HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Energia: L’economia politica, al servizio dell’innovazione energetica

Una rivoluzione tecnologica che porti a tecnologie più efficienti e sostenibili è ormai una priorità sia per i Paesi sviluppati, che per i Paesi in via di sviluppo. Analizzare le tendenze passate, così come comprendere i fattori essenziali per promuovere l’innovazione in campo energetico, appare di vitale importanza per gettare le basi per efficienti politiche climatiche ed energetiche per gli anni a venire.
Ma che cosa intendiamo esattamente quando parliamo di innovazione energetica? Illustrare l’argomento non è semplice. Inoltre, definire chiaramente quali innovazioni migliorino l’uso dell’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
in un’economia è molto impegnativo, mentre statistiche complete ed esaustive relative all’innovazione in campo energetico non sono facilmente disponibili. Per questo motivo, alcune problematiche chiave come il ruolo delle istituzioni come fattori abilitanti o inibitori, o il ruolo delle azioni di lobbying come ostacolo a una transizione verso energie pulite, sono stati affrontati finora solo marginalmente dalle attuali pubblicazioni scientifiche sull’argomento.

L’articolo The political economy of energy innovation (“L’economia politica dell’innovazione energetica”; tra gli autori, anche i ricercatori della Fondazione CMCC Shouro DasguptaEnrica De Cian, ed Elena Verdolini) esplora gli effetti di politiche ambientali, istituzioni, orientamento politico e azioni di lobbying sull’innovazione energetica. In primo luogo lo studio fornisce una panoramica delle caratteristiche dell’innovazione in campo energetico, definita nell’articolo come quell’innovazione volta a migliorare l’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
e/o a ridurre l’intensità di carboniocarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
del settore energetico
, come le energie rinnovabilienergie rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
o le tecnologie per una generazione più efficiente dell’energia. Scendendo nel dettaglio, i ricercatori hanno raccolto informazioni sui due indicatori d’innovazione più comunemente usati, vale a dire gli investimenti in Ricerca e Sviluppo (R&D) nei settori industriale ed energetico, in grado di dare una stima degli input d’innovazione, e i brevetti nel settore energetico, che misurano invece i risultati dell’innovazione. Le loro dinamiche sono state accuratamente descritte utilizzando un database per 20 Paesi per il periodo 1995-2010.

I dati raccolti sono stati utilizzati per analizzare l’influenza dei fattori di economia politica sulle innovazioni relative all’energia. Lo studio in particolare si focalizza su quattro diversi aspetti: le tipologie e il rigore del sostegno governativo all’innovazione energetica (per esempio, i diversi strumenti politici implementati a tal fine, come politiche ambientali e di R&D); la qualità della governance (per esempio, l’efficacia dei governi e delle loro azioni, e le norme giuridiche in vigore); l’orientamento politico dei governi, e la distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
delle risorse fra i diversi gruppi d’interesse.

Lo studio ha evidenziato come tutti i fattori istituzionali, economici e politici esaminati influenzino gli incentivi destinati alla produzione di innovazione e alla creazione di tecnologie per la produzione di energia più pulita ed efficiente.
Nel complesso, i risultati evidenziano come i fattori dell’economia politica possano agire da ostacoli anche in presenza di stringenti e rigorose politiche ambientali, suggerendo che, per promuovere un’economia più verde, i Paesi dovrebbero combinare le loro politiche ambientali con un generale miglioramento della qualità delle istituzioni, tenere in considerazione l’influenza dell’orientamento politico dei governi sulle politiche ambientali e le implicazioni per l’economia dell’entità di quei settori a più alta intensità di energia.

“The Political Economy of Clean Energy Transitions”  - D. Arent, C. Arndt, M. Miller, F. Tarp, O. Zinama - Ed. Oxford UniversityPer ulteriori approfondimenti, il libro The Political Economy of Clean Energy Transitions 

Fonte: Fondazione CMCC

 

Notizie correlate

 

Data: 01/09/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

“Il mercato secondario delle rinnovabili: tendenze, prezzi e creazione di valore”“Il mercato secondario delle rinnovabili: tendenze, prezzi e creazione di valore”

Rapporto OIR 2017
Il Rapporto OIR 2017 analizza un tema che sta prendendo negli ultimi due anni sempre più vigore nel settore delle rinnovabili: la concentrazione del mercato. A muoversi non sono solo le utilities e...

Scopri tutte le letture consigliate

Green economy: Trend positivi ma cambiano i rapporti tra i vari Paesi08/11/2017
Green economy: Trend positivi ma cambiano i rapporti tra i vari Paesi

Nel 2016 per il terzo anno consecutivo le emissioni mondiali e la produzione di gas serra non sono aumentate, la capacità di generazione elettrica...

Leggi tutto

Eolico: In Scozia è entrata in funzione la prima centrale eolica galleggiante06/11/2017
Eolico: In Scozia è entrata in funzione la prima centrale eolica galleggiante

E' ufficialmente entrato in attività il parco eolico galleggiante Hywind, situato nel Nord della Scozia a circa 25 km. dalla coste di Peterhead....

Leggi tuttoArchivio

Certificati bianchi: Le nuove linee guida tra obiettivi e criticita'23/06/2017
Certificati bianchi: Le nuove linee guida tra obiettivi e criticita'

Qual è il contributo dei certificati bianchi per il raggiungimento degli obiettivi nazionali con l’introduzione delle nuove linee guida?

In...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Panoramica sui settori?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti