HomeChi siamoComitato ScientificoPartner e PatrociniContattiNewsVideoIntervisteEventiFeed RSS
facebook.comtwitter.complus.google.compinterest.comyoutube.comlinkedin.comoknotizie.virgilio.it
OrizzontEnergia

Come risparmiare in bolletta

Ti trovi in: Energipedia - Tutto sull'Energia \ Efficienza & Risparmio \ Come risparmiare in bolletta \

Come risparmiare energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
in casa... e non solo

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div1_globo tra le mani.JPGL’energia è un bene prezioso e come tale non deve essere sprecato. Produrre energia costa. Essere più attenti a come la impieghiamo quotidianamente invece non costa nulla!!

Per questo motivo è bene pensare a come potremmo utilizzarne di meno senza per questo privarci di qualcosa, contribuendo anche a tutelare l’ambiente e la nostra salute.

Certo, la sostenibilità energetica rappresenta l’obiettivo di politiche strutturate a livello nazionale ed internazionale, ma ci sono molti semplicissimi gesti che ciascuno di noi può fare, nel proprio piccolo, per risparmiare energia.

Alcuni di questi gesti sono così ovvii e sarebbe assurdo se non li mettessimo in pratica!!

Iniziamo, quindi, a dare il nostro contributo e magari anche a suggerire agli altri di fare lo stesso perché insieme si possono ottenere risultati significativi.

ILLUMINAZIONE

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div2_lampadina.jpg - Utilizzare sistemi di illuminazione efficienti sostituendo le vecchie lampadine con lampade a basso consumo. Sostituire anche solo 3 lampadine a incandescenza da 100 Watt con 3 lampadine CFL a basso consumo da 20 W si possono ridurre del 7 % i consumi annui totali di energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
, con un risparmio di 45 euro/anno per famiglia. Si può iniziare a sostituirle nelle stanze dove restano accese più a lungo: la convenienza aumenta all’aumentare delle ore di utilizzo. Accendi il risparmio, spegni le lampadine che non servono!!

- Pulire regolarmente gli apparecchi di illuminazione: polvere e fumo si depositano riducendo fino al 20 % la quantità di luce normalmente emessa.

- Evitare luci accese nelle stanze non occupate. Negli ambienti dove questo rischio è maggiore (scale, cantine, autorimesse) conviene installare un interruttore a tempo.

FRIGORIFERO

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div3_frigorifero.jpg- In caso di acquisto scegliere un modello di classe energetica elevata (A, A+, A++).

- Il termostatotermostato
Apparecchiatura, di tipo meccanico o elettronico, che permette di regolare e mantenere la temperatura in base alle impostazioni date. È uno strumento impiegato in diversi ambienti, sia industriali che domestici, che consente di evitare inutili sprechi energetici.
del frigo deve essere regolato su 3-6 °C, mentre quello del freezer tra -18 e -15 °C. Posizioni eccessivamente fredde sono inutili per la conservazione dei cibi, mentre i consumi energetici aumentano del 10-15 %.

- Posizionare il frigorifero o il congelatore in luoghi ben areati lontani da fonti di calore. Lasciare almeno 10 cm tra la parete e il retro dell’apparecchio.

- Ricordarsi di sbrinare regolarmente il frigo e il congelatore: uno strato di brina superiore ai 5 mm funziona da isolante e quindi fa aumentare i consumi energetici dell’apparecchio.

- Accertarsi che gli sportelli del frigo si chiudano bene. Sostituire le guarnizioni quando sono danneggiate. Non aprirlo troppo spesso, se non quando è necessario.

- Aprire lo sportello del frigo il meno frequentemente possibile e non tenerlo aperto troppo a lungo. Ogni volta che viene aperto entra aria calda: per ogni minuto di apertura ne servono 3 perché il frigo ritorni alla temperatura stabilita.

- Non mettere alimenti ancora caldi in frigo per non costringere il compressorecompressore
Macchina operatrice che impartisce ad un gas in ingresso (per esempio aria o gas naturale) una certa quantità di moto tale da innalzarne la pressione fino al valore richiesto.
del frigo a lavorare di più

- Mantenere pulite le serpentine del condensatorecondensatore
Dispositivo in cui si realizza il raffreddamento di un gas (o vapore) che si trasforma in liquido (cedendo energia) grazie al contatto con un altro fluido che, invece, acquista energia e si riscalda.
poste sul retro del frigorifero perché la polvere, accumulandosi, costringe il motore a lavorare di più perché lo scambioscambio
Scambio tra energia elettrica immessa ed energia elettrica prelevata, nel caso in cui l'immissione e il prelievo avvengono in momenti differenti.
termico con l’aria peggiora.

LAVATRICE E ASCIUGABIANCHERIA

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div4_Lavatrice.jpg- In caso di acquisto scegliere modelli di classe energetica elevata (A, A+, A++).

- Utilizzare la lavatrice e l’asciugabiancheria SOLO a pieno carico. In caso contrario selezionare la funzione “mezzo carico”.

- Lavare la biancheria a basse temperature (40-60 °C ) con detersivi già attivi a basse temperature. In un ciclo di lavaggio la fase di riscaldamento dell’acqua è quella dove si consuma più energia. Un lavaggio in lavatrice a 90°C, per esempio, consuma quasi il doppio di energia di uno a 60°C e non è ottimale per i tessuti perché li deteriora più rapidamente. Questo accorgimento permette di ottenere un risparmio del 3 % circa sui consumi annuali di elettricità.

- Regolare la centrifuga su un numero di giri non troppo elevato.

LAVASTOVIGLIE

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div5_Lavastoviglie.jpg - In caso di acquisto scegliere un modello di classe energetica elevata (A, A+, A++).

- Utilizzare solo a pieno carico o impostare “mezzo carico”.

- Asportare i residui più grossi delle pietanze prima di introdurre le stoviglie nella macchina per evitare l’intasamento del filtro con conseguente riduzione dell’efficacia del lavaggio.

- Lasciare asciugare i piatti all’aria aprendo lo sportello dopo il lavaggio per favorire la circolazione dell’aria e quindi l’asciugatura. La semplice circolazione dell’aria consente un risparmio del 45 % di energia elettrica in ogni ciclo, riducendone la durata di almeno 15 min.

CONDIZIONATORE E IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div6_Condizionatore.jpg- In caso di acquisto scegliere un modello di classe energetica elevata (A, A+, A++).

- Regolare il termostato dei condizionatori d’aria in modo da ottenere una differenza di temperatura tra l’esterno e l’interno di non più di 5 °C. Abbassare il termostato di 1 °C permette di risparmiare il 10 % sulla bolletta.

- Pulire o sostituire (se necessario) i filtri degli impianti di riscaldamento.

- Installare valvole termostatiche sui termosifoni per regolare in ogni stanza la temperatura ideale. Il risparmio di energia indotto da questa misura è del 10-20 %.

- Pulire regolarmente i ventilconvettori e i radiatori, assicurandosi che non siano ostruiti da mobili, tappeti o tende.

- Spurgare l’aria dai radiatori.

- Tenere le finestre chiuse quando il riscaldamento e acceso.

SCALDABAGNO

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div7_Scaldabagno.jpg- Installare lo scaldabagno vicino al punto di utilizzo per evitare inutili dispersioni di calore dell’acqua attraverso lunghe tubazioni.

- Non tenere lo scaldabagno permanentemente acceso se non se ne fa un uso continuativo. Gran parte dei consumi sono dovuti a mantenere l’acqua sempre calda, anche se non la sia usa.

- Regolare il termostato sui 48 °C d’inverno e sui 40 °C d’estate.

- Verificare la possibilità/convenienza di sostituire lo scaldabagno elettrico con uno a gas oppure di installare un impianto solare termico che consente di produrre fino al 70 % di acqua calda.

CUCINA

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div8_Cucina.jpg- Coprire le pentole e abbassare il fuoco

-Utilizzare le pentole a pressione e il forno a microonde ( soprattutto per quantità medie e piccole di alimenti) perché abbreviano di molto i tempi di cottura.

- Durante la cottura in forno aprire lo sportello il meno possibile - Spegnere il forno poco prima della fine della cottura così da sfruttare il calore residuo

APPARECCHI ELETTRONICI

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div9_simbolo stand_by.jpg - Non lasciare televisore, videoregistratore, lettore DVD o lo stereo in stand-by. Le apparecchiature lasciate in stand-by possono arrivare a consumare la stessa quantità di energia elettrica utilizzata per il periodo in cui rimangono accese.

- Staccare dalla presa il caricabatterie del cellulare dopo l’uso

- Abilitare la modalità “risparmio” sui computer ove è consentito. Se questo non è possibile usare programmi che anneriscono lo schermo

- Per pause che superano i 10 min spegnere il monitor del computer. È falsa l’idea che l’accensione/spegnimento del computer lo danneggi.

- Spegnere il computer e la stampante disinserendo, se possibile, la spina. I trasformatori continuano a consumare elettricità anche a computer spento.

ISOLAMENTO

Div/1 EN/4 RISP/CONSIGLI_Div10_Isolamento.jpg- Isolare il cassonetto degli avvolgibili con pannelli di materiale isolante di spessore non inferiore a 2-3 cm. Con questo intervento (che ha un costo di 10 euro circa per cassonetto) è possibile ottenere un risparmio del 5-10 % sulla spesa per il riscaldamento, pari a circa 40-100 euro all’anno in media. Più in generale, un adeguato isolamento termico delle pareti può consentire risparmi di energia fino al 70 % perché ne riduce le dissipazioni.

- Sostituire i vetri singoli delle finestre con doppi/tripli vetri e infissi isolanti consente un risparmio di energia tra 15 e 40 %, relativamente alla dispersione termica attraverso questi componenti.

Ti potrebbe interessare anche...

"105 Buone pratiche di efficienza energetica Made in Italy""105 Buone pratiche di efficienza energetica Made in Italy"

L’efficienza energetica è uno degli assi portanti delle politiche europee di sviluppo economico, ed è considerata uno degli elementi centrali per delineare il futuro sostenibile dell’UE. Nel nostro paese, nonostante...

Scopri tutte le letture consigliate

Efficienza energetica: Il cloud per minimizzare sprechi ed emissioni19/04/2017
Efficienza energetica: Il cloud per minimizzare sprechi ed emissioni

Enerbrain è una start up torinese (divenuta s.r.l nel 2015) distintasi grazie a soluzioni progettate per risparmio energetico ed efficienza...

Leggi tutto

Efficienza energetica: Le linee guida sui Certificati Bianchi06/04/2017
Efficienza energetica: Le linee guida sui Certificati Bianchi

Sulla Gazzetta Ufficiale n°78 del 3/04/2017 è stato pubblicato il decreto del MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) riferito alla...

Leggi tuttoArchivio

Come opera una ESCo sul mercato italiano. Storia e prospettive05/07/2016
Come opera una ESCo sul mercato italiano. Storia e prospettive

Abbiamo discusso con l'Ing. Giacomo Cantarella, Business Unit Service Industry Manager presso Yousave S.p.A. (Innowatio Group), su evoluzione e...

Leggi tuttoArchivio

Quanto ne sai su
"Energy & Security in Banca"?
esplora le nostre pagine educational
Energipedia

Sitemap
    
Home | Orizzontenergia in due parole | I nostri convegni | Chi siamo | Note legali | Privacy | Contatti