HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Ambiente: Scambio quote di emissione dell'UE, il Consiglio approva nuove norme

L'UE sta riformando il sistema di scambioscambio
Scambio tra energia elettrica immessa ed energia elettrica prelevata, nel caso in cui l'immissione e il prelievo avvengono in momenti differenti.
di quote di emissioneemissione
Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell'atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull'ambiente.
(ETS). Come funziona?  Il 27 Febbraio 2018 il Consiglio ha approvato formalmente la riforma del sistema di scambio di quote di emissione (ETS) dell'UE per il periodo dopo il 2020.

La revisione della direttiva ETS rappresenta per l'UE un importante passo avanti per conseguire il suo obiettivo di ridurre di almeno il 40% le emissioni di gas a effetto serraeffetto serra
Fenomeno fisico per cui alcuni gas contenuti nell'atmosfera (anidride carbonica, vapore acqueo, metano, ecc..) intrappolano il calore proveniente dal sole facendo in modo che la temperatura media sulla Terra permetta la vita delle varie specie. Il meccanismo è simile a quello che avviene in una serra, da cui il nome. Tuttavia l'aumento e, dunque, la situazione di squilibrio della concentrazione di tali gas è causa di un eccessivo riscaldamento della superficie del pianeta con conseguenze anche pesanti sugli ecosistemi, su scala globale.
entro il 2030, come convenuto nel quadro 2030 dell'UE per il clima e l'energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
, nonché per adempiere agli impegni assunti nell'ambito dell'accordo di Parigi.

 

In quanto presidenza di turno, ci adopereremo affinché l'UE mantenga il suo ruolo di primo piano nei negoziati relativi alla conclusione delle norme di attuazione dell'accordo di Parigi. Ridurre le emissioni di gas a effetto serra non solo contribuirà alla lotta ai cambiamenti climatici, ma avrà anche un impatto positivo sul miglioramento della qualità dell'aria. Proteggere l'ambiente e la salute dei cittadini europei è una delle priorità della presidenza bulgara.

Il sistema di scambio di quote di emissione viene riformato con l'introduzione dei seguenti elementi:

  • il tetto massimo del volume totale di emissioni sarà ridotto annualmente del 2,2% (fattore di riduzione lineare);
  • il numero di quote da immettere nella riserva stabilizzatrice del mercato sarà temporaneamente raddoppiato fino alla fine del 2023 (tasso di alimentazione);
  • un nuovo meccanismo volto a limitare la validità delle quote nella riserva stabilizzatrice del mercato al di sopra di un determinato livello diventerà operativo nel 2023.

 

La revisione della direttiva ETS comporta inoltre un certo numero di nuove disposizioni volte a proteggere l'industria contro il rischio di rilocalizzazione delle emissioni di carboniocarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
e il rischio di applicazione di un fattore di correzione transettoriale:

  • la percentuale di quote da mettere all'asta sarà del 57%, con una riduzione condizionata della percentuale di quote messe all'asta del 3% qualora sia applicato il fattore di correzione transettoriale. Se attivato, questo sarà applicato in modo coerente in tutti i settori;
  • la revisione delle norme relative all'assegnazione gratuita consentirà un migliore allineamento con i livelli effettivi di produzione delle imprese, mentre i parametri di riferimento usati per determinare l'assegnazione gratuita saranno aggiornati;
  • i settori che presentano il maggiore rischio di trasferimento della produzione al di fuori dell'UE beneficeranno di un'assegnazione interamente gratuita. La percentuale di assegnazione gratuita per i settori meno esposti alla rilocalizzazione delle emissioni di carbonio è fissata al 30%. L'eliminazione graduale di tale assegnazione gratuita per i settori meno esposti inizierà dopo il 2026, ad eccezione del settore del teleriscaldamentoteleriscaldamento
    Sistema che consente di distribuire calore presso le utenze, a partire da una centrale di produzione (per esempio centrale di cogonerazione, termovalorizzatore, ecc...). Il calore viene trasportato sotto forma di acqua calda o vapore all'interno di condotti interrati e può servire per riscaldare gli ambienti oppure per produrre acqua calda sanitaria. Nelle abitazioni servite dal teleriscaldamento la caldaia viene sostituita da uno scambiatore di calore, consentendo una diminuzione delle emissioni e un risparmio di combustibile.
    ;
  • la riserva per i nuovi entranti conterrà inizialmente quote inutilizzate provenienti dal periodo in corso 2013-2020 e 200 milioni di quote provenienti dalla riserva stabilizzatrice del mercato. Fino a un massimo di 200 milioni di quote riconfluiranno nella riserva stabilizzatrice del mercato se non utilizzate nel periodo 2021-2030;
  • gli Stati membri possono continuare a provvedere a una compensazione per i costi indiretti del carbonio in linea con le norme sugli aiuti di Stato. Le disposizioni in materia di comunicazione e di trasparenza sono altresì migliorate.

 

Contesto e prossime tappe

Il sistema di scambio di quote di emissione dell'UE stabilisce un tetto massimo per i quantitativi di CO2 che l'industria pesante e le centrali elettriche possono emettere. Il volume totale di emissioni consentite è distribuito alle imprese sotto forma di autorizzazioni che possono essere scambiate. L'ETS è una pietra miliare della politica dell'UE nella lotta ai cambiamenti climatici e costituisce lo strumento fondamentale per ridurre le emissioni di gas a effetto serra in modo efficiente sotto il profilo dei costi. Istituito nel 2005, rappresenta e resta il principale e più grande mercato del carbonio a livello mondiale. Opera in tutti e 28 i paesi dell'UE, oltre che in Islanda, Liechtenstein e Norvegia. L'ETS limita le emissioni provenienti da oltre 11.000 impianti a elevato consumo energetico (centrali elettriche e impianti industriali) e dalle compagnie aeree che operano fra questi paesi. Copre circa il 45% delle emissioni di gas a effetto serra dell'UE. Fissare un prezzo per il carbonio e scambiarlo produce risultati concreti per l'ambiente: nel 2020 le emissioni provenienti dai settori coperti dal sistema saranno inferiori del 21% rispetto ai livelli del 2005.

L'approvazione formale data oggi in seno al Consiglio rappresenta l'ultima tappa del processo legislativo. La nuova direttiva entrerà in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale.

 

 

Notizie correlate

Data: 01/03/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006""La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006"

Quanta rilevanza possono assumere i danni ambientali oggi? Per dare una risposta a tale domanda, occorre partire dal presupposto che l’uomo e le risorse naturali fanno parte di un sistema complesso, nel quale sono...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta31/07/2018
Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta

Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta: l’ambiziosa iniziativa del Jane Goodall Institute Italia, che dopo varie tappe lungo lo...

Leggi tutto

Energia: Sviluppare tecnologie a bassa CO2 dai combustibili fossili. L'accordo Sotacarbo-NETL30/07/2018
Energia: Sviluppare tecnologie a bassa CO2 dai combustibili fossili. L'accordo Sotacarbo-NETL

Energia sostenibile dai combustibili fossili, l'accordo Sotacarbo-NETL Sviluppare sistemi in grado di rendere sostenibile l'impiego dei...Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
L’impronta ecologica?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti