HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Nucleare: Francia, centrali vulnerabili ed esposte ad attacchi terroristici

Secondo un rapporto Greenpeace, le centrali nucleari francesi risultano essere eccessivamente esposte e vulnerabili ad attacchi terroristiciPer mesi Greenpeace ha fatto lavorare degli esperti internazionali sulla protezione, rispetto al rischio attentati, delle centrali nucleari  francesi.

Le conclusioni sono "preoccupanti". "Siamo dinanzi a un deficit storico della protezione dei nostri impianti, in particolare, delle piscine di raffreddamento", precisa Yves Marignac, uno dei relatori del rapporto. Per il capo della campagna Greenpeace, Yannick Rousselet, "si tratta di avvertire l'opinione e i poteri pubblici, non certo di dare idee ai malintenzionati".

In Francia, l’allerta terrorismo resta alta. Due detenuti del carcere di Fresnes, nei pressi di Parigi, sono stati scoperti mentre preparavano un attacco. Uno dei due sarebbe dovuto uscire ieri, l’altro la settimana prossima. Uno dei due comunicava con dei contatti in Siria attraverso una messaggeria criptata di tipo Telegram. I due individui, di nazionalità francese e camerunense (22 e 28 anni) considerati come radicalizzati, avevano ipotizzato diversi obiettivi potenziali, tra cui le forze dell'ordine e le guardie penitenziarie. L’indagine è stata affidata alla procura antiterrorismo. Durante l'interrogatorio, il camerunense ha confermato il progetto agli inquirenti. Secondo fonti vicine all'inchiesta, si tratta di un simpatizzante dell'Isis.

La scoperta di questo progetto di attentato rivela l'urgenza nel fare fronte al problema della radicalizzazione nelle carceri: è quanto afferma la ministra francese della Giustizia, Nicole Belloubet.

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

Data: 11/10/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006""La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006"

Quanta rilevanza possono assumere i danni ambientali oggi? Per dare una risposta a tale domanda, occorre partire dal presupposto che l’uomo e le risorse naturali fanno parte di un sistema complesso, nel quale sono...

Scopri tutte le letture consigliate

Nucleare: Uno sguardo al presente ed al futuro dei paesi extra europei13/06/2018
Nucleare: Uno sguardo al presente ed al futuro dei paesi extra europei

Alessandro Clerici (Presidente onorario WEC Italia e FAST) completa lo scenario mondiale sul nucleare, iniziato con lo scenario del settore a...

Leggi tutto

La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra Direttiva 2004/35/CE e D.lgs. 152/2006 12/06/2018
La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra Direttiva 2004/35/CE e D.lgs. 152/2006

 

Antonio Aruta Improta

Aprile 2018, Aracne...

Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Valutazione di incidenza ambientale - VINCA?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti