HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Carbone: Endesa difende le centrali a carbone in Spagna, "trattasi di un falso mito"

Le centrali elettriche a carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
inquinano più delle auto? Un "falso mito" per Endesa

Endesa ha diffuso in Spagna uno spot pubblicitario in cui viene messo a confronto l'inquinamento prodotto dalle centrali elettriche a carbone e dai trasporti.

La società elettrica Endesa, proprietaria anche di 4 centrali termoelettriche a carbone per la produzione di energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
, ha lanciato in Spagna una campagna per mettere in evidenza i "falsi miti" nel settore energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
e ambiente. Obiettivo della campagna è di contrastare l'opinione diffusa che vede nelle centrali elettriche a carbone la causa principale dell'inquinamento atmosferico

"Non incolpare solo il carbone, la tua auto insieme ad un altro milione di vetture inquinano molto di più", cita lo slogan (»No culpes sólo al carbón, tu coche y otros mil millones contaminan mucho más»).

Manifestazione della campagna è uno spot relativo ad una conversazione tra due giovani.

I protagonisti del video discutono in un bar su come spostarsi per raggiungere un cinema. Alla proposta della giovane donna di usare la vettura, il suo interlocutore risponde che possono andare a piedi in quanto non è necessario utilizzare l’automobile, evitando così di inquinare l’aria; la donna controbatte: "Chiudano prima le centrali a carbone, tanto è provato che il carbone è ciò che maggiormente inquina".

Il giovane a questo punto risponde come sia provato che anche la bibita, bevuta dalla ragazza nel frattempo, è talmente corrosiva da sgorgare persino le tubature. Sorpresa, la giovane donna afferma che quanto detto dal ragazzo è un "falso mito". "Hai iniziato tu" a citare un falso mito, replica il compagno.

Lo spot si chiude con una grafica in cui Endesa barra la scritta "Il carbone è la causa principale dei cambiamenti climatici", aggiungendo che i trasporti convenzionali in Spagna rappresentano il 40% delle emissioni atmosferiche, mentre le centrali a carbone il 14%.

Spot Endesa

Uno dei principali dati che Endesa vuole comunicare attraverso la campagna, fa riferimento al fatto che "sebbene sia diffusa l'opinione che le centrali elettriche a carbone siano responsabili del cambiamento climatico, l'Agenzia Europea dell'Ambiente ha confermato che nel 2014 il settore trasporti è stato il settore più inquinante".

"Che sia chiaro, nessuno dubita della necessità di decarbonizzare l'economia e che il carbone dovrà smettere di essere usato ... ma mettiamo ogni cosa al suo posto", conclude il messaggio pubblicitario di Endesa. 

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

 

Data: 04/05/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006""La tutela risarcitoria contro i danni ambientali tra direttiva 2004/35/CE e d.lgs. 152/2006"

Quanta rilevanza possono assumere i danni ambientali oggi? Per dare una risposta a tale domanda, occorre partire dal presupposto che l’uomo e le risorse naturali fanno parte di un sistema complesso, nel quale sono...

Scopri tutte le letture consigliate

Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta31/07/2018
Ambiente: Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta

Riciclare i cellulari usati per salvare il pianeta: l’ambiziosa iniziativa del Jane Goodall Institute Italia, che dopo varie tappe lungo lo...

Leggi tutto

Ambiente: Floating Island sarà la prima città galleggiante del mondo 28/07/2018
Ambiente: Floating Island sarà la prima città galleggiante del mondo

Floating Island la prima città galleggiante del mondo sorgerà in Polinesia Energia eolica e solare alimenteranno l'isola che sarà in grado di...Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Qualità dell'aria: normativa ambientale?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti