HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Rifiuti: Sicilia, maggior consapevolezza e prevenzione dei rifiuti in mare

"Se butti male...Finisce in mare". Educare alla prevenzione dei rifiuti in mare

Citizen science nelle scuole siciliane con il progetto di Legambiente e Corepla pensato per creare consapevolezza sul fenomeno dei rifiuti in mare

Lo sapevate che ogni anno finiscono in mare 280 milioni di tonnellate di rifiuti? E che l’80% dei residui trovati nell’ambiente marino proviene da attività condotte sulla terraferma? Ma, così come ognuno di noi ha potuto constatare personalmente l’insopportabile presenza dei rifiuti in mare e sulle spiagge, tutti possiamo e dobbiamo contribuire alla riduzione di questo fenomenoche minaccia l’intero ecosistemaecosistema
È l'insieme di tutti gli organismi viventi (animali e vegetali) presenti in un determinato ambiente e delle relazioni che intercorrono tra di loro e tra essi e il sistema fisico circostante.
marino e i suoi meravigliosi abitanti. 

Se butti male… Finisce in mare è un progetto didattico di Legambiente e Corepla - il Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclaggio e il recupero degli imballaggi in plastica - riservato alle scuole della Sicilia per la prevenzione dei rifiuti in mare, con l’obiettivo di accrescere le conoscenze degli studenti su questo fenomeno e la loro consapevolezza su come si possa contribuire con le proprie scelte alla soluzione del problema.

Il laboratorio proposto in questo percorso parte da una riflessione sul problema per arrivare ad una vera e propria azione di citizen science in cui i ragazzi diventeranno protagonisti diretti di un’attività di monitoraggio dei rifiuti in spiaggia.

Fonte: Legambiente

 

Notizie correlate

Data: 23/02/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006""La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006"

Quanta rilevanza possono assumere i danni ambientali oggi? Per dare una risposta a tale domanda, occorre partire dal presupposto che l’uomo e le risorse naturali fanno parte di un sistema complesso, nel quale sono...

Scopri tutte le letture consigliate

Rifiuti: Accordo FederlegnoArredo-Ecolight per aiutare le aziende ad affrontare l'Open Scope02/08/2018
Rifiuti: Accordo FederlegnoArredo-Ecolight per aiutare le aziende ad affrontare l'Open Scope

Rifiuti elettronici, accordo FederlegnoArredo ed Ecolight  Il 15 agosto entrerà vigore la normativa che estende il campo di applicazione della...Leggi tutto

Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta31/07/2018
Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta

Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta: l’ambiziosa iniziativa del Jane Goodall Institute Italia, che dopo varie tappe lungo lo...

Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Dati Demografici Istat - Popolazione?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti