HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Cattura e Sequestro della CO2

Ti trovi in: Energipedia - Tutto sull'Energia \ Fonti per generazione elettrica \ Termoelettrico \ Cattura e Sequestro della CO2 \

Per Carbon Capture and Sequestration (CCS) ovvero Cattura e Sequestro della CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

si intendono tecnologie atte a ridurre le emissioni di CO2 generate da impianti industriali, per un loro stoccaggiostoccaggio
Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
ed eventuale riutilizzoriutilizzo
Qualsiasi operazione nella quale il materiale, concepito e progettato per poter compiere, durante il suo ciclo di vita, un numero minimo di spostamenti o rotazioni è riusato di nuovo o reimpiegato per un uso identico a quello per il quale è stato concepito.
, tramite 3 fasi:

  • Cattura negli impianti laddove ha luogo una combustionecombustione
    Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l'ossigeno presente nell'aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
     con conseguente emissioneemissione
    Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell'atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull'ambiente.
     di CO2
  • Trasporto fino al sito prescelto per lo stoccaggio
  • Stoccaggio definitivo

Pur avendone riconosciuto un ruolo essenziale in un portafoglio di tecnologie atte a costruire un futuro near zero emission (riduzione più del 20 % delle emissioni di CO2 entro il 2050 secondo European Technology Platform for ZEP, 2008), l’Unione Europea ha recentemente ammesso che le tecnologie CCS non sono riuscite a rispettare le attese.

In una consultazione del 2013, la UE riconosceva come l’alto costo impiantistico, ed il basso costo del carboniocarbonio
Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell'atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante.
non erano stato di stimolo ed i progetti per 20 impianti dimostrativi erano in realtà localizzati tutti fuori Europa.

 Al 2018 gli impianti di CCS in funzione sono 18, con capacità di cattura per 0,4-8,8 mln tons/anno, situati in USA, Canada, Norvegia, Emirati Arabi, Cina e Brazile. Gran parte in realtà utilizzano la CO2 per favorire l’estrazione di petroliopetrolio
Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
(Enhanced oil recovery).

 

CATTURA DELLA CO2 NEL SETTORE TERMOELETTRICO

Le tecnologie di cattura della CO2 sono 3 e si applicano prima, durante o dopo la fase di combustione:

  • Pre-combustione
  • Ossi-combustione
  • Post-combustione

Pre-combustione

La cattura della CO2 effettuata in pre-combustione si può applicare:

  • Al carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d'impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un'elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono 'energeticamente' più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    . In questo caso è impiegata in impianti IGCC di gassificazionegassificazione
    La gassificazione è un processo utilizzato a livello industriale da molto tempo (i primi sistemi risalgono addirittura alla prima metà dell' '800), tutt'oggi oggetto di continui miglioramenti. Essa consiste nella trasformazione di un combustibile solido o liquido in un gas combustibile (syngas), ricco di elementi incombusti (CO e H2), a seguito di complesse reazioni chimiche di 'ossidazione parziale'. Questo significa che si 'blocca' il processo a metà tra la fase di pirolisi (rottura dei legami chimici ad alta temperatura in assenza di ossigeno) e quella di combustione.
     integrata dove il carbone viene trasformato in un gas sintetico (syngas) ricco di CO ed idrogenoidrogeno
    Primo elemento della tavola periodica, presente sulla Terra in forma combinata, soprattutto nell'acqua e nei composti organici. Esso è costituito da 3 isotopi: prozio (cioè l'idrogeno propriamente detto) per più del 99.9 %, il deuterio e il trizio. La forma molecolare dell'idrogeno (H2) dà origine ad un gas inodore, incolore, altamente infiammabile e molto più leggero dell'aria (ecco perché lo si trova in bassissime concentrazioni in atmosfera).
    .
  • Al gas naturalegas naturale
    Idrocarburo che ha un'origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un'alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S).
    . In questo caso può essere impiegata in cicli combinati a gas, dove il gas naturale attraverso una reazione chimica (reazione di reforming) si trasforma in un gas sintetico ricco di CO ed idrogeno.

La reazione chimica alla base del processo (reazione di shift ), comune ad entrambe le scelte impiantistiche, porta alla formazione di CO2 ed idrogeno a partire da CO e acqua; la CO2 così ottenuta viene separata grazie a sorbenti fisici che sfruttano le elevate pressioni presenti.
La pre-combustione, attualmente impiegata per la produzione di idrogeno e di ammoniaca, trova giàapplicazioni commerciali pur richiedendo ancora studi e ricerche su alcune problematiche, per esempio la minimizzazione delle perdite energetiche in alcunesezioni dell’impianto IGCC oppure nella fase di reforming del gas naturale. 
Le prospettive comunque sono molto positive sia in termini di miglioramento dell’efficienza che in termini di riduzione dei costi.

Ossi-combustione

In questo processo, la combustione non avviene in un ambiente ricco di aria madi ossigeno quasi puro, con conseguente produzione di gas costituiti da CO2 (con concentrazioni intorno a 70-85 % ) e vapor d’acqua.
Una volta condensata l’acqua, si procede con la separazione della CO2.
Allo stato attuale questa tecnologia è ancora in fase dimostrativa a causa di criticità non del tutto risolte; per esempio i rilevanti consumi energetici dell’ASU (Air Separation Unit, dove l’ossigeno comburente viene separato dall’aria) e un’adeguata progettazione della camera di combustionecamera di combustione
È lo spazio all'interno di una caldaia o di un motore a combustione interna in cui ha luogo la combustione del combustibile. Qui, infatti, il combustibile alimentato si combina con aria comburente rilasciando un'enorme quantità di calore. In questo parte dell'impianto si sviluppano temperature e pressioni molto elevate.
.

Post-combustione

Nella post-combustione lacattura avviene attraverso l’ assorbimento chimico della CO2contenuta neifumi di combustione di impianti a carbone oppure a gas naturale. Il vantaggio principale di tale tecnologia è la possibilità di applicarla anche ad impianti già in esercizio, con interventi tecnologici limitati e complicazioni gestionali sostenibili.
L’assorbimento avviene mediante solventi chimici (ammine) che si legano chimicamente alla CO2 presente nei gas combusti "catturandola". Successivamente, tramite riscaldamento, le ammine si dissociano liberando l’anidride carbonica (questa fase, energeticamente molto dispendiosa, è detta di rigenerazione) che viene quindi trasportata ed immagazzinata.
Esistono anche altri processi di cattura che coinvolgono l’utilizzo di membrane (che attraverso la loro struttura porosa trattengono alcune specie gassose permettendo il passaggio di altre) oppure di sistemi di separazione criogenica che operano a temperature molto basse.
Uno dei compiti principali della ricerca è quello di identificare nuove tipologie di solventi che permettano di ridurre il fabbisogno energetico della fase di rigenerazione.

 

TRASPORTO

Una volta separata, la CO2 viene trasportata verso i siti di stoccaggio previa pulizia da elementi estranei per limitare i problemi di corrosione.
Il trasporto avviene principalmente in 2 modi, il primo dei quali più maturo dal punto di vista commerciale:

  • Attraverso condotti su terraferma oppure sottomarini all’interno dei quali l’anidride carbonica si trova in forma liquida a pressioni molto elevate (maggiori di 74 bar).
  • Attraverso navi dove la CO2 si trova a pressioni inferiori e a temperature più basse. Questo sistema è impiegato prevalentemente nell’industria alimentare per volumi di anidride carbonica anidride carbonica
    (CO2)

    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosferaatmosfera
    Involucro di gas e vapori che circonda la Terra, costituito prevalentemente da ossigeno e da azoto, che svolge un ruolo fondamentale per la vita delle specie, perché fa da schermo alle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. Essa si estende per oltre 1000 km al di sopra della superficie terrestre ed è suddivisa in diversi strati: troposfera (fino a 15-20 chilometri), stratosfera (fino a 50-60 chilometri), ionosfera (fino a 800 chilometri) ed esosfera.
    , fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).
    limitati.

Il trasporto all’interno di tubazioni è una pratica ormai consolidata da tempo, diffusa soprattutto negli USA dove la CO2 è impiegata nell’EOR (Enhanced Oil Recovery) per incrementare la produttività dei pozzi petroliferi o di gas. Si calcola, infatti, che negli Stati Uniti siano più di 3.000 km di condotti operanti già da diversi decenni.

 

CONFINAMENTO DELLA CO2

Il confinamento della CO2 prevede diverse possibilità:

  • Confinamento geologico in formazioni saline profonde (700 – 3.000 m di profondità), pozzi di petrolio/gas esauriti (più di 5.000 m di profondità) oppure giacimenti di carbone.
  • Confinamento nelle profondità oceaniche (opzione in fase di sperimentazione su piccola scala)
  • Stoccaggio minerale attraverso fissazione della CO2 all’interno di minerali per formare componenti a base di carbonio più stabili. Si tratta di far avvenire il processo che ha dato origine alle Dolomiti, riproducendo “artificialmente” quello che in natura accade in tempi molto lunghi.

Il primo sistema è quello più diffuso, soprattutto perché è stato già sviluppato dall’industria petrolifera con applicazioni pratiche di cui è stata provata la sostenibilità economica. L'aspetto fondamentale del confinamento geologico della CO2 risiede nei meccanismi chimici e fisici che intervengono e, "intrappolando la CO2, ne impediscono la migrazione in superficie. Inoltre, la presenza di strati di roccia impermeabile sovrastanti, che fungono come una sorta di “tappo”, fornisceuna garanzia ulteriore per la prevenzione di fuoriuscite di anidride carbonica.
Sistemi efficienti di analisi e di monitoraggio dei siti prescelti anche dopo la conclusione delle operazioni di confinamento garantiranno livelli di perdita ampiamente non apprezzabili di CO2 nell'atmosfera.
Ma quanta CO2 può essere confinata e, quindi, sottratta all’emissione in atmosfera??
L’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) nel suo rapporto IPCC Special Reports - Carbon Dioxide Capture and Storage stima che le capacità di immagazzinamento geologico mondiale siano: 

 

Tecnologie di cattura e sequestro della CO2

 

 L’UE ha valutato che le potenzialità di stoccaggio nel suolo italiano siano le seguenti: 

 

Tecnologie di cattura e sequestro della CO2

 

COSTI

I costi di cattura della CO2 dipendono dalla tipologia d’impianto a cui le CCS vengono applicate e dall’efficienza globale del sistema. In generale l’IEA valuta che l’aumento di costo dovuto all’introduzione delle tecnologie di cattura è tra il 70-100 % rispetto al costo di un impianto senza cattura. Si stima che questi costi potrebbero diminuire del 15 % circa entro il 2030 se fosse supportata una sufficiente attività di R&D e di politiche pubbliche di supporto finanziario.
I costi di cattura dipendono principalmente dai costi impiantistici aggiuntivi e dal fatto che tali sistemi comportano una diminuzione del rendimentorendimento
In termini generali il rendimento è il rapporto tra "quanto ottenuto" in un processo e "quanto speso" per fare avvenire lo stesso processo. In termodinamica rappresenta la capacità di un sistema di convertire l'input di calore in lavoro utile. Il rendimento è un numero puro (cioè non ha unità di misura) ed è sempre compreso tra 0 e 1. A seconda dei termini che vengono messi a confronto è possibile ottenere diverse tipologie di rendimento utili a definire la bontà di un processo o di una macchina (per esempio rendimento elettrico, rendimento termico, ecc..) ma il ragionamento alla base è sempre lo stesso.
 elettrico dell’impianto con conseguente aumento del combustibile a parità di potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
 prodotta.
Ai costi di cattura vanno sommati (IEA Technology Essentials_CCS):

  • Costi di trasporto, che si aggirano intorno a 1-10 $/t CO2 per 100 km
  • Costi di confinamento e monitoraggio che si aggirano intorno tra 2-5 $/t

 

 

Ti potrebbe interessare anche...

"Carbonio""Carbonio"

Un romanzo sui colori della coerenza, su come la si può conservare, e a che prezzo. Licenziato dall'associazione ambientalista in cui militava da anni, Elia Ferri accetta di andare a lavorare per l'enigmatico Ermanno...Scopri tutte le letture consigliate

Il carbone, una risorsa da rivalutare22/06/2015
Il carbone, una risorsa da rivalutare

"Il carbone, una risorsa da rivalutare" Il carbone può aiutare a sconfiggere la povertà e a garantire l’approvvigionamento energetico per tutti....Leggi tutto

Energia: online il ‘super-portale’ europeo sulla ricerca22/05/2015
Energia: online il ‘super-portale’ europeo sulla ricerca

Il Consorzio europeo ERKC (Energy Research Knowledge Centre), di cui l’ENEA è partner, ha realizzato un portale che raccoglie e rende disponibili...Leggi tuttoArchivio

A proposito di... Shale Gas e Carbon Capture & Sequestration: Orizzontenergia ha intervistato il Prof. Enzo Boschi08/10/2013
A proposito di... Shale Gas e Carbon Capture & Sequestration: Orizzontenergia ha intervistato il Prof. Enzo Boschi

Intervista al Prof. Enzo Boschi
Professore ordinario di Sismologia - Università di Bologna 

Gas di scisto (shale gas) e Carbon Capture and...
Leggi tuttoArchivio
Sitemap
   
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti