HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Ambiente: Allarme microplastiche nel Mediterraneo, concentrazione sempre più elevata

Allarme microplastiche nel Mediterraneo - A Napoli la più elevata concentrazione nelle coste italiane

Da uno studio condotto lungo le nostre coste, è stata rinvenuto un valore medio di 0,52 oggetti per metrocubo; il valore massimo è stato registrato a Portici (Napoli). Le microplastiche stanno sempre più "soffocando" i nostri mari.

plastica inquinamento Mediterraneo.jpgIl Mar Mediterraneo "ospita" una grande quantità di microplastiche, la cui concentrazione ha oramai raggiunto i valori registrati in alcune aree dell'Oceano Pacifico. Il Mar Mediterraneo, per sua conformazione, facilita la concentrazione dei rifiuti con il rischio di elevati danni alla fauna e flora marina.

Uno studio congiunto dell'Istituto di Scienze Marine del CNR di Genova, dall’Università Politecnica delle Marche e da Greenpeace Italia, ha fatto luce sui livelli di inquinamento delle coste italiane I ricercatori, in occasione dell'iniziativa "Meno Plastica più Mediterraneo", hanno raccolto campioni in 19 punti dei nostri mari per analizzare la concentrazione e composizione  delle microplastiche.

Dai primi risultati emerge uno scenario piuttosto allarmante, sebbene prevedibile: in tutti i punti di campionatura è stata riscontrata presenza di plastica; il valore medio è pari a 0,52 oggetti per metro cubo. Il valore massimo è stato registrato a Portici (Napoli) con valore di concentrazione pari a 3,56 oggetti/m3, mentre il valore di concentrazione più basso appartiene al punto di campionamento di Capo Rizzuto, 0,06 oggetti/m3.

Secondo Greenpeace, per evitare la dispersione di microplastiche nei nostri mari, è necessario che la plastica usa e getta venga eliminata dalle aziende nelle fasi di produzione, in quanto i processi di ricicloriciclo
Operazione grazie alla quale è possibile recuperare un materiale avviandolo a trattamenti specifici per poterlo riutilizzare.
da soli non possono migliorare la situazione.

 

Per consultare i primi dati delle analisi vi invitiamo a consultare il rapporto ufficiale

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

 

Data: 26/04/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La transizione alla green economy""La transizione alla green economy"

In occasione dei primi dieci anni di attività della Fondazione per lo sviluppo sostenibile, attingendo al patrimonio di studi e ricerche accumulato e a una vasta bibliografia internazionale, il libro parte da una...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta31/07/2018
Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta

Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta: l’ambiziosa iniziativa del Jane Goodall Institute Italia, che dopo varie tappe lungo lo...

Leggi tutto

Ambiente: Floating Island sarà la prima città galleggiante del mondo 28/07/2018
Ambiente: Floating Island sarà la prima città galleggiante del mondo

Floating Island la prima città galleggiante del mondo sorgerà in Polinesia Energia eolica e solare alimenteranno l'isola che sarà in grado di...Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Valutazione di incidenza ambientale - VINCA?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti