HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Ambiente: Gli smartphone saranno i dispositivi più inquinanti entro il 2020

Gli smartphone entro il 2020 diventeranno i dispositivi più inquinanti. E' quanto si evince da uno studio di due ricercatori dell'Università McMaster (Ontario, Canada), i quali spiegano come nonostante il consumo energetico durante l'utilizzo del dispositivo sia esiguo, il ciclo produttivo invece è altamente inquinante per l'ambiente. 

Lofti Belkhir, uno dei ricercatori, spiega che per ogni sms, telefonata o contenuti inviati, ci sono dei data center che consumano grandi quantitativi di energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
prodotta da combustibili fossili. Belkhir inoltre aggiunge: "L'industria tecnologica entro il 2040 sarà responsabile del 14% dei gas serra totali".

Non è una sorpresa che molte delle aziende digital (da Google a Facebook) stiano progettando sistemi basati su consumi di energia prodotta da fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell'uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
- il sole
- il vento
- l'acqua
- la geotermia
- le biomasse

Il principale step della filiera produttiva degli smartphone, indicato come il più nocivo per l'ambiente, è relativo al processo di estrazione dei metalli utilizzati per la produzione di microchip e schede madri. 

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

Data: 05/05/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006""La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006"

Quanta rilevanza possono assumere i danni ambientali oggi? Per dare una risposta a tale domanda, occorre partire dal presupposto che l’uomo e le risorse naturali fanno parte di un sistema complesso, nel quale sono...

Scopri tutte le letture consigliate

Innovazione: La crescita del mercato IoT italiano passa anche dal networking13/06/2018
Innovazione: La crescita del mercato IoT italiano passa anche dal networking

Elena Baronchelli, General Manager di Tecno e Direttore Generale di ILLUMINOTRONICA, ha discusso con noi della trasformazione a cui stiamo...

Leggi tutto

La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra Direttiva 2004/35/CE e D.lgs. 152/2006 12/06/2018
La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra Direttiva 2004/35/CE e D.lgs. 152/2006

 

Antonio Aruta Improta

Aprile 2018, Aracne...

Leggi tuttoArchivio

Innovazione: La crescita del mercato IoT italiano passa anche dal networking20/06/2018
Innovazione: La crescita del mercato IoT italiano passa anche dal networking

Nella presentazione della prossima edizione di ILLUMINOTRONICA ha affermato che la manifestazione sta passando da una cultura d’identità (prodotto...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
"Eolico: Energia, Uomo e Territorio" Pontremoli 24 Maggio 2013?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti