HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Energia dal mare

Ti trovi in: Energipedia - Tutto sull'Energia \ Fonti per generazione elettrica \ Rinnovabili \ Energia dal mare \

Principi di funzionamento

Con il termine “energia dal mare” (oppure energia oceanica o ocean energy) si fa riferimento ad una serie di tecnologie molto diverse tra loro che sfruttano il potenziale di onde, maree, correnti e differenze di salinità e di temperatura. Molte di queste si trovano in una fase dimostrativa, ancora lontana dall’applicabilità commerciale su ampia scala.

Energia dalle maree (energia mareomotrice)

Energia dal MareSi tratta di catturare la potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
derivante dallo spostamento di grandi quantità d’acqua (che possiedono un’elevata energia cineticaenergia cinetica
Energia di movimento, ovvero l'energia che un corpo possiede in virtù del fatto che si sta muovendo. La massa d'acqua di una cascata possiede energia cinetica, per esempio. Un corpo di massa M, infatti, muovendosi a velocità V, ha in sé la capacità di compiere un lavoro, ovvero di 'far muovere' qualcos'altro mentre cade o si muove. L'energia cinetica è data dall'espressione: Ec=1/2 x M x V2.
) ad opera delle maree che sono originate dall’attrazione gravitazionale esercitata dal sole e dalla luna. Essendo questi moti periodici, la predicibilità del fenomeno rappresenta un vantaggio rispetto alle altre rinnovabili, soggette ad andamenti intermittenti e non programmabili. 

L’energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
viene generata attraverso impianti a barriera che sfruttano l’energia potenzialeenergia potenziale
Energia posseduta da un corpo in virtù della posizione occupata all'interno di un campo. Essa esprime la possibilità di compiere del lavoro che il corpo avrebbe in particolari condizioni perché sottoposto ad una forza. L'energia potenziale è definibile solo per un particolare tipo di forze, dette conservative, che hanno la proprietà di produrre un lavoro dipendente solo dal punto iniziale e finale del moto e non dalla specifica traiettoria.
connessa al movimento del livello del mare. si tratta di intrappolare l’acqua durante l’alta marea in un bacino ottenuto tramite una diga e rilasciarla nelle condizioni di bassa marea, mettendo così in moto delle turbine accoppiate a generatori elettrici.

I principali aspetti negativi di questa tecnologia sono gli altri costi costruttivi e l’impatto ambientaleimpatto ambientale
L'insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l'avvio di una determinata attività ha sull'ambiente naturale circostante.
.

Energia dalle correnti

Di tutte le forme di generazione elettrica dal mare è quella che ha maggiori similitudini con l’energia eolicaenergia eolica
Energia ricavata dal vento in virtù della velocità con cui soffia. Questa forma di energia viene prodotta grazie a macchine eoliche (dette anche aerogeneratori) che convertono l'energia cinetica del vento in energia meccanica di rotazione, e, successivamente, in energia elettrica utilizzabile per differenti scopi.
. Masse enormi di acqua muovono le pali di turbine nel mare, così come masse d’aria azionano le pali eoliche nell’atmosferaatmosfera
Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
. L’energia cinetica che ne consegue viene poi convertita in energia elettrica.

Turbine ad asse orizzontale sono più adatte all’ambiente Mediterraneo, dove le correnti sono più costanti e prevedibili. Turbine ad asse verticale sono invece più consone alle correnti da marea, dove le direzioni delle correnti si invertono anche più volte nel corso di una giornata.

In Italia, una delle località con più alto potenziale è lo Stretto di Messina, grazie alla velocità di 1,5 m/sec delle sue correnti.

Energia dalle onde

Deriva dai venti che soffiano sulle superfici degli oceani, laddove raffiche  intense arrivano dopo aver viaggiato per lunghe distanze, ad alte latitudini. La produzione di energia avviene mediante dispositivi flottanti dalle forme più svariate che trasformano il movimento delle onde nel moto relativo di un rotore.

La produzione di energia avviene tramite svariati dispositivi che sfruttano il movimento delle onde. Alcuni sono costituiti da sistemi galleggianti che trasformano il movimento delle onde nel moto relativo di un rotore, altri inducono il moto ondoso a comprimere aria contenuta in un corpo chiuso (colonna d’acqua oscillante), altri ancora sfruttano il principio di Archimede in camere sommerse o raccolgono l’acqua sospinta dalle onde in un bacino che mette in moto delle turbine rifluendo.

Energia dal gradiente salino (energia osmotica)

In questo caso si sfrutta l’energia osmotica derivante dalla differenza di salinità tra gli oceani e l’acqua dolce in corrispondenza delle foci dei fiumi.

Energia dal gradiente di temperatura (energia talassotermica)

La differenza tra la temperatura delle acque superficiali (più calde) e di quelle profonde (più fredde) viene sfruttata per la produzione di energia elettrica mediante un ciclo a vapore (cicli OTEC – Ocean Thermal Energy Conversion), concettualmente simile a quello degli impianti termoelettrici convenzionali ma con l'utilizzo di un fluido nel ciclo che abbia bassa temperatura di ebollizione (esempio: miscela acqua-ammoniaca). Differenze di temperatura dell'acqua marina  di 20°C sono riscontrabili scendendo ad una profondità di 600-700 m rispetto alla superficie.

Prospettive dell'energia dal mare

E’ facile immaginare che il potenziale teorico di sfruttamento dei mari ed oceani possa essere notevole, visto che l’acqua copre il 70% della superficie terrestre.

In effetti l’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) stima che, in funzione dell’evoluzione tecnologica, il potenziale dell’energia dal mare nel mondo possa raggiungere un livello di generazione elettrica annua di 20.000 - 90.000 TWh (miliardi di kWhkWh
Unità di misura dell'energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un'ora.
).

L’ultima Roadmap europea indica una potenzialità di 3.6 GW di capacità entro il 2020 e di ben 188 GW entro il 2050, con un impiego di circa mezzo milione di persone, indotto incluso. A partire dal 2050 gli impianti di generazione elettrica dal mare sarebbero in grado di generare annualmente ben 645 TWh (miliardi di KWh).

In effetti l’Europa è molto attiva nel settore e sostiene numerosi progetti, applicando in molti casi il know-how derivante dall’industria eolica e di estrazione petrolifera off-shoreoff-shore
Aree situate in mare, ad una certa distanza dalle coste, dove è possibile svolgere attività di ricerca o di produzione di idrocarburi o dove è possibile installare un parco eolico, sfruttando la maggiore velocità dei venti.
e traguardando la costituzione di standard produttivi e normativi, di cui il settore è ancora carente.

Ne sono un esempio la Francia che ha dichiarato l’obiettivo di installare impianti per la capacità totale di 800 MW entro il 2020, la Gran Bretagna 2,000 MW, la Danimarca 500 MW, il Portogallo 500 MW e la Spagna 600 MW già entro il 2015. Uno sviluppo notevole, considerando che al 2011 la potenza mondiale installata risultava di poco superiore a 500 MW.

Criticità

Le principali sfide da superare per lo sviluppo delle tecnologie di generazione elettrica dal mare su larga scala sono:

  • allacciamenti alle reti di trasmissionetrasmissione
    Attività di trasporto dell'elettricità sulla rete a partire dai centri di produzione sino ai centri di utilizzo. Il maggiore proprietario della rete di trasmissione nazionale dell'energia elettrica ad alta tensione è Terna.
    su terraferma,
  • emissioneemissione
    Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell'atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull'ambiente.
     di normative nazionali e comunitarie (localizzazione dei siti e concessioni),
  • definizione di standard e certificazioni,
  • creazione di una filiera che permetta la riduzione dei costi di costruzione e manutenzione,
  • politiche fiscali adeguate e sussidi volti ad incentivare gli investimenti privati,
  • formazione di personale qualificato,
  • impatto ambientale (erosione coste ed influenza sull’ecosistemaecosistema
    È l'insieme di tutti gli organismi viventi (animali e vegetali) presenti in un determinato ambiente e delle relazioni che intercorrono tra di loro e tra essi e il sistema fisico circostante.
    ),
  • consenso pubblico alle istallazioni,
  • interazione con le altre attività marittime (navigazione costiera, turismo, attività di pesca).

Per quanto riguardo le scelte tecnologiche, lo sfruttamento delle maree pare trovare potenziale applicazione solo in poche baie nel mondo, dovendo contare su dislivelli di marea significativi (rapporto IEA 2010), mentre la generazione elettrica da moto ondoso o correnti marine risulta poter avere un’applicazione estremamente più diffusa ma al momento con costi superiori alla tecnica da maree, pari a circa cinque volte il costo degli impianti eolici off-shore.
Le tecnologie a gradiente salino o termico sono invece ancora lontane da realizzazioni commerciali.

Principali realizzazioni e progetti

Energia mareomotrice: La Rance – Francia (Bretagna)

Il primo impianto significativo per la generazione elettrica derivante dalle maree è stato l’impianto francese di La Rance, sul litorale atlantico, situato nelle vicinanze di Saint Malò. Realizzato negli anni 60, l’impianto ha una capacità massima di 240 MW e la sua tecnologia è denominata ‘a barriera’.

Energia dal Mare Centrale La Rance Saint Malò FranciaEnergia dal Mare Centrale La Rance Saint Malò Francia

Con una portata di 18.000 metri cubi di acqua/secondo La Rance soddisfa il 3% del fabbisogno dell’area bretone della Francia.

Una diga in pietra lunga 750 m delimita un bacino entro il quale, attraverso 6 chiuse, l’acqua affluisce durante l’alta marea, che nell'area può raggiungere 13,5 m. Enormi masse d'acqua metteno così in moto 24 turbine connesse ai generatori di energia elettrica.

I principali svantaggi evidenziati di questa applicazione sono l’elevato costo realizzativo e l’impatto ambientale (influenza sull’ecosistema, erosione delle coste) e discontinuità della generazione elettrica.

Un impianto simile è stato recentemente installato in Corea del Sud presso Shihwa, con una potenza di 254 MW ed un altro è atteso nel 2015 a Incheon con una potenza superiore agli 800 MW.

Energia da corrente marina: SeaGen - Irlanda del Nord

Fra i pochi altri impianti che sfruttano le correnti di marea c’è quello di Strangford Lough. Costruito nel 2008, ha una potenza di 1.2 MW ottenuta attraverso l’uso di idrogeneratori a pale sommersi che sfruttano elevati dislivelli di marea. Poche altri centrali di questa tipologia sono nel Far East  (Cina e Corea), Russia e Canada.

Energia dalle onde: LIMPET - Scozia

Energia dal Mare Centrale LIMPET Islay ScoziaUno dei principali esempi realizzativi di generazione dell'energia elettrica da moto ondoso è LIMPET (Land Installed Marine Powered Energy Transformer). Costruito sulla costa dell’isola Irladese di Islay, ha una capacità di 500 KWKW
Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
. Le onde comprimono l’aria all’interno di una barriera cava di cemento lunga 20 m, ancorata su delle rocce costiere (Principio della colonna d'acqua) e l’aria compressa aziona una turbina.

L’efficienza del sistema è elevata ma i costi sono al momento elevati, ovvero 4 volte o più rispetto ad un impianto eolico.

Diversi progetti sono in corso per replicare su più ampia scala questa tecnologia, alla ricerca di una maggiore convenienza tramite la riduzione delle dimensioni delle singole unità a parità di potenza.

Energia dalle onde: PELAMIS - Portogallo

L’impianto Pelamis, realizzato nel 2008 a 5 km dalla costa di Agucadoura era costituito da 3 elementi cilindrici lunghi 120 m (‘serpentoni’), galleggianti ed ancorati al fondo marino. Ciascun serpentone era composto da 4 corpi cilindrici, collegati fra di loro tramite giunti. Grazie all’azione delle onde i corpi si muovono relativamente fra di loro e mettono in funzione dei pistoni idraulici  interni e accoppiati a generatori di energia elettrica.

L’impianto aveva la capacità di 2.25 MW e fu dismesso a causa del fallimento finanziario del committente.

Una seconda generazione è oggetto di diversi progetti in Nord Europa, tramite l’utilizzo di serpentoni più lunghi (180 m) e più efficienti.

Energia dalle onde: Costa Head Wave Project - Scozia

Sull’isola Scozzese di Mainland sorgerà la più grande centrale mondiale a sfruttamento delle onde marine.

Attraverso gruppi di 12 celle di assorbitori a membrana flessibile l’impianto potrà convertire fino 2,5 MW di energia del moto ondoso in energia pneumatica e quindi elettrica.

Soggetto a risultati positivi dei primi test, il progetto si amplierà a 10 MW per traguardare poi una capacità totale di 200 MW.

Energia da moto ondoso e correnti sottomarine: Archimede Wave Swing - PortogalloEnergia dal Mare Archimede Wave Swing Viana do Castelo Portogallo

 

All’interno di una struttura cilindrica alta 38 metri e di 9 metri di diametro, completamente immersa nelle acque portoghesi ad una profondità di 40m, una camera d’aria viene compressa e dilatata al passaggio delle onde ed è in grado di erogare una potenza di 2 MW. 

 

Energia dalle onde: Wave Dragon- Danimarca - Galles

Dopo un prototipo da 20 kW in Danimarca (Nissum Bredning ) e un impianto dimostrativo di 7 MW lungo uesta tecnologia Qle coste Gallesi, anche il Portogallo intende investire in questa tecnologia puntando ad un impianto da 50 MW.

In breve si tratta di permettere alle onde di superare una barriera galleggiante, innalzare il livello del mare nel bacino creato dalla barriera tessa e fare in modo che l’acqua eccedente rifluisca nel mare, a livello inferiore, così azionando delle turbine idrauliche.

Impianti di generazione elettrica dal mare in Italia

Anche l’Italia è impegnata ad estrarre energia dal mare, anche se le potenzialità del Mediterraneo sono inferiori a quelle di aree oceaniche più ‘movimentate’.

I risultati dello studio finanziato dal Fondo RSE “Ricerca di Sistema Elettrico” indica che le coste più adatte allo sfruttamento dell’energia marina sono le coste occidentali della Sardegna (potenze di 10 kV/m) e quelle occidentali della Sicilia (6 kV/m). Le coste tirreniche invece mostrano valori inferiori e meno costanti, che in genere non superano i ai 5 kV/m.

 

Energia dal Mare Impianto Kobold Ganzirri MessinaAl momento si tratta solamente di pochi impianti pilota e progetti.

Un primo impianto pilota denominato Kobold I è già operativo dal 2001 di fronte a Ganzirri (Messina).

E’ un impianto di appena 40 Kwatt costituito da una piattaforma galleggiante del diametro di 10m ed una turbina ad asse verticaleturbina ad asse verticale
Turbina in cui la girante è posta perpendicolarmente rispetto al proprio asse.
, del diametro di 6 m,  che sfrutta le correnti in un tratto di mare profondo 20 m.

 

Presso la diga del porticciolo turistico di Marina di Cicerone (Formia-Latina) a fine 2013 sarà alloggiato Rewec3 (Resonant Wave Energy Converter): un cassone in cemento armato che sfrutterà il moto ondoso con l’obiettivo di raggiungere una potenza di 10 MW.

Un’ imbocco superiore collega una cavità verticale al mare e le onde, alternando la fase di cresta e quella di deflusso,  producono un’alternanza di pressione su una sacca d’aria interna ad una camera di assorbimento ed una conseguente corrente d’aria. Una turbina di Wells ne converte l’energia cinetica (sia in fase di compressione che di decompressione) in energia elettrica.

In sostanza si tratta di un’applicazione del principio della colonna d’acqua oscillante: l’OWC (Oscillating Water Column).

In prospettiva questi cassoni potranno essere inseriti nella struttura di dighe foranee con lievi incrementi di costo rispetto ai semplici elementi strutturali.

Altri progetti sono in fase realizzativi ad opera di Università e Istituti Nazionali (BLUETEC, GEM, ISWEC ...).

 


 

In primo piano

Apri come PDF Leggi l'artricolo

 

Altro su Energia dal mare...

 

Ti potrebbe interessare anche...

"I Tesori di Nettuno""I Tesori di Nettuno"

Lo sviluppo dell'energia marina - correnti, onde e maree - presenta, come ogni altra fonte rinnovabile, ostacoli che solo il progresso tecnologico potrà nel tempo attenuare. La superficie del nostro pianeta è coperta...Scopri tutte le letture consigliate

Energia dal mare: Al lancio l'hub italiano per lo sfruttamento delle fonti energetiche marine05/10/2017
Energia dal mare: Al lancio l'hub italiano per lo sfruttamento delle fonti energetiche marine

ENEA ha riunito a Roma esperti e stakeholder nazionali nel campo dell’energia dal mare per lanciare l’hub italiano di PELAGOS Blue Energy...

Leggi tutto

Energia dal mare: In Sardegna il potenziale più elevato del Mediterraneo29/05/2017
Energia dal mare: In Sardegna il potenziale più elevato del Mediterraneo

La Sardegna è l’area dell'intero Mediterraneo che potrebbe produrre più energia dal mare, con un potenziale di 13 kW per metro di costa, un valore...

Leggi tuttoArchivio

Rinnovabili: Un mare di energia elettrica da utilizzare14/12/2016
Rinnovabili: Un mare di energia elettrica da utilizzare

Quali sono stati i presupposti per la nascita di Wave for Energy? Ha prevalso principalmente l’aspetto legato alla ricerca o è stata intravista...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Rinnovabili?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti