HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Green economy: Trend positivi ma cambiano i rapporti tra i vari Paesi

Nel 2016 per il terzo anno consecutivo le emissioni mondiali e la produzione di gas serra non sono aumentate, la capacità di generazione elettrica da rinnovabili è raddoppiata nei primi 15 anni del secolo, il green economy progress - indicatore dell’UNEP che valuta i progressi degli Stati in green economy - vede il 79% dei Paesi in avanzamento e il 21% in stallo tra cui la Cina. Se a livello mondiale i trend green cominciano a essere positivi, la situazione tra Paesi cambia.

Il tema della seconda giornata degli Stati Generali della Green Economy “Europa, Cina, Usa: il futuro della green economy nei nuovi equilibri mondiali” ha passato, infatti, in rassegna gli scenari della green economy nel mondo, in particolare nelle principali economie, e la possibilità di centrare gli obiettivi dell’Accodo di Parigi (contenimento della variazione climatica globale ben al di sotto dei 2°C). Ne hanno discusso l’economista USA e grande sostenitore della green economy Woodrow Clark, l’eurodeputata Monica Frassoni, Cao Jianye - consigliere scientifico dell’ambasciata cinese e gli esponenti delle principali imprese mondiali (Vestas, Arcadis,Zhidou Ev Car,  Novamont, Enel Green Power).

La green economy - ha detto Edo Ronchi, Consiglio Nazionale della Green Economy - sta andando avanti; regge in Europa e c’è in particolare una spinta interessante da parte della Francia, sta diventando un elemento di forza per la Cina e, nonostante la posizione del Presidente Trump, anche gli Stati Uniti puntano ancora sul green”.

L' Europa ha conseguito con anticipo gli obiettivi del pacchetto di misure per il clima al 2020, ma nel nuovo pacchetto al 2030 ha identificato target (27% di rinnovabili sul consumo finale lordo e 30% di riduzione del consumo tendenziale di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
) che difficilmente consentiranno di centrare l’obiettivo di riduzione dei gas serra del 40%. L’attuazione dell’Accordo di Parigi richiederà un miglioramento dei target europei al 2030. L’Europa è anche alla vigilia dell’approvazione di una nuova e importante direttiva sui rifiuti e sulla circular economy, che ha l’obiettivo ambizioso di rendere l’economia europea la più efficiente del mondo nell’utilizzo delle risorse, quindi insieme più green e più competitiva. Cura crescente è dedicata dall’Europa ai diversi aspetti della tutela del capitale naturale visto che il 66% delle specie e il 77% degli habitathabitat
Termine generico indicante l'ambiente naturale che permette la nascita e lo sviluppo di esseri viventi, animali o vegetali.
europei sono in un cattivo stato di conservazione, peggiorato dagli effetti del cambiamento climatico in atto.

La Cina ha puntato in passato su un modello di crescita accelerata, basato sulle esportazioni, di bassa qualità ed elevati impatti ambientali, con un enorme utilizzo di carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
come fonte di energia di gran lunga prevalente. Questo modello di crescita ha fatto diventare la Cina una potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
economica mondiale, ma anche il principale Paese emettitore di gas serra (con il 29% delle emissioni globali di CO2), con emissioni totali, che comunque non crescono dal 2014, superiori a quelle degli Stati Uniti ed emissioni pro-capite superiori a quelle europee. Il programma di misure per l’Accordo di Parigi presentato dalla Cina risulta insufficiente e prevede di continuare ad aumentare le emissioni fino al 2030.

Tuttavia, si registra una svolta “green” da parte del Governo Cinese, segnalata anche da indicatori quali la crescita del fatturato di beni e servizi ambientali, l’aumento degli stock forestali, la riduzione del consumo di pesticidi e fertilizzanti e l’aumento degli edifici realizzati con criteri green, gli enormi investimenti in rinnovabili e la grande emissioneemissione
Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell'atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull'ambiente.
di green bond.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, per la green economy, oltre che per le politiche climatiche globali, è di grande importanza cominciare a valutare i possibili effetti della decisione del Presidente Trump di ritirare gli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi per il clima.

Gli esiti di questa decisione non sono affatto scontati: circa il 40% delle emissioni di gas serra degli USA proviene da Stati che hanno ufficialmente dichiarato che manterranno il loro impegno di riduzione di gas serra in attuazione dell’Accordo di Parigi. Proprio nel giugno del 2017, la conferenza dei Sindaci, in rappresentanza di 1.408 città superiori ai 30.000 abitanti, non solo ha sostenuto l’Accordo di Parigi, ma ha chiesto obiettivi più ambiziosi.

Oltre agli impegni, sarà molto importante verificare alcuni indicatori chiave. Per ora gli investimenti nelle rinnovabili continuano a crescere: a marzo e ad aprile del 2017, solare ed eolico, per la prima volta, hanno superato il 10% della domanda elettricadomanda elettrica
Quantità di energia elettrica che deve transitare sulla rete calcolata come la somma dei consumi degli utenti e delle perdite sulla rete. È sinonimo di fabbisogno elettrico.
. Gli Stati Uniti continuano a essere leader mondiale nella produzione di biocombustibili e nelle tecnologie per l’efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
. Le emissioni di green bond nel 2016 sono state 80 volte superiori a quelle del 2012, raggiungendo la cifra di 38,4 miliardi di dollari. Per ora sembra che le dichiarazioni di Trump sull’Accordo di Parigi non siano in grado di produrre effetti rilevanti sulle concrete misure economiche e tecnologiche per il clima, ormai avviate negli USA.

L’economia mondiale - ha concluso Raimondo Orsini, Direttore della Fondazione per lo Sviluppo SostenibileSviluppo Sostenibile
Lo sviluppo sostenibile è quel tipo di sviluppo che garantisce i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere il futuro delle generazioni a venire. I tre obiettivi dello sviluppo sostenibile sono: prosperità economica, benessere sociale e limitato impatto ambientale. La prima definizione, risalente al 1987, è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland, poi ripresa successivamente dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo dell'ONU.
- ha ormai intrapreso la strada green, anche se il presidente Trump non se ne è accorto: i numeri della green economy negli Usa sono infatti molto più alti di quelli della brown economy da lui difesa”. 

 

 

Notizie correlate

 

Data: 08/11/2017

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

La societa' circolareLa societa' circolare

Fordismo, capitalismo molecolare, sharing economy
Dopo la lunga stagione del fordismo novecentesco e quella del postfordismo basato sull’egemonia della micro e piccola impresa territorializzata, siamo oggi entrati in...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: MinAmbiente chiede nuove azioni, biodiversità, clima, fauna21/11/2017
Ambiente: MinAmbiente chiede nuove azioni, biodiversità, clima, fauna

Direttiva ministero per destinazione fondi biodiversità: tra priorità confermate gestione cinghiale e convivenza con lupo, per aree marine avanti...

Leggi tutto

Ambiente: Le grandi aziende accelerano la lotta al cambiamento climatico24/10/2017
Ambiente: Le grandi aziende accelerano la lotta al cambiamento climatico

CDP pubblica oggi il più importante indice mondiale che monitora le strategie volte a combattere il cambiamento climatico da parte delle grandi...

Leggi tuttoArchivio

Smart City: Sorgera' a Milano all'insegna di tecnologia e rinnovabili22/03/2017
Smart City: Sorgera' a Milano all'insegna di tecnologia e rinnovabili

Uno degli obiettivi primari del progetto Milano4You è relativo all’azzeramento delle spese di gestione dell’immobile grazie ad un’infrastruttura...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Valutazione della sostenibilità ambientale?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti