HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Efficienza energetica: Il vero perno per la ripresa economica italiana

Amici della TerraAmici della Terra
Associazione ambientalista presente in Italia dal 1978 che costituisce la rappresentanza italiana di Friends of the Earth International.Gli Amici della Terra promuovono azioni di educazione al rispetto verso l'ambiente, sostenendo iniziative sul territorio affinchè i governi e le istituzioni sovranazionali adottino politiche di sviluppo sostenibile.
promuove da sempre politiche e comportamenti orientati a proteggere e salvaguardare l’ambiente con un approccio razionale. L’ultima campagna di sensibilizzazione è stata lanciata in favore della messa in sicurezza antisismica. Ci può delineare il cuore della campagna? Avete registrato dei riscontri concreti?

Consideriamo molto positivo il progetto di un vasto programma pluriennale di messa in sicurezza del patrimonio abitativo del paese, che il governo ha denominato Casa Italia e che preveda l’integrazione degli strumenti di promozione dell’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
con quelli per la messa in sicurezza antisismica. Gli interventi sono affini, gli investimenti possono essere sinergici e, da tempo, l’edilizia residenziale è riconosciuta come settore che presenta uno dei maggiori potenziali di risparmio energeticorisparmio energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
. Se ben impostato, il programma di messa in sicurezza del patrimonio abitativo può attivare risorse ingenti e rappresentare il centro propulsivo della ripresa economica. E’ indispensabile promuovere le buone pratiche già esistenti come quella presentata da una Esco dell’Aquila in occasione della nostra conferenza di novembre.

 

In occasione dell’8° conferenza nazionale è stato messo in risalto quanto le azioni da intraprendere nell’immediato futuro saranno fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi al 2030. Quali interventi da avviare sono emersi dal dibattito? Quali quelli primari secondo Amici della Terra?

Dal dibattito è emerso che il 2017 sarà cruciale per la definizione delle nuove politiche energetico climatiche e che il modo in cui sarà affrontato questo passaggio offre la possibilità per l’Italia di ridisegnare in modo autonomo delle politiche che sappiano privilegiare le scelte migliori in termini di efficacia e integrazione e sinergia con le politiche economiche ed industriali che possano rilanciare l’economia e valorizzare le eccellenze tecnologiche presenti nel nostro paese. Questa opportunità è offerta dall’approccio più flessibile per conseguire gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra (vedi Figura 1), che non prevede più obiettivi obbligatori fissati dalla UE per le fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
e dalla possibilità di privilegiare lo sforzo su obiettivi qualificati di miglioramento dell’efficienza energetica.

 

Figura 1- Italia: stato di attuazione degli obiettivi 2020 e 2030 UE per la riduzione delle emissioni di gas climalteranti  al 2015

 Img.1 - Amici della Terra.jpg

Fonte: elaborazione e stime Amici della Terra Italia su dati Eurostat e MSE.

 

Si può in qualche modo stimare il potenziale impatto di una più ampia politica di efficienza energetica sulla competitività del nostro paese?

Oggi è ancora più che mai necessaria una “ricetta italiana” che faccia dell’efficienza energetica il perno delle politiche di ripresa economica. L’Italia potrà dar seguito a quanto sostenuto nella Strategia Energetica Nazionale circa la priorità da accordare all’efficienza energetica se sarà in grado di valorizzare la tradizionale capacità delle proprie imprese di innovare i processi produttivi attraverso tecnologie efficienti.

Gli Amici della Terra propongono di adottare un indicatore che possa esprimere il miglioramento di efficienza energetica in modo collegato alla crescita della competitività del Paese.  L’intensità energetica, che esprime il rapporto tra una unità di ricchezza o produzione e la quantità di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
necessaria per realizzarla, è un indicatore che consente, molto meglio dell’andamento dei consumi, di registrare l’effettivo miglioramento dell’efficienza energetica nelle attività di produzione o consumo.  Il Governo deve prendere atto che un solido rilancio dell’economia italiana può passare solo attraverso investimenti di miglioramento dell’efficienza energetica nei processi produttivi in chiave di crescita della competitività. Assumere la riduzione dell’intensità energetica come principale obiettivo costituisce la premessa per un’effettiva integrazione delle politiche ambientali con le politiche industriali.

  

Amici della Terra auspica che le nuove politiche di efficientamento energetico siano imperniate sugli aggregati di consumo energetico di industria, edifici e trasporti. Quali sono gli auspicabili passi in avanti da compiere nei settori specifici?

Per la promozione dell’efficienza energetica nell’industria è necessario un vero rilancio dello strumento dei certificati bianchi integrato con il programma industria 4.0. Gli investimenti di miglioramento dell’efficienza energetica nei processi produttivi sono uno strumento per rafforzare la competitività. Assumere la riduzione dell’intensità energetica come principale obiettivo costituisce la premessa per un’effettiva integrazione delle politiche ambientali con le politiche industriali. Per intervenire sugli edifici residenziali e del terziario è necessario che il piano Casa Italia preveda l’integrazione degli strumenti di promozione dell’efficienza energetica con quelli per la messa in sicurezza antisismica. L’edilizia residenziale è riconosciuta come settore che presenta uno dei maggiori potenziali di risparmio energetico. Se ben impostato, il programma di messa in sicurezza del patrimonio abitativo può attivare risorse ingenti e rappresentare il centro propulsivo della ripresa economica. Nel settore dei trasporti vanno colte tutte le opportunità di diffusione del vettore elettrico e del gas naturalegas naturale
Idrocarburo che ha un'origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un'alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S).
offerte dall’attuazione della direttiva 2014/94/UE sui combustibili alternativi recepita in questi giorni. Secondo gli Amici della Terra non c’è una competizione tra il ruolo del vettore elettrico e quello del gas naturale. Noi riteniamo che obiettivi 2030 di penetrazione del 10 % per il vettore elettrico e del 20% per il gas naturale nei trasporti leggeri, e del 30% per il gas naturale nei trasporti stradali pesanti nei trasporti marittimi, favoriranno congiuntamente la diffusione di tecnologie di trasporto piu’ pulite e più efficienti.

 

Per quanto concerne le FER, un loro sviluppo se integrato con la promozione dell’efficienza energetica, potrebbe consentire di raggiungere il target di riduzione del gas serra. Quali benefici tangibili ci possiamo attendere da questa sinergia?

A partire dall’impostazione delle politiche per l’efficienza energetica si può formulare, un obiettivo 2030 per l’Italia di penetrazione delle fonti rinnovabili pari al 30% (vedi Figura 2), livello che, insieme a quello da noi proposto per l’efficienza energetica, può consentire di raggiungere il target di riduzione dei gas serra.  Occorre concentrare il massimo sforzo per sostenere un obiettivo FER termiche del 35% (18,9% nel 2014). A questo fine potranno esserci significative sinergie delle politiche di promozione (incentivi e regolazione) con il processo di riqualificazione energetica degli edifici residenziali e del terziario. Per i trasporti è ipotizzabile un obiettivo FER al 20% (4,5% nel 2014).  Un livello di FER elettriche al 35% (33,5% nel 2015) dovrebbe essere spontaneamente raggiunto nel breve periodo (2020), con un tasso di crescita dello 0,5% annuo, cessando le incentivazioni ai grandi impianti per la produzione commerciale.

 

Figura 2 - Italia: stato di attuazione dell’obiettivo 2020 e 2030 UE per le fonti rinnovabili al 2015

 Img.2 - Amici della Terra.png.jpg

Fonte: elaborazione e stime Amici della Terra Italia su dati Eurostat e MSE.

 

 

Intervista a Monica Tommasi (Presidente Amici della Terra Italia).

Data: 25/01/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"105 Buone pratiche di efficienza energetica Made in Italy""105 Buone pratiche di efficienza energetica Made in Italy"

L’efficienza energetica è uno degli assi portanti delle politiche europee di sviluppo economico, ed è considerata uno degli elementi centrali per delineare il futuro sostenibile dell’UE. Nel nostro paese, nonostante...

Scopri tutte le letture consigliate

Mobilità: L'aereo elettrico che vola a "zero emissioni"28/03/2017
Mobilità: L'aereo elettrico che vola a "zero emissioni"

Tra 10 anni potremo volare da Londra a Parigi a costi più bassi ed a zero emessioni. La nota compagnia aerea inglese ci sta lavorando con il...Leggi tutto

Idrogeno: Un sole artificiale per produrre carburante pulito27/03/2017
Idrogeno: Un sole artificiale per produrre carburante pulito

Un team di ricerca del Centro aerospaziale tedesco (DLR) ha sviluppato un innovativo sistema in grado di produrre carburanti ecocompatibili, per...

Leggi tuttoArchivio

Come opera una ESCo sul mercato italiano. Storia e prospettive05/07/2016
Come opera una ESCo sul mercato italiano. Storia e prospettive

Abbiamo discusso con l'Ing. Giacomo Cantarella, Business Unit Service Industry Manager presso Yousave S.p.A. (Innowatio Group), su evoluzione e...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Certificati bianchi?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti