HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Cambiamenti climatici: Come si stanno adeguando le città europee per contrastarli?

Le città europee contrastano i cambiamenti climatici?

Uno studio ha evidenziato come le città europee contrastino i cambiamenti climatici con piani climatici urbani. I dati elaborati su un campione di 885 città mostrano uno scenario positivo.

 

inondazione cambiamenti climatici.jpgCittà europee promosse nella lotta contro i cambiamenti climatici. E' quanto emerge da uno studio internazionale per analizzare come le municipalità europee stiano contrastando le emissioni di gas serra, ritenute principali responsabili del riscaldamento del nostro pianeta, e come inoltre venga difeso il territorio mediante appositi piani di adattamento.

Lo studio, a cui ha partecipato anche Imaa-Cnr di PotenzaPotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
(Istituto di metodologie per l’analisi ambientale del Consiglio nazionale delle ricerche), è stato sviluppato su un campione di 885 città appartenenti a 28 stati dell'UE; risulta che il 66% del campione dispone di un piano di mitigazione, il 26% di un piano di adattamento, ed il 17% di un piano clima integrato

La distribuzionedistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
delle città si presenta disomogenea con una maggioranza di piani climatici urbani adottati nell'Europa Centale e settentrionale, e nelle città con più di 500.000 abitanti; è quanto afferma Monica Salvia (ricercatrice Imaa - Cnr), che ha inoltre aggiunto come in alcuni stati (Danimarca, Francia, Slovacchia e Regno Unito) sia un obbligo dotarsi di piani climatici. 

 

Per ulteriori approfondimenti si rimanda allo studio pubblicato sulla rivista Journal of Cleaner Production

 

Orizzontenergia

 

Notizie correlate

 

Data: 11/05/2018

Archivio

Ti potrebbe interessare anche...

"Neomateriali nell'economia circolare""Neomateriali nell'economia circolare"

A partire dalla Rivoluzione industriale, abbiamo progettato e costruito sulla base della percezione che le materie prime fossero pressoché infinite, e altrettanto illimitati gli spazi in cui riversare i rifiuti...

Scopri tutte le letture consigliate

Economia circolare: Uno slancio verso una societa' zero sprechi ma occorre adeguare il contesto normativo24/10/2018
Economia circolare: Uno slancio verso una societa' zero sprechi ma occorre adeguare il contesto normativo

Insieme a Monica Tommasi (Presidente Amici della Terra) e Carlotta Basili (Responsabile contenuti del progetto Zero Sprechi) abbiamo parlato della...

Leggi tutto

Economia circolare: Presentata la campagna Zero Sprechi, valorizzare il rifiuto in risorsa10/10/2018
Economia circolare: Presentata la campagna Zero Sprechi, valorizzare il rifiuto in risorsa

Economia circolare: Presentata la campagna Zero Sprechi Amici della Terra ha presentato la campagna "Zero sprechi - verso un'economia circolare"...Leggi tuttoArchivio

Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti20/06/2018
Economia circolare: Insistere su termovalorizzazione e simbiosi industriale, ma occhio ai falsi miti

L’economia circolare è un concetto che viene sempre più spesso dibattuto dall’opinione pubblica; anche a livello politico sta accrescendo la sua...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
L'ambiente in Europa e Italia?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti