HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Ambiente: Allarme microplastiche nel Mediterraneo, concentrazione sempre più elevata

Allarme microplastiche nel Mediterraneo - A Napoli la più elevata concentrazione nelle coste italiane

Da uno studio condotto lungo le nostre coste, è stata rinvenuto un valore medio di 0,52 oggetti per metrocubo; il valore massimo è stato registrato a Portici (Napoli). Le microplastiche stanno sempre più "soffocando" i nostri mari.

plastica inquinamento Mediterraneo.jpgIl Mar Mediterraneo "ospita" una grande quantità di microplastiche, la cui concentrazione ha oramai raggiunto i valori registrati in alcune aree dell'Oceano Pacifico. Il Mar Mediterraneo, per sua conformazione, facilita la concentrazione dei rifiuti con il rischio di elevati danni alla fauna e flora marina.

Uno studio congiunto dell'Istituto di Scienze Marine del CNR di Genova, dall’Università Politecnica delle Marche e da Greenpeace Italia, ha fatto luce sui livelli di inquinamento delle coste italiane I ricercatori, in occasione dell'iniziativa "Meno Plastica più Mediterraneo", hanno raccolto campioni in 19 punti dei nostri mari per analizzare la concentrazione e composizione  delle microplastiche.

Dai primi risultati emerge uno scenario piuttosto allarmante, sebbene prevedibile: in tutti i punti di campionatura è stata riscontrata presenza di plastica; il valore medio è pari a 0,52 oggetti per metro cubo. Il valore massimo è stato registrato a Portici (Napoli) con valore di concentrazione pari a 3,56 oggetti/m3, mentre il valore di concentrazione più basso appartiene al punto di campionamento di Capo Rizzuto, 0,06 oggetti/m3.

Secondo Greenpeace, per evitare la dispersione di microplastiche nei nostri mari, è necessario che la plastica usa e getta venga eliminata dalle aziende nelle fasi di produzione, in quanto i processi di ricicloriciclo
Operazione grazie alla quale è possibile recuperare un materiale avviandolo a trattamenti specifici per poterlo riutilizzare.
da soli non possono migliorare la situazione.

 

Per consultare i primi dati delle analisi vi invitiamo a consultare il rapporto ufficiale

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

 

Data: 26/04/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006""La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006"

Quanta rilevanza possono assumere i danni ambientali oggi? Per dare una risposta a tale domanda, occorre partire dal presupposto che l’uomo e le risorse naturali fanno parte di un sistema complesso, nel quale sono...

Scopri tutte le letture consigliate

La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra Direttiva 2004/35/CE e D.lgs. 152/2006 12/06/2018
La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra Direttiva 2004/35/CE e D.lgs. 152/2006

 

Antonio Aruta Improta

Aprile 2018, Aracne...

Leggi tutto

Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta01/06/2018
Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta

Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta: l’ambiziosa iniziativa del Jane Goodall Institute Italia, che dopo varie tappe lungo lo...

Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Valutazione di incidenza ambientale - VINCA?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti