodici ore di lavoro. La fabbrica era molto grande e i capi erano tutti stranieri e dalla pelle bianca. In Pakistan solo gli operai, pagati male e sfruttati fino alla morte.

Per questo Nabil aveva deciso di venire in Europa. Voleva studiare da ingegnere e tornare in quella fabbrica da capo. E quel pomeriggio di settembre suo nonno tirò fuori un enorme fascio di banconote da una scatola di latta che teneva in un buco del muro e le poggiò sul suo letto per contarle. Cinquantamila rupie per comprare il biglietto aereo, il resto per le prime necessità.

«Io non fuggo nonno» gli aveva sussurato Nabil in aereoporto, «sto volando! Mi rivedrete tornare presto.»

Le lacrime bagnarono quella promessa mentre correva all’imbarco senza voltarsi indietro.

Al suo arrivo in Italia, i soldi del nonno finirono subito nelle tasche di un connazionale che lo aspettava in aeroporto con la scritta NABIL su di un pezzo di cartone. Era un ometto basso dall’età imprecisabile che indossava un abito verde sdrucito, una cravatta coperta di macchie e un paio di scarpe da ginnastica con lo strappo. Da come si rivolgeva alla gente del posto sembrava parlasse molto bene l’italiano. Tutti lo chiamavo zio Vito e si guadagnava da vivere aiutando quelli come Nabil a trovare un alloggio e anche un lavoro.

Nabil aveva bisogno di lavorare. Era rimasto senza denaro e così non avrebbe potuto cominciare gli studi per realizzare il suo grande sogno. Zio Vito lo caricò sul furgone e partì a tutta velocità.

«Conosci un po’ la lingua, fratello?» gli chiese mentre infilava una curva dietro l’altra e lo sballottolava nel triste abitacolo del furgone, pieno di arnesi da lavoro ammassati alla rinfusa e di un tanfo insopportabile.

«Non ti preoccupare che ti diamo una mano noi. Basta pagare, ahahah.»

E rideva di un enorme riso imbecille, mostrando impudentemente i suoi denti marci. «Ti piacerebbe fare il petroliere o il giornalista?» gli domandò cercando di inquadrarlo nello specchietto retrovisore.

Nabil scartò da subito il giornalista. Non amava i quotidiani e le chiacchiere. Si sentiva un uomo di poche parole. Scelse allora di fare il petroliere. Gli sembrava un lavoro più concreto, anche se non immaginava in che cosa potesse consistere. Aveva timore di chiederlo a zio Vito e tenne quel dubbio per se.

Qualche sera dopo il suo protettore passò a prenderlo a casa. Urlò più volte il suo nome dal fondo del cortile fra le proteste dei vicini di casa che, vista l’ora, erano già andati a dormire.

Caricò Nabil sul furgone e, lasciandosi dietro una coltre di fumo nero, si diresse verso la tangenziale. Il tragitto fu abbastanza breve e dopo qualche chilometro zio Vito imboccò un area di servizio.

«Qui sotto c’è tutto il petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
che vuoi» gli disse sarcastico, «tiralo fuori, se sei bravo. Sai come funziona?»

Nabil annuì e quella notte cominciò la sua carriera di petroliere, aspettando le auto che si fermavano al self-service per il rifornimento. Uomini e donne che non volevano sporcarsi le mani o i vestiti o, semplicemente, che non si sentivano capaci di una tale impresa.

All’ arrivo dei clienti Nabil si avvicinava sorridente, intuendo il rifiutorifiuto
Secondo quanto definito nel decreto legislativo n.22 del 5 febbraio 1997 il rifiuto è una sostanza o un oggetto di cui il detentore decida o sia obbligato a disfarsi". I rifiuti possono essere classificati in diversi modi, per esmpio in base all'origine oppure in base alla pericolosità.
di chi voleva fare da sé per non affidare i propri soldi ad uno sconosciuto, ma anche la solidarietà di chi, per evitargli l’umiliazione dell’elemosina, era disposto a mostrarsi incapace di fare rifornimento e pagare il carburante qualche centesimo di euro in più.

Quei soldi andavano divisi con zio Vito che puntuale passava a riprenderlo con il furgone all’alba. Sui sedili consunti e impolverati sedevano altri petrolieri che di notte popolavano i distributori della Capitale. Volti stanchi e infreddoliti, dopo la lunga notte passata all’addiaccio, che non avevano neanche la forza di guardare fuori dai finestrini. Zio Vito li conduceva nelle loro case di periferia e raccoglieva il gruppo pronto a vendere i giornali ai semafori al mattino.

Il distributoredistributore
Soggetto proprietario e responsabile della rete di distribuzione locale (di elettricità o di gas) a cui sono allacciati direttamente gli utenti finali.
di notte diventava la seconda casa di Nabil. Sotto la pensilina di lamiera arrugginita aveva ricavato un piccolo angolo studio dove aspettava i clienti rileggendo gli appunti del mattino e studiando i libri presi in prestito in biblioteca.

Al suono del clacson scattava in piedi e correva al distributore e, mentre riempiva i serbatoi, parlava con i clienti che gli chiedevano incuriositi le ultime novità.

Fra non molto sarebbe diventato un ingegnere e avrebbe discusso una tesi di laurea sui motori ibridi con celle a combustibile, un tipo di motori per produrre elettricità senza bruciare nulla grazie ad una reazione tra idrogenoidrogeno
Primo elemento della tavola periodica, presente sulla Terra in forma combinata, soprattutto nell'acqua e nei composti organici. Esso è costituito da 3 isotopi: prozio (cioè l'idrogeno propriamente detto) per più del 99.9 %, il deuterio e il trizio. La forma molecolare dell'idrogeno (H2) dà origine ad un gas inodore, incolore, altamente infiammabile e molto più leggero dell'aria (ecco perché lo si trova in bassissime concentrazioni in atmosfera).
ed ossigeno.

Era quello il futuro e tutti lo ascoltavano stupiti mentre descriveva le auto che ognuno avrebbe ricaricato a casa propria senza bisogno del distributore e dai tubi di scappamento sarebbe uscito solo vapore come quello dell’aereosol. Le città sarebbero diventate enormi, unendosi l’una con l’altra e ogni casa avrebbe avuto i sistemi per l’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
pulita del sole e del vento. E poi tanta tecnologia avrebbe aiutato tutti a vivere meglio.

«Nabil, ma sarà vero?» gli chiedeva il suo amico Fadì, sempre affascinato dai suoi racconti.

La notte avvolgente e fredda scorreva lenta con le sue ombre sopra le luci della città, dei suoi palazzi, delle sue strade, dei suoi lampioni, delle macchine che si scavano con i fari un passaggio attraverso il buio.

Col volto incollato al finestrino Fadì guardava la città svegliarsi mentre migliaia di automobili la assediavano lente. Gli sembrava che tutto fosse sempre uguale a se stesso. Niente di nuovo, nessuna delle fantastiche tecnologie che raccontava il suo amico ingegnere.

«Forse arriveranno quando io sarò già morto» pensò. «E allora sai che c’è? Speriamo che il petrolio non finisce mai.»

Data: 26/09/2016

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Il nuovo edificio green: Soluzioni per il benessere abitativo e l'efficienza energetica""Il nuovo edificio green: Soluzioni per il benessere abitativo e l'efficienza energetica"

L'edilizia si sta muovendo rapidamente nella direzione della sostenibilità ambientale, con soluzioni che guardano al futuro. Quali sono i materiali più adatti, tra quelli già disponibili da tempo in commercio, e...

Scopri tutte le letture consigliate

Sostenibilità: Enel-Brindisi, partito il progetto di alternanza scuola-lavoro16/02/2018
Sostenibilità: Enel-Brindisi, partito il progetto di alternanza scuola-lavoro

La creazione di valore condiviso é un principio fondamentale di sostenibilità da parte di ENEL. Lo ha ribadito ai ragazzi delle scuole superiori...Leggi tutto

Energia: l'UE investe 873 milioni di euro in infrastrutture per l'energia pulita30/01/2018
Energia: l'UE investe 873 milioni di euro in infrastrutture per l'energia pulita

Gli Stati membri dell'UE hanno approvato il 25 gennaio la proposta della Commissione di investire 873 milioni di euro in progetti europei...

Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo15/06/2017
Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo

Nella vostra filiera produttiva, partendo da monte per arrivare a valle, quali sono le soluzioni di sostenibilità ed efficienza energetica più...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Fonti per generazione elettrica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti