HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Bollette: "Mi e' arrivata una bolletta da 9.400 euro!" Istruzioni d'uso.

In collaborazione con l'Associazione Codici - Centro per i diritti del Cittadino, vi presentiamo qui di seguito la storia di un consumatore a cui erroneamente è stata fatturata una somma da capogiro. Oltre al racconto della vicenda vi forniamo dettagli e consigli utili nel caso in cui malauguratamente anche voi doveste ritrovarvi protagonisti di una situazione del genere.

 

IL CASO

Il caso oggetto d’analisi ha inizio con la ricezione di una bolletta nell’Agosto del 2016. Il consumatore, di cui racconteremo gli sventurati eventi, si trovava in vacanza ed il suo rientro a casa non è coinciso con il migliore dei benvenuti; infatti l’ammontare della fattura era pari a ben 9.400 euro, cifra già scalata dal conto corrente del consumatore per mezzo del RID (Rapporto Interbancario Diretto, che consente l’addebito automatico della fattura sul conto corrente).

La bolletta si basava su consumi stimati, ed inoltre era già stata oggetto di un precedente conguaglio. Il consumatore, nonostante la “salata” bolletta, godeva di una certa tranquillità perché innanzitutto aveva già comunicato all’operatore alcune precedenti letture del contatore, ed inoltre era già stato pagato un conguaglio di 800 euro quindi era certo che i suoi consumi effettivi fossero chiari sia al distributoredistributore
Soggetto proprietario e responsabile della rete di distribuzione locale (di elettricità o di gas) a cui sono allacciati direttamente gli utenti finali.
che al venditore della fornitura.

Il problema è nato nella comunicazione proprio tra il distributore ed il venditore di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
: si è verificata la situazione per mezzo della quale la bolletta è stata emessa senza aver acquisito il dato di consumo effettivo. Il verificarsi del problema si sarebbe potuto evitare se il venditore della fornitura si fosse interrogato sull’alto ammontare della fattura e avesse fatto una verifica con il distributore; purtroppo il controllo non è avvenuto ed il caso è diventato oggetto di conciliazione stragiudiziale.

In sede di conciliazione sono stati convocati il consumatore, assistito dall’Associazione Codici che ha fornito l’assistenza del caso, ed il distributore della fornitura in quanto soggetto in grado di risalire ai consumi effettivi. Il distributore però non si è presentato in sede di conciliazione, nonostante quest’ultima si svolga virtualmente (Skype ed altre piattaforme adibite), promettendo però di inviare un M02 al venditore di energia.

Un M02 (codice univoco prestazione) è un documento in cui vengono riportate tutte le letture rilevate dal distributore, così da allineare i consumi stimati con quelli effettivi. 

 

ESITO FINALE

Fotolia_51021337_XS.jpgAttualmente il consumatore e Codici sono in attesa di comunicazioni da parte del venditore di energia, che dovrà ricevere entro Aprile il documento M02 con le letture rilevate da parte del distributore.

La conciliazione è una modalità veloce e snella di risoluzione delle controversie, per cui entro 90 giorni si dovrà arrivare ad una conclusione sia essa di avvenuto o mancato accordo.

 

CONSIGLI UTILI

Il pagamento mediante RID è una modalità utile e veloce, permette di evitare code alle poste e consente di non incorrere in morosità dovute a ritardi nel pagamento; tuttavia è necessario monitorare costantemente le fatture, le quali vengono ricevute prima del pagamento automatico tramite conto corrente. Nel caso in cui ci si rendesse conto di eventuali anomalie sulle cifre da pagare, bisogna subito contattare la propria banca per bloccare il pagamento; successivamente, una volta fatti i dovuti controlli, bisogna contattare il proprio operatore per risolvere la controversia.

CODICI-680x365.jpgPer qualsiasi dubbio o chiarimento contattate l’Associazione Codici tramite il sito http://codici.org/energia.html, inviando una email all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org o telefonando al numero 06.5571996 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 14 alle 17.

 

 

 

Notizie correlate

Data: 19/04/2017

Aggiungi il tuo Commento

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Il mercato dell'energia elettrica""Il mercato dell'energia elettrica"

"Il testo descrive il funzionamento della filiera elettrica italiana in tutte le sue fasi -produzione, allocazione e consumo- ponendo particolare attenzione alla fase della vendita e dell'acquisto, gestiti in uno...

Scopri tutte le letture consigliate

Energia: Dal 1° luglio 2019 esisterà solo il mercato libero dell’energia e del gas04/08/2017
Energia: Dal 1° luglio 2019 esisterà solo il mercato libero dell’energia e del gas

Il Ddl concorrenza è legge, pertanto per ciò che attiene l’energia elettrica ed il gas significa che: a partire dal 1° luglio 2019  avremo solo...

Leggi tutto

Ambiente: Il Senato approva ImEA, l'imposta che premia le produzioni sostenibili03/08/2017
Ambiente: Il Senato approva ImEA, l'imposta che premia le produzioni sostenibili

Il Senato della Repubblica Italiana ha approvato la risoluzione su ImEA (Imposta sulle Emissioni Aggiunte); l'imposta rappresenta un superamento...

Leggi tuttoArchivio

Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo15/06/2017
Efficienza energetica: L'utilizzo della cogenerazione in uno stabilimento produttivo

Nella vostra filiera produttiva, partendo da monte per arrivare a valle, quali sono le soluzioni di sostenibilità ed efficienza energetica più...

Leggi tuttoArchivio
Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti