HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Mobilità: La sfida della Germania per il settore dei trasporti

La Germania è uno dei Paesi europei maggiormente impegnati nella transizione verso un’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
pulita. La prova della sua forte coscienza ambientale è testimoniata dalla cosiddetta
Energiewende, o "svolta energetica", con cui si è fissata l’obiettivo di sostituire la produzione di energia nucleareenergia nucleare
Energia derivante dalle trasformazioni che coinvolgono i nuclei atomici (fissione o fusione). Attualmente la produzione di energia elettrica con il nucleare si basa sulla fissione, dal momento che i processi di fusione nucleare sono ancora in fase di studio e ricerca. Il combustibile impiegato è l'uraniouranio
Elemento metallico radioattivo che si trova sottoforma di ossidi o sali nelle rocce, nel suolo, nell'aria e nell'acqua. L'uranio, così come si trova in natura, è costituito da tre isotopi: l'uranio 238 (per il 99.9 %), l'uranio 235 (l'uranio fissile impiegato come combustibile nelle centrali nucleari) e l'uranio 234, in piccolissime tracce.
 235, contenuto in piccola concentrazione nell'uranio naturale. Nelle centrali di questo tipo l'enorme quantitativo di energia che si libera dalle reazioni nucleari viene ceduto a un fluido che a sua volta la cede all'acqua che poi percorre un ciclo di potenza uguale a quello delle centrali a vapore convenzionali.
e quella a carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
con fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse
.

Ma se grazie all’eolico e al solare dispiegato sul suo territorio i risultati sono ben visibili, l’ecologizzazione degli altri ambiti, in particolare il settore dei trasporti, comporterà invece degli sforzi decennali.

La sfida della Germania per il settore dei trasporti.jpg

A causa dell'inerzia dell'industria automobilistica tedesca e della scarsa domanda da parte dei consumatori, la cancelliera Angela Merkel ha dovuto rottamare l'obiettivo proposto per il rinnovamento del settore dei trasporti di avere 1 milione di auto elettriche per le strade entro il 2020. D’altra parte, la stessa industria automobilistica tedesca ha affermato che da sola non è in grado di aumentare significativamente il numero di veicoli elettrici sulle strade senza l'assistenza del governo.

Oggi, il numero totale di veicoli elettrici è di appena 37.000 unità e la costruzione di un sistema di ricarica a livello nazionale è appena iniziato, e una reale riduzione delle emissioni di gas serra sarà possibile solo quando l'elettricità del paese sarà generata da fonti rinnovabili, traguardo ancora lontano.

Inoltre, esperti, imprenditori e ambientalisti tedeschi sostengono che per rendere più ecologico il settore dei trasporti, è necessario andare oltre la sostituzione delle auto a benzina con quelle elettriche. Infatti, la mobilità condivisa e l’abbandono della macchina di proprietà sembra la soluzione futura. Ciò significherebbe creare un nuovo sistema di trasporto che colleghi biciclette, autobus, treni e auto condivise, controllato da piattaforme digitali che consentano agli utenti di spostarsi da A a B nel modo più veloce ed economico, ma senza la propria auto.

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

Data: 10/01/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Green Mobility""Green Mobility"

Come cambiare la città e la vita
Il settore dei trasporti, all’intersezione tra innovazione tecnologica, politiche nazionali ed europee, logiche di mercato e stili di vita, ha una parte fondamentale in tutte le...

Scopri tutte le letture consigliate

Mobilità: Continua la crescita del car sharing, boom di iscrizioni 01/06/2018
Mobilità: Continua la crescita del car sharing, boom di iscrizioni

Cresce il car sharing in Italia, in crescita iscrizioni e noleggi Sempre più italiani utilizzano i veicoli di car sharing nel nostro paese; nel...Leggi tutto

Mobilità: Londra investirà 160 milioni di euro in piste ciclabili08/05/2018
Mobilità: Londra investirà 160 milioni di euro in piste ciclabili

Londra destinerà 160 milioni di euro per nuove piste ciclabili Sadiq Khan, sindaco di Londra, ha confermato di voler stanziare un importante...Leggi tuttoArchivio

Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza25/05/2018
Mobilita' elettrica: Tiro a bersaglio sullo scenario italiano, facciamo un po' di chiarezza

La puntata di Report del 19 Marzo scorso ha trattato il tema dell’auto elettrica, e dopo i circa quaranta minuti di trasmissione l’utente medio...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Ripartire con il Fotovoltaico - Milano 6 Giugno 2011?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti