HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Illuminazione: Come scegliere la giusta lampadina per la propria casa?

Cambiare una lampadina: l’operazione più semplice del mondo. Sì, ma solo se si è acquistata la lampadina giusta. Il problema sorge proprio qui: oggi sul mercato sono disponibili lampadine con caratteristiche molto diverse: dal tipo di attacco, alla tecnologia utilizzata – più o meno efficiente dal punto di vista energetico – alla forma, per non parlare della temperatura della luce emessa, il wattaggio e così via. Trovare quella corretta per le proprie esigenze può rivelarsi tutt’altro che un gioco da ragazzi.

Per risparmiare, ad esempio, è bene comprare solo lampadine ad alta efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
: questa accortezza, insieme a tante altre buone abitudini nell’utilizzo degli elettrodomestici e di tutti i dispositivi elettrici, può permettere ad ogni famiglia di ‘guadagnare’ a fine anno diverse decine di euro. Ovviamente, alla base di una intelligente strategia di risparmio energeticorisparmio energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
, c’è prima ancora la scelta della giusta tariffa per le proprie esigenze: in questo senso, le offerte luce e gas del libero mercato garantiscono in genere maggiore varietà e flessibilità rispetto alla tariffa di Maggior Tutela, sebbene venga percepita più sicura da un buon numero di italiani.

In ogni caso, l’installazione delle lampadine giuste può rivelarsi davvero un’ottima occasione di risparmio: ecco cosa è bene sapere prima di effettuare l’acquisto.

 

Lampadine: tipi di attacco e forma

L’attacco di una lampadina è il meccanismo con cui questa si aggancia al portalampada. Ne esistono di varie tipologie, ma quelle più diffuse sono la E e la G.

Gli attacchi di tipo E sono i classici attacchi a vite, come gli E14 e gli E27, comunissimi in tutte le case italiane; i numeri dopo la E indicano il diametro dell’attacco in millimetri. Gli attacchi di tipo G sono invece costituiti da due spine o pin, che vanno inseriti nei fori appositi esercitando una leggera pressione. La tipologia G è tipica dell’illuminazione a LED, ed in questo caso il numero dopo la lettera indica la distanza tra i due connettori.

Quando si vogliono sostituire delle lampadine, quindi, è bene verificare - prima di recarsi in negozio – il tipo di attacco di cui abbiamo bisogno, per evitare di ritrovarsi in mano una lampadina che non possiamo utilizzare. È importante anche accertarsi che la lampadina che si andrà a comprare possa essere contenuta nell’apparecchio di illuminazione su cui andrà posizionata: alcune lampadine moderne hanno infatti forme o dimensioni particolari, che potrebbero risultare inadatte alla struttura in cui vorremo inserirle.

 

Tipi di lampadine: alogene, fluorescenti compatte o LED

Passiamo ora alle tipologie di lampadine. Le vecchie lampadine a incandescenza non vengono più prodotte dal 2012, a seguito della loro messa al bando da parte dell’Unione Europea motivata dalla loro scarsa efficienza energetica.

Sul mercato attuale quindi le tecnologie per l’illuminazione più diffuse sono:

  • lampadine alogene: costituite da un filamento di tungsteno inserito in un bulbo trasparente, dentro al quale è contenuto un gas alogeno come lo iodio o il bromo;
  • lampadine a risparmio energetico: si indicano con questo nome le lampadine a fluorescenza compatta (CFL). In esse è presente un tubo di vetro ripiegato e ricoperto di polveri fluorescenti, al cui interno vengono introdotti gas nobili e una percentuale di mercurio. Il passaggio della corrente attiva i gas, producendo il meccanismo che genera la luce;
  • LED: si tratta della tecnologia più recente per le sorgenti luminose. La luce viene prodotta dal movimento degli elettroni in un materiale semiconduttore.

 

Le caratteristiche delle lampadine

Ogni tipologia di lampadina presenta delle prestazioni specifiche, in particolare riguardo alcune caratteristiche come:

  • flusso luminoso: l’unità di misura è il lumen, che indica la quantità di luce emessa;
  • efficacia luminosa: determinabile dal rapporto tra flusso luminoso (lumen) e potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    assorbita (Watt); è la misura principale dell’efficienza energetica di una lampadina, e viene riportata sull’etichetta energetica;
  • indice di resa cromatica (CRI): indica quanto la sorgente luminosa renderà naturali i colori degli oggetti, paragonata rispetto alla luce esterna naturale. I valori vanno da 1 a 100: 100 è appunto il valore della luce esterna naturale; un punteggio superiore a 90 è sinonimo di altissima qualità della resa;
  • temperatura: l’unità di misura è il Kelvin. Un valore più alto – attorno ai 6.000K – indica una luce più fredda e bluastra, uno più basso – ad esempio 3.000K – significa invece che avremo una luce più calda e tendente al giallo.

 

Quale lampadina scegliere?

Per quanto riguarda l’efficacia luminosa, la miglior tecnologia sul mercato è quella a LED: una lampada a LED può arrivare a produrre infatti fino a 90 lumen per Watt, rispetto ai 75 lumen/Watt delle CFL e i 28 lumen/Watt delle alogene.

Per capirci, una lampadina a LED da 19 Watt emette la stessa quantità di luce di una vecchia lampadina ad incandescenza da 100 Watt.  Per questo, le lampade a LED sono classificate da A ad A++ nell’etichetta energetica, a seconda del prodotto.

Le lampadine a LED hanno anche una vita molto più lunga delle altre: circa il doppio delle CFL, e dieci volte più lunga rispetto alle lampadine alogene. L’unico punto debole di questa tecnologia era la resa cromatica, ma alcune lampadine a LED di ultima generazione consentono valori fino oltre il 95 di CRI.

Forse l’unico motivo per non scegliere oggi una lampadina a LED è il maggior costo iniziale per l’acquisto, ma anche in questo senso l’allineamento con le lampade a CFL è sempre più vicino. Insomma, ad oggi, ci sono pochi dubbi: scegliere il LED e quasi sempre la decisione giusta per risparmiare sulla propria illuminazione domestica.

 

 

Notizie correlate

  •  

Data: 13/06/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Storie di ordinaria energia" "Storie di ordinaria energia"

"Quattro lampadine?" sbottò Caterina. "Noi ci siamo comprati un frigorifero americano, gruosso gruosso che ancora stiamo pagando a rate. Tiene due porte che le potrebbe aprire il Papa al prossimo Giubileo. Di classe...

Scopri tutte le letture consigliate

Efficienza energetica: Elettrodomestici a risparmio energetico, mai farne a meno20/10/2017
Efficienza energetica: Elettrodomestici a risparmio energetico, mai farne a meno

Aumentano i consumi di energia elettrica in Italia, e aumenta anche il fabbisogno delle famiglie. In base ai dati diffusi da Terna, emerge che i...

Leggi tutto

Energia: Eni Gas e Luce, la società a misura di utenza domestica del cliente19/10/2017
Energia: Eni Gas e Luce, la società a misura di utenza domestica del cliente

Eni gas e luce, la nuova società che accompagna il cliente ad un consumo razionale di energia

Il mercato energetico è contraddistinto da...

Leggi tuttoArchivio

Certificati bianchi: Le nuove linee guida tra obiettivi e criticita'23/06/2017
Certificati bianchi: Le nuove linee guida tra obiettivi e criticita'

Qual è il contributo dei certificati bianchi per il raggiungimento degli obiettivi nazionali con l’introduzione delle nuove linee guida?

In...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Per le industrie?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti