HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Bollette: Cresce la pluralità nell’offerta di energia alla clientela

Cresce il numero di operatori nell’offerta, in calo i reclami lato consumatori pubblicati i risultati del monitoraggio retail 2014/2015. Cresce la pluralità nell’offerta di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
alla clientela di massa con numerosi nuovi operatori attivi nel mercato liberomercato libero
Mercato in cui sia le imprese che producono sia le imprese che vendono energia elettrica operano in regime di concorrenza, stimolando una competizione che può portare benefici ai consumatori in termini di prezzi e qualità del servizio.
, ma con condizioni e situazioni differenziate, poco omogenee tra i settori elettricità e gas e, nell’ambito di ciascun settore, tra tipologie di clienti.

Quanto alla domanda, le piccole imprese (partite IVA) sono diventate più abili nel cogliere le offerte del mercato libero, mentre per le famiglie permane una difficoltà nel selezionare l’offerta più conveniente in base alle proprie esigenze. Per i clienti domestici infatti il comportamento più comune è quello di rimanere o tornare nel servizio tutelato, per limitata conoscenza del mercato, probabilmente a causa di una parziale fiducia nei mercati stessi o semplicemente da indifferenza sul tema. Sono questi i principali elementi di fondo emersi dall’aggiornamento del Monitoraggio dei mercati retail’ relativamente al biennio 2014/ 2015 che aggiorna l’azione di monitoraggio dell’Autorità sugli anni 2012/2013.

Nel SETTORE ELETTRICO è stato costante l’incremento del numero di operatori attivi nel mercato libero per tutte le tipologie di clientela (i gruppi societari attivi sono passati dai 219 del 2012 ai 335 del 2015), con condizioni concorrenziali uniformi a livello nazionale, ma differenziate per tipologie di clienti e con indici di concentrazione rimasti stabili.

Migliora infatti il livello di concorrenza dei clienti in Bassa TensioneBassa Tensione
Tensione inferiore a 1000 V in corrente alternata ed inferiore a 1500 V in corrente continua.
altri usi (negozi e piccole attività), più vicini alle buone performance nel mercato dei grandi clienti (Media TensioneTensione
Grandezza fisica che rappresenta l'energia necessaria a far fluire una carica elettrica tra due punti, per creare una corrente. Nel Sistema Internazionale si misura in Volt. Le linee elettriche possono essere ad altissima tensione (tensione nominale superiore a 150 kV), alta tensione (compresa fra 35 e 150 kV), media tensione (compresa fra 1 e 35 kV) e a bassa tensione (tensione inferiore a 1 kV).
altri usi), con il 45% che si riforniscono sul mercato libero (erano il 36% nel 2012), che sottendono un elevato volume di energia, pari al 72%, e con il primo operatore che detiene una quota di vendite di circa il 23% (in calo del -4,3% rispetto al 2012).

Meno dinamico rimane il mercato della clientela domestica. Il servizio di Maggior tutela rappresenta ancora la modalità di fornitura prevalente, pur in continua diminuzione dal 2012: nel 2015 poco meno di un terzo delle famiglie si approvvigiona sul mercato libero (32%). I clienti domestici sembrano restare nei regimi di tutela [1] per la limitata conoscenza delle opportunità e degli elementi del mercato, oltre che per una minore appetibilità per i venditori. Rimane poi il vantaggio competitivo degli esercenti la maggior tutela nel convincere i clienti a scegliere una loro offerta collegata nel libero (il 67% dei passaggi al libero sono a loro favore). I livelli di concentrazione permangono elevati (con il primo operatore che nel 2015 detiene una quota di mercatoquota di mercato
Percentuale del mercato servito da una determinata azienda, definita come il rapporto tra la quantità di prodotto venduto dall'impresa in un determinato mercato e quella venduta in totale (nello stesso mercato).
di circa il 50%). 


Anche per il SETTORE GAS è aumentato il numero degli operatori attivi, anche se la concorrenza non ha raggiunto ancora una dimensione nazionale (per tutto il quadriennio 2012-2015 solo 2 operatori risultano tra i primi 4 venditori in almeno 10 regioni). Nel 2015 ha cambiato modalità di fornitura (cioè ha cambiato fornitore anche uscendo dalla tutela) il 12,8% dei clienti finali domestici, valore pressoché costante a partire dal 2013. Nel medesimo periodo, i cambi tra modalità di fornitura per la clientela non domestica sono invece in crescita [2]. Per i clienti domestici e condomini uso domestico la fornitura prevalente risulta ancora il Servizio di tutela (68% nel 2015), sebbene continui il graduale passaggio verso il libero mercato. Come per il settore elettrico, i venditori storici [3] presentano un certo vantaggio competitivo nell’aumentare le proprie quote di mercato sul libero. Tra il 2012 e 2015, nonostante la crescita del primo operatore a livello nazionale (che nel 2015 detiene il 23% circa del mercato totale), con il conseguente aumento degli indici di concentrazione, la dinamica concorrenziale ha comunque permesso agli operatori di dimensioni medie di erodere le quote di mercato (+2,3% tra 2014 e 2015) sia ai più grandi che ai più piccoli.

Sia nel settore elettrico che in quello del gas, poiché le offerte del mercato libero sono spesso caratterizzate dalla presenza di ulteriori servizi collegati alla fornitura e non presenti nei regimi di tutela (che, come noto, non presentano servizi aggiuntivi rispetto al kWhkWh
Unità di misura dell'energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un'ora.
/m3), per il biennio 20142015 si evidenzia come le rilevazioni relative alla spesa sostenuta dai clienti domestici sul mercato libero sembrano attestarsi su valori mediamente più elevati rispetto a quelli nei regimi di tutela. L’analisi deve necessariamente considerare che il prezzo del mercato libero, come detto, comprende una quota di elementi aggiuntivi alla fornitura di energia (come programmi fedeltà, servizi extra, energetici e non) che ne rendono assai ardua la comparazione. Inoltre le offerte disponibili sono sempre più caratterizzate da un prezzo fisso (come emerge dalla preponderanza di questa tipologia di offerte anche nel ‘TrovaOfferte’ dell’Autorità rispetto a quelle a prezzo variabile). Tale tipo di offerte necessita che il venditore acquisisca ‘coperture’ per il rischio di incrementi futuri del prezzo, con un differenziale di ‘assicurazione’ pagato in più dai clienti. Per offerte di pari contenuto il differenziale per ottenere un prezzo fisso si riduce decisamente con la sottoscrizione online dei contratti, grazie alla quale i venditori minimizzano i costi di acquisizione del cliente rispetto agli altri canali di vendita, consentendo offerte mediamente più vantaggiose per i consumatori.

Dall’analisi dei costi sostenuti dai clienti domestici nel mercato libero emerge come questi consumatori non sembrano ancora in grado di valutare il parametro prezzo per cogliere pienamente le offerte capaci di trasmettere la riduzione dei valori all’ingrosso rilevati nel periodo di monitoraggio. Diversamente per gli altri piccoli clienti nel libero (PMI ed esercizi commerciali) l’andamento dei costi sembra allinearsi maggiormente a quello dei regimi di tutela. Ciò avvalora l’ipotesi di un deciso miglioramento della capacità dei clienti non domestici ad ottimizzare i prezzi delle loro forniture a fronte, per i clienti domestici, di una limitata conoscenza del mercato e delle variabili rilevanti funzionali a individuare l’offerta migliore.

Risulta quindi indispensabile aumentare gli sforzi regolatori per incrementare le capacità di scelta dei clienti domestici, proseguendo nel percorso già avviato dall’Autorità per rendere più trasparente le informazioni sulle condizioni delle offerte, nonché potenziare gli strumenti di comparazione. A queste esigenze, tra le diverse iniziative, risponde anche la previsione (deliberazione 463/2016/R/com) che ciascun venditore del mercato libero sia tenuto a inserire nel proprio menù di offerte anche un’offerta che presenti clausole contrattuali minime definite dall’Autorità e, in un futuro prossimo, un’offerta standard con una struttura di prezzo e clausole contrattuali dal contenuto definito dall’Autorità, necessarie proprio a favorire la confrontabilità tra offerte e la loro omogeneità.

Stimolare la partecipazione al mercato libero è stato poi anche l’obiettivo dell’introduzione della Tutela SIMILE, uno strumento nato per far abituare al passaggio verso il mercato libero, con la possibilità di scegliere un’offerta dal contenuto facilmente comparabile in un’ambiente ‘sorvegliato’ dall’Autorità.

Per quanto riguarda il grado soddisfazione della clientela, l’indice di reclamosità (il rapporto tra il numero di reclami e il numero di clienti serviti) è in riduzione nel mercato libero, in calo al livello medio dell’1,3% e 1,4% rispettivamente per i clienti domestici elettrici e gas (era il 2,5% nel 2012 per entrambi i settori), a fronte di una reclamosità pressoché costante per la Maggior tutela (circa 0,4% per i clienti domestici elettrici, 0,7% nel gas) nell’intero quadriennio 2012/2015.

Nel settore elettrico per i clienti domestici i reclami nel 2015 sono 159 mila, di cui circa 2/3 relativi al mercato libero. Nel corso del 2015 si è assistito a un incremento del fenomeno delle rettifiche di doppia fatturazione nel servizio di Maggior tutela, imputabile principalmente a un unico operatore. Per il mercato libero invece la problematica si è ulteriormente ridotta. I contratti contestati dai clienti domestici, in quanto ritenuti irregolari nella loro formazione, nel 2015 sono stati l’1% sul totale dei nuovi contratti sottoscritti nell’anno, mentre per i piccoli clienti in Bassa tensione lo 0,7%. Nel settore gas, per i clienti domestici, i reclami nel 2015 sono stati circa 153 mila, di cui circa la metà relativi al mercato libero. Anche per questo settore, nel corso del 2015 si rileva un incremento delle rettifiche di fatturazione nel mercato libero. I contratti contestati dai clienti, in quanto ritenuti irregolari nella loro formazione, per i clienti domestici sono lo 0,9% rispetto al totale dei nuovi contratti sottoscritti, mentre raggiunge livelli più contenuti per gli altri clienti.

Al fine di aumentare in generale la fiducia dei clienti finali, l’Autorità è impegnata a promuovere il ruolo del Sistema Informativo Integrato per il completamento della centralizzazione dei processi relativi alla gestione dello switching anche nel settore del gas e, più importanti, dei flussi di misura per entrambi i settori. Ciò infatti permette di ridurre gli ostacoli procedurali nei processi di switching, semplificando le scelte dei clienti e agevolando la gestione dei dati funzionali alla fatturazione anche in occasione del cambio venditore. Infine, anche a causa della crisi economica, restano elevati i livelli di richieste di sospensione del servizio per morosità, seppur in diminuzione per il settore elettrico (ad eccezione che per i clienti domestici sul libero mercato) con forte disomogeneità a livello regionale.


[1] Nell’ambito dei quali la fornitura è limitata alla somministrazione dell’energia a un prezzo che riflette le condizioni prevalenti nel mercato all’ingrosso.
[2] Attestandosi nel 2015 al 16,6% per i Condomini, al 13,3% per i clienti Altri usi di minori dimensioni, al 26,3% per gli Altri usi di maggiori dimensioni e al 20,4% per i clienti non disalimentabili.
[3] Per venditori “storici” o incumbent locali si intendono ai fini del presente Rapporto, i venditori che in passato operavano come monopolisti locali nel territorio della regione. Nel settore del gas tale connotazione è associata anche a gruppi societari che attualmente non sono più parte di gruppi societari in cui è presente anche un distributoredistributore
Soggetto proprietario e responsabile della rete di distribuzione locale (di elettricità o di gas) a cui sono allacciati direttamente gli utenti finali.
gas. Nel settore del gas infatti il perimetro societario di alcuni gruppi attivi nella vendita e nella distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
è stato soggetto a significativi cambiamenti dovuti a operazioni straordinarie.


Il rapporto è disponibile QUI

Fonte: AEEGSI

 

Notizie correlate

Data: 03/04/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Il mercato dell'energia elettrica""Il mercato dell'energia elettrica"

"Il testo descrive il funzionamento della filiera elettrica italiana in tutte le sue fasi -produzione, allocazione e consumo- ponendo particolare attenzione alla fase della vendita e dell'acquisto, gestiti in uno...

Scopri tutte le letture consigliate

Bollette: In aumento i prezzi di energia elettrica e gas ad Ottobre28/09/2018
Bollette: In aumento i prezzi di energia elettrica e gas ad Ottobre

Bollette: Rialzo dei prezzi di energia elettrica e gas a partire da Ottobre ARERA ha annunciato che ad Ottobre i prezzi di energia elettrica e...Leggi tutto

Bollette: Rialzo dei prezzi per luce e gas a causa delle quotazioni del petrolio02/07/2018
Bollette: Rialzo dei prezzi per luce e gas a causa delle quotazioni del petrolio

Bollette: Aumentano i prezzi di luce e gas a causa del petrolio Le bollette di luce e gas subiranno un aumento rispettivamente del +6,5% e del...Leggi tuttoArchivio

Bollette: E se il futuro del settore energetico si chiamasse  Blockchain?25/05/2018
Bollette: E se il futuro del settore energetico si chiamasse Blockchain?

Il fenomeno delle criptovalute potrebbe aver semplicemente scoperchiato un “vaso di Pandora” chiamato Blockchain. Ormai da qualche mese, grazie...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Letti Fluidi Pressurizzati (PFBC)?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti