HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Mobilità sostenibile: E se il mezzo del futuro fossero le biciclette?

In Italia gli spostamenti sulle due ruote non motorizzate di una bicicletta, avvengono solo per il 3,3% della popolazione. Il nostro paese è ancora dominato da una concezione di mobilità fortemente connessa all'utilizzo delle automobili, ad oggi infatti sono circa 38 milioni le autovetture che circolano sulle strade italiane. La crisi economica degli ultimi anni e l'attenzione di alcune amministrazioni comunali verso la mobilità sostenibile non hanno comportato grandi cambiamenti per la ciclabilità, ferma praticamente agli stessi livelli del 2008. 

Nonostante la bassa percentuale di utilizzo delle biciclette, il 29% degli italiani si è detto disposto ad utilizzare la bici piuttosto che l'automobile. Il sondaggio è stato condotto da ISFORT, i cui risultati sono stati pubblicati nel 14° Rapporto ISFORT. “Ciclisti, pedoni e trasporto pubblico crescono dove andare in auto diventa l’opzione meno concorrenziale e dove c’è garanzia di sicurezza per la cosiddetta utenza vulnerabile” afferma il responsabile delle aree urbane Legambiente, Alberto Fiorillo, commentando il report dell’A BI CI, il 1° Rapporto sull’Economia della Bici in Italia e sulla Ciclabilità nelle città

Per promuovere la ciclabilità non è sufficiente aumentare notevolmente i chilometri delle piste ciclabili (da 2.823,8 a 4.169,9 km), come successo in Italia dal 2008 ad oggi, ma è fondamentale concentrarsi su politiche di mobilità che mettano al centro le esigenze del cittadino e non del veicolo; bisogna favorire il cittadino negli spostamenti facendogli comprendere anche come le azioni in materia di ciclabilità abbiano pari attenzione a quelle per gli autoveicoli.

Un esempio di questa strategia è il progetto “Ciclovie turistiche nazionali”, 1.500 km ciclabili che attraverseranno otto Regioni e il Comune di Roma.Si tratta delle ciclovie Ven-to (da Venezia a Torino), Grab (Grande raccordo anulare delle Bici), del Sole (da Verona a Firenze),  del Garda, Trieste-Venezia, Sarda, Magna Grecia (Basilicata, Calabria, Sicilia), Tirrenica, Adriatica, Acquedotto pugliese (da Caposele a Santa Maria di Leuca). 

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

Data: 19/06/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"L'e-mobility: Mercati e policies per un'evoluzione silenziosa""L'e-mobility: Mercati e policies per un'evoluzione silenziosa"

Il ruolo della e-mobility quale una delle componenti in grado di modificare il binomio trasporti- inquinamento è sempre più chiaro, tenendo conto del crescente ruolo delle fonti rinnovabili nella produzione di...

Scopri tutte le letture consigliate

Mobilità: Milano, la prima città in Italia che vieta la circolazione dei diesel più inquinanti10/10/2017
Mobilità: Milano, la prima città in Italia che vieta la circolazione dei diesel più inquinanti

Dal 16 ottobre il centro cittadino sarà vietato a tutti veicoli diesel euro 0, 1, 2, 3 ed euro 4 senza FAP classificati  “diesel leggeri”....

Leggi tutto

Mobilità: 30 colonnine di ricarica per gli spostamenti autostradali03/10/2017
Mobilità: 30 colonnine di ricarica per gli spostamenti autostradali

Da Domenica scorsa in prossimità dei raccordi autostradali della tratta Roma-Milano sono presenti 20 colonnine di ricarica veloce installate da...

Leggi tuttoArchivio

Mobilita' sostenibile: Per lo sviluppo serve una vera cultura della mobilita'22/03/2017
Mobilita' sostenibile: Per lo sviluppo serve una vera cultura della mobilita'

Il comparto elettrico sta cercando di scardinare il tradizionale sistema di propulsione dei veicoli basato sulla combustione, per molteplici...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Mobilità sostenibile: cosa possiamo fare?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti