HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Salute: Incendio a Corteolona (Pavia), nessun rischio di inquinamento da diossina

Quali rischi corre la popolazione e l’ambiente nel caso di un incendio a un capannone come quello accaduto a Corteolona (Pavia) di recente? Molti hanno rivisto lo spettro della diossina di Seveso, che impiegò 14 anni prima di dimezzarsi. In realtà tale pericolo è stato subito allontanato.

Secondo gli esperti del settore, infatti, gli inquinanti più nocivi sono gli idrocarburiidrocarburi
Composti chimici formati da carbonio e idrogeno che costituiscono il petrolio e il gas naturale. Esistono diverse classificazioni degli idrocarburi a seconda dei legami chimici presenti nelle molecole.
policiclici aromaticiaromatici
Idrocarburi la cui molecola è costituita da almeno un anello benzenico. Essi sono contenuti nei prodotti petroliferi (soprattutto gasolio e olio combustibile) ed anche nel carbone. Generati dalla combustione incompleta di combustibili solidi ed oli pesanti, gli aromatici sono tra i composti organici più pericolosi per la salute a causa della loro attività cancerogena.
e composti del genere. Derivano da ogni combustionecombustione
Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
, anche dalla legna che brucia e da una sigaretta accesa, e sono molto diffusi in grandi volumi nel traffico automobilistico. Sono cancerogeni nel lungo termine, dopo mesi o anni. Ma non nel caso di un’esposizione di ore o pochi giorni. Le diossine sono presenti in quantità infinitesimali e solo in particolari condizioni da materiali di partenza specifici.

incendio corteleona

Non c’è da preoccuparsi, dunque. Secondo fonti autorevoli, le diossine erano un vero problema fino agli anni 70 e 80, quando gli inceneritori bruciavano plastiche a base di cloro, che nella combustione potevano sviluppare diossina. Ora tecnologia e legislazione hanno eliminato la presenza dei precursori della diossina, perciò solo in caso di combustione di rifiuti speciali c’è tale rilascio.

I consigli per la popolazione colpita da tale incidente? Lavare con acqua potabile gli ortaggi a foglia larga, che trattiene di più le polveri. Evitare di far mangiare il foraggio dell’area contaminata agli animali per non rischiare di ritrovarli nel latte. Lavare e sbucciare la frutta. 

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

Data: 09/01/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"L'occhio del pescespada""L'occhio del pescespada"

La contemporanetità di questa narrativa racconta la quotidianità di un grande supermercato osservata da un sensibile "Forrest Gump" sui generis: Charlie - il protagonista - che è un apprendista al banco del pesce ed...

Scopri tutte le letture consigliate

Geotermico: Coltivazione della spirulina in ambiente geotermico13/04/2018
Geotermico: Coltivazione della spirulina in ambiente geotermico

In Italia, a Chiusdino, Enel Green Power sta collaborando alla sperimentazione della coltivazione dell’alga spirulina in ambiente geotermico: un...Leggi tutto

Ambiente: Il deserto del Sahara continua ad espandersi 10/04/2018
Ambiente: Il deserto del Sahara continua ad espandersi

Secondo uno studio del Dipartimento di Scienze dell'Atmosfera e degli Oceani dell'Università del Maryland (USA), il deserto del Sahara negli...

Leggi tuttoArchivio
Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti