HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Ambiente: Le grandi aziende accelerano la lotta al cambiamento climatico

CDP pubblica oggi il più importante indice mondiale che monitora le strategie volte a combattere il cambiamento climatico da parte delle grandi aziende a forte impatto ambientaleimpatto ambientale
L'insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l'avvio di una determinata attività ha sull'ambiente naturale circostante.
. Dal nome Picking up the pace, è la seconda edizione del report annuale che rileva come sempre più aziende stanno implementando obiettivi a basse emissioni nei piani industriali di medio-lungo periodo e si stanno sempre più allineando alle indicazioni fornite dagli studi scientifici per prevenire pericolosi cambiamenti climatici.

Il 14% delle 1073 aziende rispondenti ha provveduto alla propria crescita futura fissando degli obiettivi scientifici sulla base di target condivisi da parte del Science Based Targets initiative1, programmi in linea con il livello di decarbonizzazione richiesta per tenere sotto i 2 gradi l’aumento delle temperature globali, principale target stabilito dagli accordi di Parigi e firmato da 200 nazioni. Ulteriori 317 aziende (30% del campione) ambiscono a questi obiettivi nell’arco dei prossimi 2 anni. Gli attuali target - che coinvolgono almeno un terzo (31%) del panel – mirano a mantenere il riscaldamento globale sotto i 2 gradi, un notevole miglioramento rispetto allo scorso anno (+25%) che riflette un cambio di atteggiamento, verso una direzione più metodica e scientifica.

Gli aspetti chiave dell’analisi sono:

  • Sempre più società stanno monitorando il proprio futuro a basse emissioni: l’89% ha fissato dei target per quest’anno (nel 2016 era l’85%); il 68% li ha fissati per il 2020 (55% nel 2016) e il 20% ha piani di più lungo periodo e guarda al 2030 e oltre (14% nel 2016), scelte cruciali per evitare degli stop agli investimenti in infrastrutture ed asset dal forte impatto ambientale;
  • Riduzione del divario nelle emissioni per andare incontro agli obiettivi globali: il 31% delle aziende va nella direzione di un riscaldamento globale sotto i 2 gradi, il 6% in più rispetto al 25% dello scorso anno;
  • Aumento dei target, in linea con i più recenti studi scientifici: il 14% delle aziende ha aderito alle iniziative di Science Based Targets (le aziende sono passate da 94 a 151 lo scorso anno, compagnie del calibro di AkzoNobel, EDP e Unilever). Un ulteriore 30% - 317 aziende – ha annunciato di voler introdurre obiettivi su base scientifica nei prossimi 2 anni;
  • La transizione verso la riduzione delle emissioni sta portando innovazione: Oltre un terzo (36%) delle aziende ha introdotto nella propria offerta prodotti a basse emissioni come veicoli elettrici ed edifici green (il 30% nel 2016). I tre quarti (75%) delle aziende afferma che i propri prodotti e servizi consentono ad altri di ridurre le emissioni (il 64% nel 2016); il 32% delle aziende sta utilizzando un carbon pricing interno e un ulteriore 18% prevede di implementarlo entro due anni; il numero delle aziende alimentate da energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    - il sole
    - il vento
    - l'acqua
    - la geotermia
    - le biomasse
    è cresciuto del 23% nel corso del 2016
    , e compagnie come BT e Unilever si sono impegnate a ricorrere al 100% delle energie rinnovabili entro il 2030 nell’ambito dell’iniziativa RE100; Il numero di aziende con un obiettivo di produzione di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    rinnovabile è aumentato del 36% nell'anno passato (da 55 a 75 aziende);
  • Il clima è arrivato all’attenzione dei CdA: il 98% delle aziende ha manager con responsabilità sul clima e il 90% ha incentivi finanziari per raggiungere obiettivi climatici.

Paul Simpson, CEO di CDP commenta: “Due anni fa, gli accordi di Parigi hanno dato una forte spinta all’economia a basse emissioni. Quest’anno, le raccomandazioni provenienti dalla Task Force per il Climate-Related Financial Disclosures hanno accelerato ulteriormente il passo. Possiamo già vedere vincitori e vinti. Si moltiplicano le best practice, dal solare, all’edilizia a zero emissionizero emissioni
Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l'instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un'industria divengono materia prima per un'altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
, innovazione nei processi, nei prodotti e nella filosofia aziendale. E ciò è sempre più guidato dai CdA. Si tratta di una grande notizia per le aziende che hanno capito le opportunità dell’economia a basse emissioni, opportunità che dovranno cogliere tutte aziende, pena l’esclusione dal cambiamento. Tuttavia, la maggior parte del campione non sembra avere ancora i giusti obiettivi scientifici per allineare il proprio business agli accordi di Parigi, sebbene molti abbiano l’ambizione di raggiungerli entro due anni. Per questo esortiamo tutte le compagnie ad allinearsi e assicurare un atteggiamento di resilienza nella direzione di un mondo dove l’aumento delle temperature sia sotto i 2 gradi
”.

In un’analisi separata, CDP ha stilato la classifica delle 160 aziende – per un totale di 3300 – che hanno meglio preformato (A list) con strategie vincenti per clima, acqua e deforestazione. L’indice è stato stilato – per la prima volta - grazie alla partnership fra CDP, ADEC e South Pole.

Fra le 160 migliori aziende (A List) figurano Colgate Palmolive Company, Diageo Plc., J Sainsbury Plc., Sky Plc. and Sony Corporation.

  • Unilever e L'Oréal sono in cima alla lista, con una A in tutte e tre le aree – clima, acqua e foreste – e dimostrano come il business può puntare ai profitti pur riducendo le emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ,aumentando la sicurezza delle acque e contrastando la deforestazione. 
  • I risultati presentati da CDP evidenziano maggiore trasparenza e misurazione delle azioni ambientali nei CdA, valore cresciuto del 33% rispetto al 2013 


L’analisi completa Picking up the pace ha valutato un campione di 1829 aziende, 1073 delle quali hanno scelto di divulgare i propri dati ad oltre 800 investitori istituzionali che gestiscono asset per
100 trilioni di dollari. Le aziende rispondenti rappresentano il 12% delle emissioni totali di gas a effetto serraeffetto serra
Fenomeno fisico per cui alcuni gas contenuti nell'atmosfera (anidride carbonica, vapore acqueo, metano, ecc..) intrappolano il calore proveniente dal sole facendo in modo che la temperatura media sulla Terra permetta la vita delle varie specie. Il meccanismo è simile a quello che avviene in una serra, da cui il nome. Tuttavia l'aumento e, dunque, la situazione di squilibrio della concentrazione di tali gas è causa di un eccessivo riscaldamento della superficie del pianeta con conseguenze anche pesanti sugli ecosistemi, su scala globale.
. Il campione è stato definito nel 2016 come benchmark per le strategie aziendali nel contrastare il cambiamento climatico e rappresenta le aziende più significative per capitalizzazione e impatto ambientale.


Alcuni protagonisti dell’analisi:

  • AkzoNobel: azienda chimica olandese che, entro il 2050, sarà alimentata al 100% da energie rinnovabili ed ha introdotto una politica di carbon pricing che include un “costo sociale della CO2” di 135 euro per tonnellata di CO2;
  • BT: il gigante delle telecomunicazioni britannico ha stabilito target ambiziosi su base scientifica per ridurre le proprie emissioni dirette dell’87% entro il 2030;
  • EDP: compagnia energetica portoghese la cui elettricità è stata prodotta nel 2016 per il 65% da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    - il sole
    - il vento
    - l'acqua
    - la geotermia
    - le biomasse
    , cifra destinata a crescere al 75% entro il 2020. Attualmente è allo studio la possibilità che le emissioni di CO2 calino del 30% rispetto al 2015 al fine di raggiungere gli obiettivi fissati al 2030;
  • Nissan: il produttoreproduttore
    Secondo quanto stabilito dal decreto legislativo n. 79/99, il produttore è la persona fisica o giuridica che produce energia elettrica indipendentemente dalla proprietà dell'impianto.
    di automobili giapponese ambisce ad essere leader nella produzione di veicoli a zero emissioni. Dal lancio nel 2010, Nissan ha venduto nel mondo più di 240.000 veicoli elettrici guadagnandosi un ottimo posizionamento nel settore;
  • San Diego: la città americana ha partecipato con GE Current, AT&T, Intel e altri all’iniziativa US$30 million Smart CitySmart City
    Espressione dall'inglese che significa "Città Intelligente" ed indica, in senso lato, un ambiente urbano in grado di agire attivamente per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini, spaziando dal settore prettamente energetico a quello della gestione, smaltimento e riciclo dei rifiuti. La città intelligente riesce a conciliare e soddisfare le esigenze dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni, grazie anche all'impiego diffuso e innovativo delle TIC (Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione), in particolare nei campi della comunicazione, della mobilità, dell'ambiente e dell'efficienza energetica.
    per l’indipendenza energetica della regione. Obiettivo è quello di spingere i consumatori all’utilizzo di auto elettriche, ridurre le emissioni responsabili dell’effetto serra e incoraggiare la crescita economica;
  • Unilever: membro di RE100, multinazionale anglo-olandese che si è impegnata – entro il 2030 – ad avere tutte le operations alimentate solo da energie rinnovabili

 

 

Notizie correlate

Data: 24/10/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

La societa' circolareLa societa' circolare

Fordismo, capitalismo molecolare, sharing economy
Dopo la lunga stagione del fordismo novecentesco e quella del postfordismo basato sull’egemonia della micro e piccola impresa territorializzata, siamo oggi entrati in...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: MinAmbiente chiede nuove azioni, biodiversità, clima, fauna21/11/2017
Ambiente: MinAmbiente chiede nuove azioni, biodiversità, clima, fauna

Direttiva ministero per destinazione fondi biodiversità: tra priorità confermate gestione cinghiale e convivenza con lupo, per aree marine avanti...

Leggi tutto

Green economy: Trend positivi ma cambiano i rapporti tra i vari Paesi08/11/2017
Green economy: Trend positivi ma cambiano i rapporti tra i vari Paesi

Nel 2016 per il terzo anno consecutivo le emissioni mondiali e la produzione di gas serra non sono aumentate, la capacità di generazione elettrica...

Leggi tuttoArchivio

Clima: Le colpe dell'uomo ed un sistema energetico da rottamare19/04/2017
Clima: Le colpe dell'uomo ed un sistema energetico da rottamare

Il tema dei cambiamenti climatici: "riguarderà la popolazione mondiale ed i decisori politici per tutto il secolo"; sono le parole di Stefano...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
L'ambiente in Europa e Italia?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti