HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Mobilità: Milano, la prima città in Italia che vieta la circolazione dei diesel più inquinanti

AREA C - Nuove regole 2017

Dal 16 ottobre il centro cittadino sarà vietato a tutti veicoli diesel euro 0, 1, 2, 3 ed euro 4 senza FAP classificati  “diesel leggeri”. Milano è l’unica città italiana ad adottare strutturalmente questa misura a tutela della qualità ambientale dei cittadini.

Sabato 14 ottobre scadranno infatti le ultime deroghe al nuovo provvedimento Area C in vigore dallo scorso 13 febbraio che riguardavano i veicoli  per il trasporto cose a gasoliogasolio
Prodotto derivante dalla distillazione del petrolio greggio. Viene utilizzato soprattutto per alimentare motori Diesel oppure negli impianti di riscaldamento civile. Nei motori Diesel, detti anche ad accensione spontanea, il gasolio viene iniettato nel cilindro dove trova aria molto compressa (anche 40 volte la pressione ambiante). Per poter essere impiegato nei motori il gasolio deve avere determinate caratteristiche, per esempio una buona capacità di accensione (soprattutto alla basse temperature) e un opportuno potere lubrificante.
euro 4 senza FAP classificati come “diesel leggeri” e quelli per il trasporto persone a gasolio euro 4 registrati in MyAreaC alla categoria “veicoli di servizio”.

Terminato il periodo di adeguamento alle regole adottate otto mesi fa le restrizioni in vigore dal prossimo 16 ottobre confermano la volontà dell’Amministrazione di continuare a ridurre il traffico in centro città ma anche di consentire progressivamente l’accesso in Area C solo a veicoli dalle elevate prestazioni ambientali a tutela del benessere dei cittadini.

Sempre a conferma di quanto intrapreso e dei risultati già ottenuti continua anche il divieto di accesso ai veicoli merci tra le ore 8 e le 10 che ha consentito l’abbattimento del traffico di circa il 38% in una fascia orariafascia oraria
Arco di tempo in cui si preleva energia, differente per le varie tipologie di uetenze (media tensione o alta tensione). Alcune offerte tariffarie prevedono, per esempio, prezzi diversi a seconda delle fasce orarie in cui si preleva energia elettrica (mattina, sera, giorni festivi, ecc..).
di particolare congestione e ha dato l’impulso alla riorganizzazione della distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
delle merci in città. Insieme al divieto restano in vigore le relative deroghe per altri 12 mesi cioè fino al 30 settembre 2018.

Inoltre, come annunciato fin dal 13 febbraio, da lunedì  sarà attuata la modifica delle norme di pagamento per i bus turistici (veicoli  a noleggio con conducente NCC) superiori a 9 posti. Il nuovo ticket è: per i veicoli fino a 8 metri (generalmente fino a 30 posti), 40 euro; per i  veicoli compresi tra 8,01 e 10,50 metri (generalmente fino a 50 posti), 65 euro; per i  veicoli superiori a 10,50 metri (generalmente più di  50 posti), 100 euro.

Per quanto riguarda i veicoli utilizzati esclusivamente per il trasporto degli alunni delle scuole dell’infanzia, elementari e medie, per il tragitto casa – scuola e luoghi connessi all’attività didattica, il ticket giornaliero è: di 15 euro per i veicoli fino a m. 8,00; 25 euro per i veicoli compresi tra m. 8,01 e m. 10,50; 40 euro per i veicoli superiori a mt. 10,50.
 
Continuano a pagare 5 euro a ingresso, secondo le modalità in atto dal febbraio di quest’anno, i veicoli per trasporto alunni delle scuole dell’infanzia, elementari e medie per uscite didattiche, d’istruzione e sportive.

In particolare per quanto riguarda i veicoli per il trasporto cose alimentati a gasolio euro 4 dotati di FAP di serie potranno continuare a entrare senza nessun obbligo di comunicazione della targa in quanto riconosciuti automaticamente dalle telecamere.

I veicoli alimentati a gasolio euro 0,1,2,3 dotati di filtro antiparticolato after-market, che abbiano la classe euro di adeguamento riportata sulla carta di circolazione pari almeno a euro 4 potranno continuare ad entrare senza nessun obbligo di comunicazione della targa in quanto riconosciuti automaticamente dalle telecamere.

I veicoli per trasporto cose alimentati a gasolio euro 4 con FAP installato non di serie, per entrare devono comunicare la targa del veicolo con il modulo disponibile dalla prossima settimana sul sito www.areac.it dove sarà possibile trovare tutta la regolamentazione d’ingresso in Area C in vigore a partire dal prossimo 16 ottobre.

Il filtro antiparticolato consente di ridurre le emissioni inquinanti, per questo l’Amministrazione  aveva già finanziato con 1 milione di euro un bando per dare un contributo ai proprietari di veicoli alimentati a gasolio euro 0, 1, 2, 3 e 4 che ha consentito a oltre 270 mezzi di dotarsi del filtro. Un altro bando con un ulteriore finanziamento sarà pubblicato nelle prossime settimane.

Fonte: Comune Milano - InformaMi

 

Notizie Correlate

 

Data: 10/10/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Green Mobility""Green Mobility"

Come cambiare la città e la vita
Il settore dei trasporti, all’intersezione tra innovazione tecnologica, politiche nazionali ed europee, logiche di mercato e stili di vita, ha una parte fondamentale in tutte le...

Scopri tutte le letture consigliate

Mobilità: Continua la crescita del car sharing, boom di iscrizioni 01/06/2018
Mobilità: Continua la crescita del car sharing, boom di iscrizioni

Cresce il car sharing in Italia, in crescita iscrizioni e noleggi Sempre più italiani utilizzano i veicoli di car sharing nel nostro paese; nel...Leggi tutto

Mobilità: Londra investirà 160 milioni di euro in piste ciclabili08/05/2018
Mobilità: Londra investirà 160 milioni di euro in piste ciclabili

Londra destinerà 160 milioni di euro per nuove piste ciclabili Sadiq Khan, sindaco di Londra, ha confermato di voler stanziare un importante...Leggi tuttoArchivio

Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza25/05/2018
Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza

La puntata di Report del 19 Marzo scorso ha trattato il tema dell’auto elettrica, e dopo i circa quaranta minuti di trasmissione l’utente medio...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Auto elettrica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti