HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Ambiente e salute: Gli italiani per conservare cibi e bevande preferiscono il vetro

Il vetro piace sempre di più ai consumatori europei e soprattutto italiani. Un consumatore su due in Europa dichiara infatti di utilizzare più contenitori per cibi e bevande in vetro rispetto a tre anni fa e questo avviene soprattutto in Italia (57%), Austria e Croazia. Addirittura l’85% dei consumatori europei suggerirebbe il vetro ai propri amici e familiari (+15% rispetto a 8 anni fa), con un exploit dell’Italia: il 91% degli italiani lo consiglierebbe, la percentuale più elevata tra tutti i Paesi e il 6% in più rispetto alla media europea.

Le ragioni di questa scelta? Preoccupazione per l’ambiente e per la sicurezza alimentare. Questa crescente “tendenza vetro” emerge da un'indagine indipendente InSites, che ha coinvolto 18.000 consumatori europei (più di 2.500 in Italia), commissionata dalla community di Friends of Glass, in 11 Paesi europei.

Scopri l'infografica a questo link

I risultati dell’indagine rivelano che il 76% degli europei vede il vetro come il materiale di imballaggio più rispettoso dell'ambiente, un aumento del 50% rispetto al 2008. Per quanto riguarda l’Italia, la percentuale di coloro che pensa che il vetro sia il materiale più amico dell’ambiente è più elevata rispetto alla media europea e si attesta intorno all’81%. Dal punto di vista della sicurezza alimentare, il 53% degli europei lo sceglie perché ritiene che sia il materiale di confezionamento più sicuro per il cibo. In Italia questo dato è considerevolmente più alto con il 65% degli intervistati che ritiene che il vetro sia il miglior packaging per i cibi (fanno meglio solo i francesi con il 67%). Per quanto riguarda le bevande, il 73% degli europei considera il vetro come il materiale di imballaggio più sicuro, in linea con il dato italiano (72%). In Italia poi l’utilizzo di bottiglie e vasetti di vetro è superiore alla media europea soprattutto per prodotti quali olio, aceto, vino, birra, salse e condimenti, frutta sciroppata, bibite.

Questa indagine, che vede lItalia tra le prime nazioni d’Europa per la scelta di contenitori in vetro, più rispettosi dell’ambiente, più sicuri per gli alimenti e simboli dell’economia circolareeconomia circolare
Modello che pone al centro la sostenibilità del sistema, in cui non ci sono prodotti di scarto e in cui le materie vengono costantemente riutilizzate. Si tratta di un sistema opposto a quello definito “lineare”, che parte dalla materia e arriva al rifiuto.
- ha sottolineato Marco Ravasi, Presidente dei contenitori in vetro di Assovetro, l’Associazione italiana degli industriali del vetro - conferma una tendenza in atto, che vede in Italia consumatori sempre più attenti alla salute e alla sostenibilità dei prodotti alimentari. Ormai non si legge solo letichetta di un prodotto, ma si tiene conto anche della sostenibilità dei contenitori.

Mentre il vetro è considerato come uno degli imballaggi più sostenibili ed ecologici, sembra necessaria una maggiore informazione sui suoi benefici. Ci sono ancora molti europei che non sono pienamente consapevoli dell'intera gamma di vantaggi offerti dal vetro all'ambiente e a uno stile di vita sostenibile. Infatti il vetro è riciclabile al 100% infinite volte, mentre la maggior parte degli europei crede che sia riciclabile solo all’84% (all’83% per gli italiani). Solo il 49% degli europei (il 53% degli italiani), ritiene che i rifiuti di vetro non siano nocivi per l'ambiente.

 

Pur essendoci un incremento della media europea rispetto a tre anni fa (dove si attestava al 40%), ancora c’è molto da fare in termini di consapevolezza.

"È incoraggiante vedere – ha dichiarato Adeline Farrelly, segretario generale di FEVE, la Federazione Europea dei Produttori di Contenitori in Vetro, commentando la ricerca a nome della community di Friends of Glass - che i consumatori sono diventati più consapevoli dei benefici positivi dell'imballaggio in vetro. Sebbene questi risultati siano rassicuranti, come settore, non possiamo accontentarci e rimaniamo impegnati nel nostro obiettivo di informare i consumatori sulle proprietà uniche di sostenibilità e ricicloriciclo
Operazione grazie alla quale è possibile recuperare un materiale avviandolo a trattamenti specifici per poterlo riutilizzare.
del vetro. Non importa -
ha aggiunto - quante volte viene riciclato, la natura del vetro comporta che la sua qualità non diminuisce mai - il vetro resta vetro. Oggi, gli europei possono contribuire attivamente a raggiungere un tasso di riciclo del 100%, conferendo le bottiglie di vetro nell’apposito contenitore per la raccolta differenziataraccolta differenziata
Raccolta di rifiuti raggruppati per tipologia (per esempio, carta, vetro, plastica) al fine di riciclarli rendendo più facile lo smaltimento e valorizzando il rifiuto stesso come materia prima. Ogni Comune stabilisce le modalità di raccolta.
. Il vetro può essere infinitamente riciclato come parte di un'economia circolare positiva, all'interno di un ciclo chiuso
".

Vivere in modo sostenibile non riguarda solo la salvaguardia del pianeta, ma anche la salute. Infatti, gli europei associano l'imballaggio in vetro a numerosi vantaggi per la propria salute. I consumatori ritengono che il vetro abbia il rischio più basso di interazione con il cibo (14%). Essendo un materiale inerte, il vetro fornisce una barriera di protezione naturale che garantisce la conservazione del contenuto.  

In Italia i driver che spingono i consumatori all’utilizzo del vetro sono le preoccupazioni legate alla sicurezza alimentare (51%), la riciclabilità del materiale (47%) e l’impatto ambientaleimpatto ambientale
L'insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l'avvio di una determinata attività ha sull'ambiente naturale circostante.
(44%). Il 63% dei nostri connazionali sarebbe disponibile a utilizzare solo packaging in vetro qualora fosse disponibile: una crescita del 3% rispetto al 2014, quando questo dato si attestava già al 60%, e al di sopra della media europea.

 

Un gap generazionale?

Questa ultima ricerca evidenzia come le generazioni più anziane siano meglio informate rispetto all’importanza della scelta del corretto imballaggio per uno stile di vita sano e sostenibile. I consumatori più giovani acquistano meno prodotti confezionati in vetro rispetto alle generazioni più vecchie, e si aspettano di trovare meno packaging in vetro per prodotti alimentari e bevande. Il prezzo (34%) e la disponibilità (34%) sono i principali ostacoli all'acquisto di prodotti in vetro. Tuttavia, le generazioni più giovani identificano nell'imballaggio in vetro l’opzione più trendy e pensano che il vetro sia il miglior packaging per preservare il gusto e la qualità. Sebbene le giovani generazioni preferiscano il vetro, sono meno preoccupate per le questioni di sicurezza alimentare e per le questioni ambientali relative al packaging rispetto ai consumatori più anziani.

 

Notizie correlate

Data: 23/05/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"L'occhio del pescespada""L'occhio del pescespada"

La contemporanetità di questa narrativa racconta la quotidianità di un grande supermercato osservata da un sensibile "Forrest Gump" sui generis: Charlie - il protagonista - che è un apprendista al banco del pesce ed...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: UK, è guerra alla plastica e al riscaldamento da combustibili fossili19/01/2018
Ambiente: UK, è guerra alla plastica e al riscaldamento da combustibili fossili

Il governo britannico ha adottato il Clean Growth Plan per il taglio delle emissioni di inquinanti, ma secondo l’organismo di controllo sul clima...Leggi tutto

Ambiente I pavimenti che purificano l’aria della nostra casa18/01/2018
Ambiente I pavimenti che purificano l’aria della nostra casa

Secondo un rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità l’inquinamento domestico è fino a cinque volte superiore rispetto a quello...

Leggi tuttoArchivio
Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti