HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Cambiamenti climatici: Nel 2100 in Europa gli effetti coinvolgeranno due persone su tre

Canicole, inondazioni, tempeste … nel 2100, due persone su tre che vivono in Europa, potrebbero essere colpite da eventi climatici estremi, secondo uno studio pubblicato il 4 agosto nella rivista The Lancet Planetary Health.

Questo studio, condotto da un’équipe del Centro comunitario di ricerca della Commissione europea, mette in evidenza la vulnerabilità delle popolazioni europee di fronte al riscaldamento globale. Giovanni Forzieri, ricercatore in scienze dell’ambiente e primo autore dell’articolo, allerta in questo modo: “Il cambiamento climatico è una delle più grandi minacce del XXI secolo per la salute umana. Se il riscaldamento non viene frenato con urgenza e non vengono prese appropriate misure, circa 350 milioni di europei potrebbero essere esposti annualmente a delle situazioni climatiche estreme e nefaste, da qui alla fine del secolo (rispetto ai 25 milioni dell’inizio del 2000)”.

In questo studio, i ricercatori si sono basati su un aumento della temperatura media di circa 3 gradi da qui al 2100, cioè lo scenario più probabile per la maggior parte degli scienziati.

In queste condizioni, il numero di morti legati alle catastrofi connesse alla deregolamentazione climatica in Europa, sarà moltiplicato per 50, passando dai 3.000 decessi annuali del periodo 1981-2010, a 152.000 a fine secolo.

Per ottenere questi risultati, gli scienziati hanno analizzato gli effetti di sette tipi di catastrofi tra le più mortali -le ondate di calore, quelle di freddo, gli incendi delle foreste, le siccità, le inondazioni fluviali e costiere e le tempeste- nei ventotto Paesi dell’Unione Europea, oltre che Svizzera, Norvegia e Islanda.

Grazie a 2.300 dossier delle catastrofi che hanno avuto luogo tra il 1981 e il 2010, i ricercatori hanno combinato le proiezioni climatiche ai flussi delle popolazioni. “Questo studio è interessante, perchè parte da una base di dati molto importante e di qualità”, sottolinea Robert Vautard, direttore della ricerca al CNRS, specializzato nelle scienze del clima europeo: “E’ il primo rapporto anche completo sugli eventi estremi in Europa, ma anche per l’esposizione delle popolazioni a questi eventi”.

Il caldo, primo rischio per l’Europa
Secondo lo studio, le ondate di calore saranno gli eventi climatici più mortali. Esse causeranno circa il 99% totale dei morti che ci si aspettano. “L’esempio più notevole è quello della canicola del 2003, ricorda Giovanni Forzieri. E’ uno dei più grandi disastri legati al clima, a livello europeo”.

In effetti, questa ondata di calore ha fatto più di 70.000 morti in Europa, di cui 19.000 in Francia. Dopo, ogni anno, i record di temperature continuano a manifestarsi. Come lo scorso 31 luglio dove, con 30,5 gradi rilevati in Corsica, il record di calore notturno in Francia è stato battuto.

Le inondazioni costiere, in gran parte legate alla crescita del livello dei mari, aumenteranno ugualmente in modo esponenziale. Oltre ad una moltiplicazione per 40 del numero dei morti di cui sono responsabili, questi avvenimenti produrranno danni materiali considerevoli.

A confronto, gli incendi, le inondazioni fluviali e le tempeste avranno aumenti di minore intensità. Ma questi tipi di catastrofe potrebbero colpire alcuni Paesi abitualmente meno esposti ai cambiamenti del clima, come Romania, Germania o Regno Unito.

Perchè di fronte a queste catastrofi, tutti i Paesi non sono uguali. Le disparità nord-sud di fronte al riscaldamento si ritrovano al livello dell’Europa. In virtù dell’aumento delle ondate di calore e delle siccità, l’influenza del clima sarà in effetti più importante nel sud del Vecchio Continente (Grecia, Italia e Spagna).

Ogni anno, la totalità della popolazione potrebbe essere colpita da una catastrofe climatica. Con 700 decessi annuali su un milione di abitanti, il clima diventerebbe la prima causa di mortalità legata all’ambiente, prima dell’inquinamento dell’aria.

Al contrario, a nord, le ondate di freddo potrebbero sparire. “Ma l’effetto di questo riscaldamento non sarà sufficiente a compensare le catastrofi, come le inondazioni costiere e le siccità”, sottolinea Forzieri. Un europeo del nord su tre potrebbe anche essere colpito dal clima ogni anno.

Sono necessarie politiche di adattamento
Ma il percorso non è indicato. Questi risultati non prendono in considerazione l’adattamento delle popolazioni ne’ le possibili decisioni politiche, come spiega Robert Vautard: “Se gli accordi di Parigi sono rispettati, per esempio, ci sono possibilità che i risultati di questo studio siano leggermente meno catastrofici. Al contrario, se niente viene fatto, il numero di persone coinvolte andrà ad esplodere”.

Resta dunque una possibilità di invertire la tendenza. Oltre una riduzione drastica delle emissioni mondiali di gas ad effetto serraeffetto serra
Fenomeno fisico per cui alcuni gas contenuti nell'atmosfera (anidride carbonica, vapore acqueo, metano, ecc..) intrappolano il calore proveniente dal sole facendo in modo che la temperatura media sulla Terra permetta la vita delle varie specie. Il meccanismo è simile a quello che avviene in una serra, da cui il nome. Tuttavia l'aumento e, dunque, la situazione di squilibrio della concentrazione di tali gas è causa di un eccessivo riscaldamento della superficie del pianeta con conseguenze anche pesanti sugli ecosistemi, su scala globale.
per limitare la crescita delle temperature, diverse soluzioni sono ipotizzabili per ridurre l’impatto: una sistemazione urbana ad hoc, migliori climatizzazioni e isolamenti termici, un cambiamento nello sfruttamento dei terreni… Il ricercatore francese prosegue: “Dipingere i tetti di bianco, per esempio, permette di evitare l’assorbimento dei raggi solari e la creazione di sacche di calore”.

Una organizzazione specifica del sistema di sanità permetterebbe ugualmente una migliore prevenzione, tipo i piani contro la canicola che sono indispensabili per evitare una crisi come quella del 2003. “C’è bisogno urgente di politiche rigorose di attenuazione del cambiamento climatico, ma anche di adattamento, insiste Giovanni Forzieri. E questo, per tutti i Paesi”….

Fonte: ADUC

 

Notizie correlate

Data: 10/08/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Come il clima cambia il business" "Come il clima cambia il business"

È stato ed è giusto incentivare le fonti di energia rinnovabili? Le auto elettriche e ibride hanno un futuro? La tassa sulle emissioni, già in vigore in molti paesi, danneggia seriamente il business o è invece il...Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: MinAmbiente chiede nuove azioni, biodiversità, clima, fauna21/11/2017
Ambiente: MinAmbiente chiede nuove azioni, biodiversità, clima, fauna

Direttiva ministero per destinazione fondi biodiversità: tra priorità confermate gestione cinghiale e convivenza con lupo, per aree marine avanti...

Leggi tutto

Green economy: Trend positivi ma cambiano i rapporti tra i vari Paesi08/11/2017
Green economy: Trend positivi ma cambiano i rapporti tra i vari Paesi

Nel 2016 per il terzo anno consecutivo le emissioni mondiali e la produzione di gas serra non sono aumentate, la capacità di generazione elettrica...

Leggi tuttoArchivio

Clima: Le colpe dell'uomo ed un sistema energetico da rottamare19/04/2017
Clima: Le colpe dell'uomo ed un sistema energetico da rottamare

Il tema dei cambiamenti climatici: "riguarderà la popolazione mondiale ed i decisori politici per tutto il secolo"; sono le parole di Stefano...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Valutazione ambientale strategica – VAS?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti