HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Smart city: Rischi e vantaggi dell’attuale tendenza planetaria

Analisi di uno studio internazionale che classifica anche le città più intelligenti dal punto di vista energetico del mondo

Smart citySmart city
Espressione dall'inglese che significa "Città Intelligente" ed indica, in senso lato, un ambiente urbano in grado di agire attivamente per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini, spaziando dal settore prettamente energetico a quello della gestione, smaltimento e riciclo dei rifiuti. La città intelligente riesce a conciliare e soddisfare le esigenze dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni, grazie anche all'impiego diffuso e innovativo delle TIC (Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione), in particolare nei campi della comunicazione, della mobilità, dell'ambiente e dell'efficienza energetica.
. Secondo una ricerca dell’agenzia Juniper Research, che ha classificato e analizzato le metropoli mondiali nel loro approccio alla gestione e distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
dell’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
e delle infrastrutture, Seoul, capitale della Corea del Sud, è al primo posto. Seguono San Francisco e New York, poi Portland e Barcellona al quarto e al quinto posto.

Le città di tutto il pianeta puntano a diventare “intelligenti” per rispondere al fenomeno dell’urbanizzazione  crescente. A che punto sono? Il vero problema è però trovare valide soluzioni per ridurre i consumi energetici, e potenziare al contempo i servizi offerti ai cittadini.

Ma ci sono vantaggi e i rischi nel diventare smart city. Li ha esaminati lo studio, “Smart Cities: Strategies & Forecasts in Energy, Transport & Lighting 2017-2022”, secondo cui, dal punto di vista dei benefici, nel corso dei prossimi anni, gli abitanti di centri urbani potrebbero risparmiare 14 miliardi di dollari l’anno in bolletta grazie a programmi per lo sviluppo di reti intelligenti. Da notare che già nel 2017, grazie allo sviluppo di contatori intelligenti e di politiche di risparmio energeticorisparmio energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
, sono stati contenuti a livello planetario 3,4 miliardi di dollari.

 Il costo delle rinnovabili, in costante diminuzione contribuisce a tale evoluzione. Secondo i dati messi in evidenza dall’agenzia, l’energia ricavata da fonti come il fotovoltaico e l’eolico potrebbe arrivare entro il 2022 a 60 dollari per Megawattora (MWh). Gli svantaggi, invece? Se la mobilità procederà sempre più verso l’alimentazione elettrica ne potrebbe derivare un collasso della rete. Con una richiesta di elettricità in forte aumento, l’unica soluzione, secondo gli esperti, è dunque adottare un sistema di smart gridsmart grid
Trattasi di una rete di informazione che affianca la rete di distribuzione elettrica e gestisce la rete elettrica in maniera "intelligente" sotto vari aspetti o funzionalità ovvero in maniera efficiente per la distribuzione di energia elettrica evitando sprechi energetici, sovraccarichi e cadute di tensione elettrica. Ciò avviene attraverso un sistema fortemente ottimizzato per il trasporto e diffusione della stessa, dove gli eventuali surplus di energia di alcune zone vengono redistribuiti, in modo dinamico ed in tempo reale, in altre aree oppure regolando costantemente il dispacciamento tra centrali di autoproduzione elettrica da fonti rinnovabili della rete di distribuzione (generazione distribuita) con le centrali elettriche della rete di trasmissione (produzione centralizzata).

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

Data: 05/02/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"L'occhio del pescespada""L'occhio del pescespada"

La contemporanetità di questa narrativa racconta la quotidianità di un grande supermercato osservata da un sensibile "Forrest Gump" sui generis: Charlie - il protagonista - che è un apprendista al banco del pesce ed...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: Sos oceani, la temperatura dell’acqua è sempre più calda06/02/2018
Ambiente: Sos oceani, la temperatura dell’acqua è sempre più calda

Una tendenza preoccupante in atto dal 2013, ma che è si è manifestata già all’inizio degli anni Novanta. La rileva uno studio di climatologi...Leggi tutto

Sostenibilità: L’università più sostenibile al mondo si trova in Australia31/01/2018
Sostenibilità: L’università più sostenibile al mondo si trova in Australia

L’UNSW di Sidney entro il 2020 sarà approvvigionata solo da energia fornita da solare fotovoltaico.

La prima università al mondo ad avere il 100%...

Leggi tuttoArchivio
Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti