HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Rifasamento

Ti trovi in: Energipedia - Tutto sull'Energia \ Efficienza & Risparmio \ Per le industrie \ Rifasamento \

Il rifasamento è una tecnica che migliorando il fattore di potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
(cosf) delle macchine elettriche permette di utilizzare l’energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
razionalmente, realizzando importanti risparmi economici e rilevanti miglioramenti tecnici.

In elettrotecnica la potenza attivapotenza attiva
La potenza attiva è la potenza che permette ad una macchina elettrica di compiere un lavoro utile. Essa dipende dalla corrente e dalla tensione.
assorbita da un’utenza elettrica è espressa dalla formula:

P=V*I*cosf

Dove V è la tensionetensione
Grandezza fisica che rappresenta l'energia necessaria a far fluire una carica elettrica tra due punti, per creare una corrente. Nel Sistema Internazionale si misura in Volt. Le linee elettriche possono essere ad altissima tensione (tensione nominale superiore a 150 kV), alta tensione (compresa fra 35 e 150 kV), media tensione (compresa fra 1 e 35 kV) e a bassa tensione (tensione inferiore a 1 kV).
, I è la corrente e f è l’angolo di sfasamento tra i vettori V e I.

La potenza attiva è quella che permette alla macchina elettrica di compiere un lavoro utile. Accanto alla potenza attiva, però, è possibile definire una potenza reattivapotenza reattiva
È la potenza responsabile del campo elettromagnetico necessario ad una macchina elettrica per entrare in funzione. La potenza reattiva non è la potenza utile, non può essere trasformata in lavoro meccanico e causa il transito sulla rete elettrica di corrente induttiva. La potenza reattiva che transita sulle linee, impegnando una sezione utile del cavo e provocando delle cadute di tensione, non genera lavoro e causa una diminuzione della capacità di trasporto di "energia utile".
responsabile del campo elettromagnetico necessario alla macchina elettrica per entrare in funzione.

Uno sfasamento via via maggiore tra tensione e corrente comporta un valore sempre più basso del parametro cosf, il cui valore massimo è pari a 1. Un impianto a basso cosf converte in potenza attiva (P) un valore di potenza minore di quanto possibile (cioè V*I).

Nelle utenze industriali la maggior parte dei carichi è di tipo induttivo (motori, trasformatori). Questo significa che la corrente nel circuito elettrico è sfasata in ritardo rispetto alla tensione, cioè che cosf è < 1 e che quindi vi è un assorbimento di potenza reattiva. Ma la potenza reattiva NON è la potenza utile, NON può essere trasformata in lavoro meccanico e causa il transito sulla rete elettricarete elettrica
Insieme delle linee elettriche, delle stazioni elettriche e delle cabine elettriche adibite alle operazioni di trasmissione e distribuzione dell'elettricità. La rete elettrica può essere ad alta tensione (da 40 a 380 kV), a media tensione (da 1 a 30 kV) o bassa tensione (380 V).
di corrente induttiva.

La potenza reattiva che transita sulle linee, impegnando una sezione utile del cavo e provocando delle cadute di tensione, non genera lavoro e causa una diminuzione della capacità di trasporto di “energia utile”.

Le problematiche causate da un impianto non correttamente rifasato hanno delle ricadute sull’intero sistema elettrico perché comportano:

- Elevate perdite di potenza nella trasmissionetrasmissione
Attività di trasporto dell'elettricità sulla rete a partire dai centri di produzione sino ai centri di utilizzo. Il maggiore proprietario della rete di trasmissione nazionale dell'energia elettrica ad alta tensione è Terna.
di potenza sulle linee elettriche

- Elevate cadute di tensione

- Sovradimensionamento degli impianti di generazione e trasporto

Valori particolarmente bassi di cosf vengano penalizzati dal fornitore di elettricità. Se il fattore di potenza è inferiore a 0.9 e la potenza impegnata è superiore a 15 kWkW
Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
, la società che fornisce energia applica in fattura l’addebito per basso fattore di potenza (Delibera AEEG n. 23/04).

La penale corrisponde a:

Div/1 EN/4 RISP/RIF_Div1_Tab rifasamento.JPG

(Fonte: ANIE e rielaborazioni Assoutility)

L’operazione di rifasamento consiste nell’inserire in parallelo ai motori dei condensatori che contrastano l’effetto dei carichi induttivi, cercando di portare “in fase” tensione e corrente. I condensatori, infatti, si comportano come generatori di potenza reattiva e forniscono alla macchina elettrica tutta la potenza reattiva necessaria per sostenere il campo magnetico. La potenza reattiva fornita dal condensatorecondensatore
Dispositivo in cui si realizza il raffreddamento di un gas (o vapore) che si trasforma in liquido (cedendo energia) grazie al contatto con un altro fluido che, invece, acquista energia e si riscalda.
non viene più prelevata dalla rete, quindi si riduce sia l’intensità della corrente circolante sia lo sfasamento tra tensione e corrente.

Quando il fattore di potenza medio mensile è compreso tra 0.7 e 0.9 non c’è obbligo di rifasare l’impianto, ma l’utenteutente
Soggetto che consuma elettricità o gas.
paga una penale per l’energia reattivaenergia reattiva
Massima energia che generatore ed utilizzatore si scambiano e che, pur non dando luogo a consumi, viene comunque conteggiata dai contatori perché comporta una riduzione dell'energia attiva (cioè quella che utilizziamo per far funzionare le varie apparecchiature) lungo le linee elettriche. Viene misurata in unitá di VArh o suoi multipli.
. Se il fattore di potenza medio mensile è minore di 0.7 l’utente è obbligato a rifasare l’impianto, mentre se il fattore di potenza medio mensile è > di 0.9 non c’è alcun obbligo di rifasamento e non si paga alcuna quota di energia reattiva.

I vantaggi derivanti da un corretto rifasamento sono:

- Miglioramento della tensione

- Riduzione delle perdite

- Ottimizzazione delle gestione dell’impianto elettrico

- Risparmio sulla sostituzione dei conduttori di energia per allungamento della loro vita media, perché rifasando l’impianto si riduce la corrente circolante nei cavi.

Tra i vari interventi di efficientamento definiti per conseguire obiettivi di risparmio energeticorisparmio energetico
Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
nel settore industriale il rifasamento è quello “più trascurato” nonostante offra un tempo di pay-back limitato.

Secondo Enel DistribuzioneDistribuzione
Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
molte utenze prelevano energia reattiva con un cosf inferiore a 0.9, tanto che la quota versata dai consumatori a Enel Distribuzione è stata circa 144 milioni di euro nel 2006. In particolare il gettito è stato erogato per il 92 % da utenti industriale e del terziario.

Sempre secondo dati Enel Distribuzione l’aumento dell’obbligo passando da cosf 0.9 a cosf 0.95 comporterebbe il risparmio di 0.6-1 TWh all’anno.

L’Autorità per l’Energia ElettricaEnergia Elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
e il Gas e l’Enel ritengono che una quota consistente della penale reattiva immessa in rete è dovuta ad impianti di illuminazione pubblica non dotati di impianti di rifasamento.

Ti potrebbe interessare anche...

"Energy management""Energy management"

"L'efficienza energetica è attraente e ostica, facile e difficile, invocata, troppo spesso mitizzata. Promette molto ma non sempre mantiene, e resta circonfusa di aloni di indecidibilità: un macchinario è concreto,...

Scopri tutte le letture consigliate

Risparmio energetico: L'ora legale permette di risparmiare 104 mln. di euro27/03/2017
Risparmio energetico: L'ora legale permette di risparmiare 104 mln. di euro

Lo scorso weekend, nella notte tra Sabato 25 e Domenica 26 Marzo, è tornata in vigore l'ora legale e di conseguenza le lancette dei nostri orologi...

Leggi tutto

Efficienza energetica: A che punto si trova il mercato italiano?22/03/2017
Efficienza energetica: A che punto si trova il mercato italiano?

La direttiva che ha imposto l'obbligo di efficientamento energetico per i condomini sta mostrando i suoi primi risultati: il Nord e Centro Italia...

Leggi tuttoArchivio

Come opera una ESCo sul mercato italiano. Storia e prospettive05/07/2016
Come opera una ESCo sul mercato italiano. Storia e prospettive

Abbiamo discusso con l'Ing. Giacomo Cantarella, Business Unit Service Industry Manager presso Yousave S.p.A. (Innowatio Group), su evoluzione e...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
Illuminazione Efficiente?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti